News e Comunicazioni

Le Nazioni Unite riferiscono che il reclutamento di bambini-soldato nella guerra civile in Sud Sudan continua a crescere: si stima che ci siano circa 11mila – ma probabilmente molti di più – bambini tra gli 11 e i 17 anni divisi tra esercito ribelle e governativo. Questi ragazzini vengono solitamente rapiti mentre sono a scuola e obbligati a seguire il training per diventare delle macchine da guerra. nel caso decidono di ribellarsi, vengono puniti duramente. Se qualcuno si sente male durante gli spostamenti viene abbandonato a sé stesso. Se qualcuno di loro chiede perché devono entrare nell’esercito, la risposta che ricevono è: “per difendere la tua tribù”.

Alcuni di questi bambini però, riescono a scappare senza farsi prendere e riescono a raggiungere il campo di Bentiu gestito dalle Nazioni Unite. Qui la loro vita non è molto più facile: non sono più combattenti in prima linea della guerra civile, ma rimangono dei soggetti vulnerabili in un campo, dove vivono circa 47mila persone in file infinite di tende in mezzo a pozzanghere fangose.

Nonostante alcuni esponenti di alcuni gruppi ribelli, come lo SPLA, sostengano che non tutti i gruppi armati inseriscono ancora bambini-soldato tra i loro ranghi e che le organizzazioni internazionali generalizzano troppo, a causa dei quasi inesistenti segnali di pace tra le parti, è possibile che il reclutamento forzato negli eserciti di bambini sotto i 15 aumenterà.

BBC

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Le Nazioni Unite<\/b> riferiscono che il reclutamento di bambini-soldato<\/b> nella guerra civile in Sud Sudan<\/b> continua a crescere: si stima che ci siano circa 11mila \u2013 ma probabilmente molti di pi\u00f9 \u2013 bambini tra gli 11 e i 17 anni divisi tra esercito ribelle e governativo. Questi ragazzini vengono solitamente rapiti mentre sono a scuola e obbligati a seguire il training per diventare delle macchine da guerra. nel caso decidono di ribellarsi, vengono puniti duramente. Se qualcuno si sente male durante gli spostamenti viene abbandonato a s\u00e9 stesso. Se qualcuno di loro chiede perch\u00e9 devono entrare nell’esercito, la risposta che ricevono \u00e8: \u201cper difendere la tua trib\u00f9<\/i>\u201d.<\/span>
<\/p>

Alcuni di questi bambini per\u00f2, riescono a scappare senza farsi prendere e riescono a raggiungere il campo di Bentiu<\/b> gestito dalle Nazioni Unite. Qui la loro vita non \u00e8 molto pi\u00f9 facile: non sono pi\u00f9 combattenti in prima linea della guerra civile, ma rimangono dei soggetti vulnerabili in un campo, dove vivono circa 47mila persone in file infinite di tende in mezzo a pozzanghere fangose.<\/p>

Nonostante alcuni esponenti di alcuni gruppi ribelli, come lo SPLA<\/b>, sostengano che non tutti i gruppi armati inseriscono ancora bambini-soldato tra i loro ranghi e che le organizzazioni internazionali generalizzano troppo, a causa dei quasi inesistenti segnali di pace tra le parti, \u00e8 possibile che il reclutamento forzato negli eserciti di bambini sotto i 15 aumenter\u00e0.<\/p>

BBC<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

23 dicembre 2019

News dal Kenya

Il Viaggio di Novembre

Lo scorso novembre è stato un mese pieno di grandi avvenimenti per la nostra associazione. Molti di questi si sono svolti durante il viaggio degli ospiti, genitori a distanza e … Continua

21 dicembre 2019

Sostegno a Distanza: una Storia Speciale

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione: ben 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza! Questo significa che potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua

19 dicembre 2019

L'Anemia Falciforme e i Nostri Piccoli Eroi

Si sente parlare spesso di malattie legate al continente africano, come HIV, malaria e tubercolosi. Ma esiste un’altra malattia di cui nessuno parla e che causa problemi gravi a moltissimi … Continua