News e Comunicazioni

Ogni anno, tra gennaio e marzo, il nord del Kenya viene colpito da una devastante ondata di siccità; quest’anno non è diverso dai precedenti. La regione più interessata in particolare è Taita Taveta County, dove la popolazione è costretta a lunghe camminate alla ricerca di una fonte d’acqua, mettendo a rischio la loro vita. Inoltre, i pastori della zona del Lago Turkana, tradizionalmente nomadi, non solo stanno incontrando molte difficoltà a sopravvivere, ma devono anche proteggere il loro territorio dalle tribù rivali che trapassano i confini dall’Etiopia.

Come tutti i pastori, Ibrahim Hassan, in questo periodo avrebbe dovuto spostare il suo gregge lungo il fiume Tana alla ricerca di pascoli più verdi, ma questa volta ha deciso di non muoversi. Ha spiegato che durante la stagione delle piogge ha raccolto più fieno possibile e messo da parte in grosse balle in preparazione per la stagione secca, risparmiandosi così lunghi e pericolosi viaggi. Una ‘tecnologia’ semplice, ma efficace.

Questo metodo permette ai pastori di salvare più capi di bestiame e avere maggiori sicurezze economiche, che si trasformano in maggiori benefici per la comunità: i bambini continuano a frequentare le lezioni a scuola, non dovendo aiutare le famiglie con la preparazione della migrazione, e le bambine non vengono date in spose ancora bambine.

The Guardian, All Africa, Reuters

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Ogni anno, tra gennaio e marzo, il nord del Kenya<\/b> viene colpito da una devastante ondata di siccit\u00e0<\/b>; quest\u2019anno non \u00e8 diverso dai precedenti. La regione pi\u00f9 interessata in particolare \u00e8 Taita Taveta County<\/b>, dove la popolazione \u00e8 costretta a lunghe camminate alla ricerca di una fonte d\u2019acqua, mettendo a rischio la loro vita. Inoltre, i pastori della zona del Lago Turkana<\/b>, tradizionalmente nomadi, non solo stanno incontrando molte difficolt\u00e0 a sopravvivere, ma devono anche proteggere il loro territorio dalle trib\u00f9 rivali che trapassano i confini dall’Etiopia.<\/span>
<\/p>

Come tutti i pastori, Ibrahim Hassan<\/b>, in questo periodo avrebbe dovuto spostare il suo gregge lungo il fiume Tana alla ricerca di pascoli pi\u00f9 verdi, ma questa volta ha deciso di non muoversi. Ha spiegato che durante la stagione delle piogge ha raccolto pi\u00f9 fieno<\/b> possibile e messo da parte in grosse balle in preparazione per la stagione secca, risparmiandosi cos\u00ec lunghi e pericolosi viaggi. Una ‘tecnologia’ semplice, ma efficace.<\/p>

Questo metodo permette ai pastori di salvare pi\u00f9 capi di bestiame e avere maggiori sicurezze economiche<\/b>, che si trasformano in maggiori benefici per la comunit\u00e0: i bambini continuano a frequentare le lezioni a scuola, non dovendo aiutare le famiglie con la preparazione della migrazione, e le bambine non vengono date in spose ancora bambine.<\/p>

The Guardian<\/a>, All Africa<\/a>, Reuters<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua