News e Comunicazioni

In occasione della settimana internazionale di sensibilizzazione alla salute riproduttiva e sessuale, il governo di Nairobi in collaborazione con ONG locali e Aziende produttrici di anticoncezionali, ha distribuito gratuitamente 1.5 milioni di preservativi, toccando diverse zone della città grazie ad un caravan incoraggiando alla prevenzione dal virus dell’HIV.

Manoah Mboku, rappresentate della Nairobi South County Assembly, a capo della comitato sanitario regionale ha lanciato quest’evento per sollecitare i cittadini a praticare sempre rapporti sessuali protetti. Non sono stati solo regalati preservativi, ma sono stati garantiti anche trattamenti gratuiti per l’HIV in modo da aumentare la sensibilizzazione sul tema dell’HIV/AIDSMboku ha affermato inoltre che annualmente si contano 3mila nuovi casi ufficiali d’infezione a livello nazionale. Attualmente, solo a Nairobi, vivono circa 177mila residenti positivi al virus, dei quali, il 7% è costituito da bambini

Alla manifestazione è intervenuto anche l’attivista kenyota Stanley Ngara, il quale ha dichiarato “vogliamo una situazione dove le persone possano andare dai loro vicini a chiedere un preservativo nello stesso modo in cui chiedono una tazza di sale o zucchero” e siano in grado di utilizzarlo in maniera corretta, perché come ha aggiunto lo stess Ngara “un uso improprio dei preservativi può portare ad infezioni”.

allAfrica 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

In occasione della settimana internazionale di sensibilizzazione alla salute riproduttiva e sessuale<\/b>, il governo di Nairobi<\/b> in collaborazione con ONG locali e Aziende produttrici di anticoncezionali, ha distribuito gratuitamente 1.5 milioni di preservativi<\/b>, toccando diverse zone della citt\u00e0 grazie ad un caravan incoraggiando alla prevenzione dal virus dell\u2019HIV.<\/span>
<\/p>

Manoah Mboku<\/b>, rappresentate della Nairobi South County Assembly, a capo della comitato sanitario regionale ha lanciato quest\u2019evento per sollecitare i cittadini a praticare sempre rapporti sessuali protetti. Non sono stati solo regalati preservativi, ma sono stati garantiti anche trattamenti gratuiti per l\u2019HIV in modo da aumentare la sensibilizzazione sul tema dell\u2019HIV\/AIDS<\/b>. Mboku ha affermato inoltre che annualmente si contano 3mila nuovi casi ufficiali d\u2019infezione a livello nazionale. Attualmente, solo a Nairobi, vivono circa 177mila residenti positivi al virus, dei quali, il 7% \u00e8 costituito da bambini<\/b>. <\/span><\/p>

Alla manifestazione \u00e8 intervenuto anche l\u2019attivista kenyota Stanley Ngara<\/b>, il quale ha dichiarato \u201cvogliamo una situazione dove le persone possano andare dai loro vicini a chiedere un preservativo nello stesso modo in cui chiedono una tazza di sale o zucchero<\/i>\u201d e siano in grado di utilizzarlo in maniera corretta, perch\u00e9 come ha aggiunto lo stess Ngara \u201cun uso improprio dei preservativi pu\u00f2 portare ad infezioni<\/i>\u201d.<\/p>

allAfrica<\/a> 
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

4 agosto 2020

News dal Kenya

Le Conseguenze del Lockdown per le Donne

La pandemia e il lockdown stanno colpendo duramente tutta la popolazione mondiale in termini economici, sanitari e sociali. In tutto il mondo ma soprattutto nei paesi più vulnerabili, donne e … Continua

29 luglio 2020

Coronavirus, News dal Kenya

Lettera dagli Slum: l'Appello di Davide

Condividiamo con voi l’appello del nostro coordinatore delle attività a Nairobi, Davide, che sta lavorando sul campo per contrastare l’emergenza alimentare e sociale che affligge la popolazione degli slum di … Continua

22 luglio 2020

News dal Kenya

Scuole chiuse fino a gennaio: il Kenya dimentica i bambini degli slum

“Tenere le scuole chiuse comporta molti più rischi che benefici”. The Economist (dal titolo di un articolo di qualche giorno fa)   Due settimane fa il ministero dell’istruzione keniano ha … Continua

× Come possiamo aiutarti?