News e Comunicazioni

Oggi è la Giornata internazionale dei Migranti, istituita dalle Nazioni Unite già nel 1990 quando fu adottata la Convenzione sulla Protezione dei diritti dei Migranti e i Membri delle loro Famiglie. Le Nazioni Unite riconoscono l’importanza del contributo dato dai migranti ai paesi di destinazione e invitano ad una maggior cooperazione nell’affrontare l’immigrazione irregolare e per promuovere gli standard internazionali di lavoro. Inoltre viene condannato ogni atto pubblico di razzismo ed intolleranza nei confronti degli immigrati e dell’immigrazione in sé.

Procedure flessibili d’immigrazione sono essenziali per lavoratori qualificati per muoversi da Paese a Paese, a causa di recenti conflitti, i flussi migratori stanno aumentando la loro portata, di conseguenza i principali Paesi di destinazione stanno chiudendo i confini, incoraggiando le persone disperate a rischiare maggiormente. Le ’carrette del mare’ che tentano di arrivare a Lampedusa, ma che il più delle volte rimangono in panne a metà della traversata, sono un esempio. L’OIM ha fatto notare che controlli più severi sui confini non avranno l’effetto desiderato sul lungo periodo, anzi i migranti cominceranno a cercare vie alternative, potenzialmente più pericolose. Il 2014 è stato l’anno boom per gli sbarchi di immigrati nel canale di Sicilia: fino a ottobre sono arrivate in Italia 146.922 persone rispetto alle 63 mila del 2011, mentre gli sbarchi sono stati 918. La stima delle vittime di questi viaggi della speranza è di 3 mila morti nel Mediterraneo, tra gennaio e settembre.

L’atteggiamento comune dei Paesi maggiormente interessati dall’immigrazione di ‘sigillare’ i confini è sempre più preoccupante perché trasmette l’idea che i migranti siano indesiderati anche prima che il loro status sia stato determinato e potrebbe scoraggiare i cittadini ad aiutare chi è più vulnerabile. E non scordiamo che i vari Governi dovrebbero dare maggior importanza alla migrazione, condizione che accomuna l’umanità intera, costantemente alla ricerca di un futuro migliore e della sicurezza personale.

UNThe EldersResto al Sud

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Oggi \u00e8 la Giornata internazionale dei Migranti<\/b>, istituita dalle Nazioni Unite<\/b> gi\u00e0 nel 1990 quando fu adottata la Convenzione sulla Protezione dei diritti dei Migranti e i Membri delle loro Famiglie. Le Nazioni Unite riconoscono l\u2019importanza del contributo dato dai migranti ai paesi di destinazione e invitano ad una maggior cooperazione nell’affrontare l\u2019immigrazione irregolare e per promuovere gli standard internazionali di lavoro. Inoltre viene condannato ogni atto pubblico di razzismo ed intolleranza nei confronti degli immigrati e dell\u2019immigrazione in s\u00e9.<\/span><\/p>

Procedure flessibili d\u2019immigrazione<\/b> sono essenziali per lavoratori qualificati per muoversi da Paese a Paese, a causa di recenti conflitti, i flussi migratori stanno aumentando la loro portata, di conseguenza i principali Paesi di destinazione stanno chiudendo i confini, incoraggiando le persone disperate a rischiare maggiormente. Le \u2019carrette del mare\u2019 che tentano di arrivare a Lampedusa<\/b>, ma che il pi\u00f9 delle volte rimangono in panne a met\u00e0 della traversata, sono un esempio. L\u2019OIM<\/b> ha fatto notare che controlli pi\u00f9 severi sui confini non avranno l\u2019effetto desiderato sul lungo periodo, anzi i migranti cominceranno a cercare vie alternative, potenzialmente pi\u00f9 pericolose. Il 2014 \u00e8 stato l\u2019anno boom per gli sbarchi di immigrati nel canale di Sicilia: fino a ottobre sono arrivate in Italia 146.922 persone rispetto alle 63 mila del 2011, mentre gli sbarchi sono stati 918. La stima delle vittime di questi viaggi della speranza \u00e8 di 3 mila morti nel Mediterraneo<\/b>, tra gennaio e settembre.<\/p>

L\u2019atteggiamento comune dei Paesi maggiormente interessati dall’immigrazione di \u2018sigillare\u2019 i confini \u00e8 sempre pi\u00f9 preoccupante perch\u00e9 trasmette l\u2019idea che i migranti siano indesiderati anche prima che il loro status sia stato determinato e potrebbe scoraggiare i cittadini ad aiutare chi \u00e8 pi\u00f9 vulnerabile. E non scordiamo che i vari Governi<\/b> dovrebbero dare maggior importanza alla migrazione, condizione che accomuna l\u2019umanit\u00e0 intera, costantemente alla ricerca di un futuro migliore e della sicurezza personale.<\/p>

UN<\/a>, The Elders<\/a>, Resto al Sud<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

23 dicembre 2019

News dal Kenya

Il Viaggio di Novembre

Lo scorso novembre è stato un mese pieno di grandi avvenimenti per la nostra associazione. Molti di questi si sono svolti durante il viaggio degli ospiti, genitori a distanza e … Continua

21 dicembre 2019

Sostegno a Distanza: una Storia Speciale

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione: ben 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza! Questo significa che potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua

19 dicembre 2019

L'Anemia Falciforme e i Nostri Piccoli Eroi

Si sente parlare spesso di malattie legate al continente africano, come HIV, malaria e tubercolosi. Ma esiste un’altra malattia di cui nessuno parla e che causa problemi gravi a moltissimi … Continua