News e Comunicazioni

Negli ultimi 20 anni, a causa di cedimenti strutturali di palazzine in zone particolarmente densamente popolate – come Mathare, Pipeline, Lang’ata e Thika Road – diverse persone hanno perso la vita o sono state ferite gravemente. A causa del crescente numero di residenti, avidi padroni di casa vengono attratti dalla zona di Eastland a Nairobi nella quale costruire case a più piani investendo il meno possibile sulle materie prime.

Il tutto è compiuto nella totale inosservanza della pianificazione urbana, degli standard di sicurezza e con mezzi inadeguati a reggere il peso della struttura, degli inquilini e dei loro possedimenti. Tale grado di inosservanza infatti ha portato solo vittime. Ma la colpa non è solo dell’avidità di chi costruisce queste strutture pericolanti, ma anche delle autorità che lo permettono senza far rispettare rigorosamente le regole illustrate in documenti quali ‘Urban Areas and Cities Act’ (2011) e ‘County Governments Act’ (2012). Seguendo questo schema, la sicurezza personale è a rischio e il quadro complessivo non potrà che peggiorare se la pianificazione urbana non sarà fatta priorità delle autorità.

Purtroppo però, nonostante l’esistenza di regole precise, finora si è solo reagito alle tragedie in maniera superficiale senza mai fare qualcosa di concreto per risolvere i problemi alla radice come: incendi ricorrenti, strade troppo strette per permettere il passaggio ai veicoli, collegamenti clandestini ai cavi elettrici, occupazione illegale di case, lo sconfinamento di proprietà dovuto alla crescente urbanizzazione, e gli inesistenti sistemi fognari o di scolo. Se tali questioni fossero affrontate più seriamente, la sicurezza personale a livello nazionale in Kenya ne avrebbe solo da guadagnare.

All Africa

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Negli ultimi 20 anni, a causa di cedimenti strutturali<\/b> di palazzine in zone particolarmente densamente popolate \u2013 come Mathare, Pipeline, Lang\u2019ata e Thika Road<\/b> \u2013 diverse persone hanno perso la vita o sono state ferite gravemente. <\/span>A causa del crescente numero di residenti, avidi padroni di casa vengono attratti dalla zona di Eastland<\/b> a Nairobi<\/b> nella quale costruire case a pi\u00f9 piani investendo il meno possibile sulle materie prime.<\/span><\/p>

Il tutto \u00e8 compiuto nella totale inosservanza della pianificazione urbana<\/b>, degli standard di sicurezza e con mezzi inadeguati a reggere il peso della struttura, degli inquilini e dei loro possedimenti. Tale grado di inosservanza infatti ha portato solo vittime. Ma la colpa non \u00e8 solo dell\u2019avidit\u00e0 di chi costruisce queste strutture pericolanti, ma anche delle autorit\u00e0<\/b> che lo permettono senza far rispettare rigorosamente le regole illustrate in documenti quali \u2018Urban Areas and Cities Act<\/i>\u2019 (2011) e \u2018County Governments Act<\/i>\u2019 (2012). Seguendo questo schema, la sicurezza personale \u00e8 a rischio e il quadro complessivo non potr\u00e0 che peggiorare se la pianificazione urbana non sar\u00e0 fatta priorit\u00e0 delle autorit\u00e0.<\/span><\/p>

Purtroppo per\u00f2, nonostante l\u2019esistenza di regole precise, finora si \u00e8 solo reagito alle tragedie in maniera superficiale senza mai fare qualcosa di concreto per risolvere i problemi alla radice come: incendi ricorrenti, strade troppo strette per permettere il passaggio ai veicoli, collegamenti clandestini ai cavi elettrici, occupazione illegale di case, lo sconfinamento di propriet\u00e0 dovuto alla crescente urbanizzazione, e gli inesistenti sistemi fognari o di scolo. Se tali questioni fossero affrontate pi\u00f9 seriamente, la sicurezza personale<\/b> a livello nazionale<\/b> in Kenya ne avrebbe solo da guadagnare.<\/p>

All Africa<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

12 dicembre 2019

Il Giving Tuesday e il #RegaloPiùBello

Se ci seguite sui social e se ricevete le nostre comunicazioni, vi sarete imbattuti ultimamente in alcune nostre iniziative di raccolta fondi legate al Giving Tuesday. Ma perché questo martedì … Continua

27 novembre 2019

AIFA

22 Novembre 2019: una Giornata Davvero Speciale!

Nella giornata di venerdì 22 novembre, gli studenti della nostra Alice Italian Food Academy hanno gareggiato per aggiudicarsi il Premio Ricette di Bontà 2019 del Cucchiaio d’Argento e hanno ricevuto … Continua

4 novembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Irene

Le scorse settimane vi abbiamo parlato di due nostri studenti di Alice Italian Food Academy, Brian e Rodgers. Oggi vi presentiamo una ragazza davvero in gamba, che sta stupendo tutti … Continua