News e Comunicazioni

La produzione di olio di marula per prodotti cosmetici, potrebbe essere una via per aumentare il tasso di occupazione in Kenya. L’albero di marula cresce nella zona meridionale dell’Africa e in alcune zone orientali e occidentali. Fino alla fine degli anni Novanta, l’olio di marula era utilizzato solo per la produzione di un liquore Sudafricano, l’Amarula, il trend è cambiato quando una cooperativa di donne namibiane iniziò a produrre l’olio per l’industria cosmetica.

Contenendo più antiossidanti e omega 9 dell’olio di argan, l’olio di marula garantisce una maggiore protezione della pelle dall’ambiente circostante e dai radicali liberi che portano all’invecchiamento precoce della pelle. Quest’olio verrà immesso sul mercato dell’Africa orientale, grazie a Philip Leakey, agricoltore e imprenditore kenyota, che coltiva circa 6mila alberi sul suo terreno e ha intenzione di piantarne altri 50mila. Finora Leakey e la moglie hanno prodotto più di 6mila litri di olio di marula venduti negli Stati Uniti attraverso i canali del commercio equo.

Ol Kerii, l’azienda di Leakey, da impiego regolare a circa 800 persone, delle quali, il 95% sono donne. Gli aspetti interessanti della vita lavorativa in quest’azienda consistono nel fatto che non c’è una fabbrica, non ci sono orari di entrata o uscita e i lavoratori – una volta ricevuto il training – possono lavorare quanto vogliono in modo tale che la loro routine domestica non ne risenta. Ovviamente le paghe si adeguano alla quantità di lavoro effettivo portato a termine. Questo metodo, di conseguenza, dovrebbe incentivare la produzione.

Guardian 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

La produzione di olio di marula<\/b> per prodotti cosmetici, potrebbe essere una via per aumentare il tasso di occupazione in Kenya<\/b>. L\u2019albero di marula cresce nella zona meridionale dell\u2019Africa e in alcune zone orientali e occidentali. Fino alla fine degli anni Novanta, l\u2019olio di marula era utilizzato solo per la produzione di un liquore Sudafricano, l\u2019Amarula, il trend \u00e8 cambiato quando una cooperativa di donne namibiane inizi\u00f2 a produrre l\u2019olio per l\u2019industria cosmetica<\/b>.<\/span>
<\/p>

Contenendo pi\u00f9 antiossidanti e omega 9 dell\u2019olio di argan, l\u2019olio di marula garantisce una maggiore protezione della pelle dall’ambiente circostante e dai radicali liberi che portano all’invecchiamento precoce della pelle. Quest\u2019olio verr\u00e0 immesso sul mercato dell\u2019Africa orientale, grazie a Philip Leakey<\/b>, agricoltore e imprenditore kenyota, che coltiva circa 6mila alberi sul suo terreno e ha intenzione di piantarne altri 50mila. Finora Leakey e la moglie hanno prodotto pi\u00f9 di 6mila litri di olio di marula venduti negli Stati Uniti attraverso i canali del commercio equo.<\/span><\/p>

Ol Kerii<\/b>, l\u2019azienda di Leakey, da impiego regolare a circa 800 persone, delle quali, il 95% sono donne. Gli aspetti interessanti della vita lavorativa in quest\u2019azienda consistono nel fatto che non c\u2019\u00e8 una fabbrica, non ci sono orari di entrata o uscita e i lavoratori \u2013 una volta ricevuto il training \u2013 possono lavorare quanto vogliono in modo tale che la loro routine domestica non ne risenta. Ovviamente le paghe si adeguano alla quantit\u00e0 di lavoro effettivo portato a termine. Questo metodo, di conseguenza, dovrebbe incentivare la produzione.<\/p>

Guardian<\/a> 
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

12 dicembre 2019

Il Giving Tuesday e il #RegaloPiùBello

Se ci seguite sui social e se ricevete le nostre comunicazioni, vi sarete imbattuti ultimamente in alcune nostre iniziative di raccolta fondi legate al Giving Tuesday. Ma perché questo martedì … Continua

27 novembre 2019

AIFA

22 Novembre 2019: una Giornata Davvero Speciale!

Nella giornata di venerdì 22 novembre, gli studenti della nostra Alice Italian Food Academy hanno gareggiato per aggiudicarsi il Premio Ricette di Bontà 2019 del Cucchiaio d’Argento e hanno ricevuto … Continua

4 novembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Irene

Le scorse settimane vi abbiamo parlato di due nostri studenti di Alice Italian Food Academy, Brian e Rodgers. Oggi vi presentiamo una ragazza davvero in gamba, che sta stupendo tutti … Continua