News e Comunicazioni

Il Burundi è un paese orgoglioso di ospitare gli esemplari di coccodrillo più grandi del pianeta, senza però ammettere che numerosi di questi esemplari sono spariti dalle rive del Lago Tanganyka a causa del massiccio bracconaggio degli ultimi decenni. Infatti, gli abitanti per sopravvivere alla fame e alla povertà estreme causate guerra civile durata 12 anni, hanno cominciato a cacciare e nutrirsi di coccodrillo. La guerra civile è terminata nel 2005, ma non la condizione di povertà estrema nella quale si trova la popolazione.

È stato in questi anni che Albert Ngendera, che come i suoi connazionali si è nutrito di coccodrillo, ha deciso di salvare 12 cuccioli dai fornelli, sistemandoseli nel cortile di casa a Bujumbura, la capitale del paese.

Ad oggi però, Ngendera, che ora si ritrova 45 esemplari in cortile, non ha ancora ricevuto risposte positive dal Governo il quale aveva promesso un appezzamento di terreno dove poter creare una riserva naturale. Il Presidente del Burundi ha chiamato Albert per discutere la questione, ma ottenere terreni per gli animali in uno dei paesi più densamente popolati della terra è difficile. Il governo non ha i fondi per proteggere i coccodrilli che, nonostante una legge che punisce i cacciatori con sei mesi di detenzione e una multa, rischiano di scomparire.

The Guardian

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Il Burundi<\/b> \u00e8 un paese orgoglioso di ospitare gli esemplari di coccodrillo<\/b> pi\u00f9 grandi del pianeta, senza per\u00f2 ammettere che numerosi di questi esemplari sono spariti dalle rive del Lago Tanganyka a causa del massiccio bracconaggio degli ultimi decenni. Infatti, gli abitanti per sopravvivere alla fame e alla povert\u00e0 estreme causate guerra civile durata 12 anni, hanno cominciato a cacciare e nutrirsi di coccodrillo. La guerra civile \u00e8 terminata nel 2005, ma non la condizione di povert\u00e0 estrema nella quale si trova la popolazione.<\/p>

\u00c8 stato in questi anni che Albert Ngendera<\/b>, che come i suoi connazionali si \u00e8 nutrito di coccodrillo, ha deciso di salvare 12 cuccioli dai fornelli, sistemandoseli nel cortile di casa a Bujumbura, la capitale del paese.<\/p>

Ad oggi per\u00f2, Ngendera, che ora si ritrova 45 esemplari in cortile, non ha ancora ricevuto risposte positive dal Governo<\/b> il quale aveva promesso un appezzamento di terreno dove poter creare una riserva naturale. Il Presidente del Burundi ha chiamato Albert per discutere la questione, ma ottenere terreni per gli animali in uno dei paesi pi\u00f9 densamente popolati della terra \u00e8 difficile. Il governo non ha i fondi per proteggere i coccodrilli che, nonostante una legge che punisce i cacciatori con sei mesi di detenzione e una multa, rischiano di scomparire.<\/span><\/p>

The Guardian<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

22 maggio 2020

Coronavirus

In Kenya la Crisi Economica diventa Crisi Alimentare

“La pandemia minaccia il progresso africano. Aggraverà le disuguaglianze di antica data e aumenterà la fame, la malnutrizione e la vulnerabilità alle malattie”. Così qualche giorno fa il segretario generale … Continua

18 maggio 2020

Coronavirus

A Nairobi è "Emergenza Acqua Pulita"

Non bastava il lockdown a rendere la vita negli slum ancora più infernale: le piogge torrenziali che hanno colpito il Kenya la scorsa settimana hanno distrutto una parte dell’acquedotto. Adesso … Continua

15 maggio 2020

Coronavirus

Le demolizioni nelle baraccopoli durante il lockdown

“C’erano una volta in quel luogo delle persone che non erano umane”. Inizia così un articolo di un quotidiano keniota online che parla di ciò che è successo nella baraccopoli … Continua

× Come possiamo aiutarti?