News e Comunicazioni

Mancano 289 giorni alla deadline riguardante i Millennium Development Goals ed è chiaro da tempo, che entro la fine di quest’anno non tutti gli Stati del mondo riusciranno a raggiungere appieno ognuno degli 8 obiettivi fissati e per questo motivo si sta già lavorando ad un’agenda post-2015. Per quanto riguarda l’Obiettivo 7 – “Garantire la sostenibilità ambientale” – recenti ricerche coordinate dall’Overseas Development Institute e dal Climate and Development Knowledge Network su Zambia, Malawi, Rwanda, Ghana e Mozambico dichiarano che numerose comunità in tutto il mondo già percepiscono gli effetti del cambiamento climatico nella loro vita quotidiana, ma gli effetti si intensificheranno nel corso dei prossimi decenni e la regione dell’Africa subsahariana sarà la più colpita.

Il nocciolo del problema è che al momento i paesi africani stanno concentrando i loro investimenti a lungo termine sul loro sviluppo industriale, economico, delle infrastrutture e dei servizi alla comunità, senza però prestare attenzione alla pianificazione di investimenti di misure efficaci per prevenire e contrastare gli più diretti del cambiamento climatico, lasciando così le popolazioni estremamente vulnerabili alla siccità, alle inondazioni, ondate di caldo e aumento del livello del mare. I governi quindi, non prendono in considerazione o comunque mal interpretano i dati e le informazioni ufficiali prodotte a riguardo. Dal punto di vista dei governi locali, le informazioni ricevute, non sono sempre di uso pratico ed immediato, al tempo stesso i dati che richiedono spesso non sono tecnicamente possibili a causa di una mancanza di informazioni e capacità di prevedere il clima nel futuro.

Le Organizzazioni Internazionali dovrebbero attuare a loro volta dei cambiamenti, iniziando da una comprensione più approfondita dei contesti politici e sociali locali, comunicare le informazioni sul clima in maniera più efficace ai policy-makers e ministri locali. Dalla loro parte però, i governi locali dovrebbero abbandonare progetti e donazioni breve termine basati sull’agenda del donatore, per abbracciare partnership a lungo termine con partner sia internazionali che nazionali in un contesto di onestà e trasparenza delle comunicazioni.

The Guardian 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Mancano 289 giorni alla deadline riguardante i Millennium Development Goals<\/b> ed \u00e8 chiaro da tempo, che entro la fine di quest\u2019anno non tutti gli Stati del mondo riusciranno a raggiungere appieno ognuno degli 8 obiettivi fissati e per questo motivo si sta gi\u00e0 lavorando ad un\u2019agenda post-2015. Per quanto riguarda l\u2019Obiettivo 7 \u2013 \u201cGarantire la sostenibilit\u00e0 ambientale<\/i>\u201d \u2013 recenti ricerche coordinate dall’Overseas Development Institute e dal Climate and Development Knowledge Network su Zambia, Malawi, Rwanda, Ghana<\/b> e Mozambico dichiarano che numerose comunit\u00e0 in tutto il mondo gi\u00e0 percepiscono gli effetti del cambiamento climatico nella loro vita quotidiana, ma gli effetti si intensificheranno nel corso dei prossimi decenni e la regione dell\u2019Africa subsahariana<\/b> sar\u00e0 la pi\u00f9 colpita.<\/span>
<\/p>

Il nocciolo del problema \u00e8 che al momento i paesi africani stanno concentrando i loro investimenti<\/b> a lungo termine sul loro sviluppo industriale, economico, delle infrastrutture e dei servizi alla comunit\u00e0, senza per\u00f2 prestare attenzione alla pianificazione di investimenti di misure efficaci per prevenire e contrastare gli pi\u00f9 diretti del cambiamento climatico, lasciando cos\u00ec le popolazioni estremamente vulnerabili alla siccit\u00e0, alle inondazioni, ondate di caldo e aumento del livello del mare. I governi quindi, non prendono in considerazione o comunque mal interpretano i dati e le informazioni ufficiali prodotte a riguardo. Dal punto di vista dei <\/span>governi locali<\/span>, le informazioni ricevute, non sono sempre di uso pratico ed immediato, al tempo stesso i dati che richiedono spesso non sono tecnicamente possibili a causa di una mancanza di informazioni e capacit\u00e0 di prevedere il clima nel futuro.<\/span><\/p>

Le Organizzazioni Internazionali<\/b> dovrebbero attuare a loro volta dei cambiamenti, iniziando da una comprensione pi\u00f9 approfondita dei contesti politici e sociali locali, comunicare le informazioni sul clima in maniera pi\u00f9 efficace ai policy-makers e ministri locali. Dalla loro parte per\u00f2, i governi locali<\/b> dovrebbero abbandonare progetti e donazioni breve termine basati sull’agenda del donatore, per abbracciare partnership a lungo termine con partner sia internazionali che nazionali in un contesto di onest\u00e0 e trasparenza delle comunicazioni.<\/p>

The Guardian<\/a> 
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

28 maggio 2020

28 maggio: Menstrual Hygiene Day

Cos’è il Menstrual Hygiene Day? Si tratta di una giornata internazionale pensata e istituita nel 2013 da un’organizzazione non-profit tedesca. L’obiettivo è quello di porre i riflettori sul diritto di … Continua

22 maggio 2020

Coronavirus

In Kenya la Crisi Economica diventa Crisi Alimentare

“La pandemia minaccia il progresso africano. Aggraverà le disuguaglianze di antica data e aumenterà la fame, la malnutrizione e la vulnerabilità alle malattie”. Così qualche giorno fa il segretario generale … Continua

18 maggio 2020

Coronavirus

A Nairobi è "Emergenza Acqua Pulita"

Non bastava il lockdown a rendere la vita negli slum ancora più infernale: le piogge torrenziali che hanno colpito il Kenya la scorsa settimana hanno distrutto una parte dell’acquedotto. Adesso … Continua

× Come possiamo aiutarti?