News e Comunicazioni

La Giornata Mondiale Contro la Tubercolosi, ricorre il 24 marzo di ogni anno con lo scopo di discutere di questa patologia che sebbene nei paesi occidentali sia scarsamente considerata perchè facilmente curabile con dei semplici antibiotici, nel resto del mondo rimane un’infezione in grado di causare numerosi morti.

Il tema della campagna di sensibilizzazione di quest’anno – “Reach, Treat, Cure Everyone” (Raggiungi, medica, cura tutti) – nasce da quello del 2014 “Reach the 3 million” (Raggiungi i tre milioni). La World Health Organization (WHO) riporta che ogni anno ci sono circa 9 milioni di casi di TBC nuovi, dei quali 3 milioni non vengono né diagnosticati, né trattati e dei quali 1,5 casi si concludono in decessi a causa della mancanza di trattamenti adeguati.

In Kenya, sebbene già nel 2012 si sia raggiunto l’85% di copertura nella cura dei casi di TBC, rimane ancora fuori un critico 15% di casi non diagnosticati per tempo. In particolare, dal 2014 si sono sviluppate e diffuse diverse forme di TBC extra polmonare in grado di attaccare ogni organo del corpo, le statistiche del Ministero della Salute mostrano che un caso su cinque di TBC è extra polmonare, ma solo pochi casi vengono riconosciuti e curati per tempo. Un report del National Tuberculosis, Leprosy and Lung Disease Unit (NTLD) ha rivelato inoltre che l’11% dei casi di TBC in Kenya riguardano bambini sotto i 5 anni, un numero in aumento rispetto a 2012 (10.6%) e 2013 (9.5%).

La tubercolosi viene spesso contratta che da chi è positivo all’HIV/AIDS: circa un terzo dei 33 milioni di malati si ritrova a dover combattere entrambi i virus. In Africa subsahariana la metà dei decessi di malati di AIDS è stata causata dalla contrazione della TBC. “Nei contesti dove assistiamo tanti malati di HIV/AIDS il rischio di una diffusione a macchia d’olio della tubercolosi resistente ai farmaci è terrificante” – dice Liesbet Ohler, medico di Medici Senza Frontiere nella baraccopoli di Mathare, Nairobi.

Stop TB, All Africa, Standard MediaTB Alliance

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

La Giornata Mondiale Contro la Tubercolos<\/b>i, ricorre il 24 marzo di ogni anno con lo scopo di discutere di questa patologia che sebbene nei paesi occidentali sia scarsamente considerata perch\u00e8 facilmente curabile con dei semplici antibiotici, nel resto del mondo rimane un\u2019infezione in grado di causare numerosi morti.<\/span>
<\/p>

Il tema<\/b> della campagna di sensibilizzazione di quest\u2019anno \u2013 \”Reach, Treat, Cure Everyone<\/i>\” (Raggiungi, medica, cura tutti) \u2013 nasce da quello del 2014 \u201cReach the 3 million\u201d (Raggiungi i tre milioni). La World Health Organization (WHO<\/b>) riporta che ogni anno ci sono circa 9 milioni di casi di TBC nuovi, dei quali 3 milioni non vengono n\u00e9 diagnosticati, n\u00e9 trattati e dei quali 1,5 casi si concludono in decessi a causa della mancanza di trattamenti adeguati.<\/p>

In Kenya<\/b>, sebbene gi\u00e0 nel 2012 si sia raggiunto l\u201985% di copertura nella cura dei casi di TBC, rimane ancora fuori un critico 15% di casi non diagnosticati per tempo. In particolare, dal 2014 si sono sviluppate e diffuse diverse forme di TBC extra polmonare in grado di attaccare ogni organo del corpo, le statistiche del Ministero della Salute mostrano che un caso su cinque di TBC \u00e8 extra polmonare, ma solo pochi casi vengono riconosciuti e curati per tempo. Un report del National Tuberculosis, Leprosy and Lung Disease Unit (NTLD) ha rivelato inoltre che l\u201911% dei casi di TBC in Kenya riguardano bambini<\/b> sotto i 5 anni, un numero in aumento rispetto a 2012 (10.6%) e 2013 (9.5%).<\/p>

La tubercolosi viene spesso contratta che da chi \u00e8 positivo all’HIV\/AIDS<\/b>: circa un terzo dei 33 milioni di malati si ritrova a dover combattere entrambi i virus. In Africa subsahariana la met\u00e0 dei decessi di malati di AIDS \u00e8 stata causata dalla contrazione della TBC. \u201cNei contesti dove assistiamo tanti malati di HIV\/AIDS il rischio di una diffusione a macchia d\u2019olio della tubercolosi resistente ai farmaci \u00e8 terrificante<\/i>\u201d \u2013 dice Liesbet Ohler, medico di Medici Senza Frontiere nella baraccopoli di Mathare, Nairobi.<\/p>

Stop TB<\/a>, All Africa<\/a>, Standard Media<\/a>, TB Alliance<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

23 dicembre 2019

News dal Kenya

Il Viaggio di Novembre

Lo scorso novembre è stato un mese pieno di grandi avvenimenti per la nostra associazione. Molti di questi si sono svolti durante il viaggio degli ospiti, genitori a distanza e … Continua

21 dicembre 2019

Sostegno a Distanza: una Storia Speciale

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione: ben 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza! Questo significa che potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua

19 dicembre 2019

L'Anemia Falciforme e i Nostri Piccoli Eroi

Si sente parlare spesso di malattie legate al continente africano, come HIV, malaria e tubercolosi. Ma esiste un’altra malattia di cui nessuno parla e che causa problemi gravi a moltissimi … Continua