News e Comunicazioni

Questa settimana, in Kenya, sarebbe dovuta coincidere con l’inizio del nuovo anno scolastico, ma a causa degli esiti negativi dei negoziati tra il governo e i sindacati degli insegnati, dal primo di gennaio gli insegnati hanno deciso di incrociare le braccia. Questa mossa è stata il risultato di incontri che vanno avanti dal settembre scorso con lo scopo di raggiungere un accordo sostenibile sui salari degli insegnanti pubblici, senza però alcun successo.

Il Segretario Generale del Kenya Union of Post-Primary Education Teachers (KUPPET), Akelo Misori, ha affermato “ci aspettavamo un’offerta considerevole da parte del Governo, ma non abbiamo ottenuto niente di serio”. La richiesta del sindacato degli insegnanti include tra le altre cose, il nodo centrale del confronto, ovvero un aumento del salario di base pari al 200%.

In questo clima teso, il portavoce del Governo invita comunque i genitori degli studenti a continuare a portare i propri figli a scuola, e gli insegnanti ad interrompere lo sciopero perché contrario alla legge nazionale.

Daily Nation 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Questa settimana, in Kenya<\/b>, sarebbe dovuta coincidere con l’inizio del nuovo anno scolastico, ma a causa degli esiti negativi dei negoziati tra il governo e i sindacati degli insegnati<\/b>, dal primo di gennaio gli insegnati hanno deciso di incrociare le braccia. <\/span>Questa mossa \u00e8 stata il risultato di incontri che vanno avanti dal settembre scorso con lo scopo di raggiungere un accordo sostenibile sui salari degli insegnanti pubblici, senza per\u00f2 alcun successo.<\/span><\/p>

Il Segretario Generale del Kenya Union of Post-Primary Education Teachers<\/b> (KUPPET), Akelo Misori<\/b>, ha affermato \u201cci aspettavamo un’offerta considerevole da parte del Governo, ma non abbiamo ottenuto niente di serio<\/i>\u201d. La richiesta del sindacato degli insegnanti include tra le altre cose, il nodo centrale del confronto, ovvero un aumento del salario di base pari al 200%.<\/p>

In questo clima teso, il portavoce del Governo<\/b> invita comunque i genitori degli studenti a continuare a portare i propri figli a scuola, e gli insegnanti ad interrompere lo sciopero perch\u00e9 contrario alla legge nazionale.<\/p>

Daily Nation<\/a> 
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

1 febbraio 2018

News dal Kenya

Volontariato internazionale: come partire per il Kenya

Alice for Children organizza campi di volontariato internazionale in Kenya, un’occasione unica per toccare con mano il mondo della solidarietà e della cooperazione internazionale: qualsiasi passione e competenza può essere messa in campo per … Continua

17 gennaio 2018

News dal Kenya

SIGEP 2018: Alice Italian Food Academy vola a Rimini

Il nuovo anno inizia con una grande occasione per Alice for Children: la presenza a Sigep 2018, Salone Internazionale della Gelateria, Pasticceria, Pacificazione Artigianale e Caffè, con uno stand dedicato ad … Continua

7 gennaio 2018

Il reddito universale di base - un esperimento di sviluppo

L’universal basic income (UBI), o reddito universale di base, è uno degli strumenti di intervento per lo sviluppo più discussi in questi anni. Give Directly, un’organizzazione che si occupa di … Continua