News e Comunicazioni

Per oltre 400 anni più di 15milioni di uomini, donne e bambini sono stati vittime della tratta transatlantica degli schiavi, un capitolo molto buio della storia dell’umanità. Oggi 25 Marzo si celebra la Giornata Internazionale in Ricordo delle vittime della Schiavitù e della Tratta Transatlantica degli Schiavi, per ricordare coloro che hanno sofferto e sono morti a causa di questo sistema brutale. Quest’oggi viene inaugurato anche un monumento memoriale dell’artista di origine haitiana Rodney Leon intitolato ‘L’Arca del non Ritorno’, una struttura triangolare costituita da pannelli di marmo bianco, appoggiata su un supporto in acciaio.

Si stima che un terzo dei circa 15milioni di persone deportate attraverso a tratta transatlantica erano donne. Dunque, il tema di quest’anno è “Women and Slavery” (Donne e Schiavitù –), un testamento alla loro forza e resistenza ad un sistema che le voleva come degli oggetti senza cultura, senza radici e senza identità, ma è anche un omaggio a quelle donne che hanno lottato fieramente contro il sistema della schiavitù per la loro libertà pagando spesso a duro prezzo, ma le loro storie sono rimaste relativamente sconosciute. Queste non solo hanno dovuto sopportare le dure condizioni del lavoro forzato, ma anche forme estreme di discriminazione e sfruttamento a causa del loro genere e del coloro della loro pelle.

Non bisogna dimenticare però che nonostante l’art. 5 della Carta dei Diritti dell’Uomo vieti espressamente il traffico di esseri umani, esso miete ogni anno circa 700.000 vittime e in alcuni paesi la schiavitù è ancora accettata, come ad esempio la Mauritania, dove il 20% della popolazione è proprietà del padrone.  O lungo tutta la costa dell’Africa Orientale dove è ancora attivo il sistema chiamato con il termine Swahili Aya’, che trasforma bambine o giovani donne provenienti dalle campagne in schiave proprietà di famiglie di città, per le quali devono lavorare senza orario, o diritti ad una paga minima, cibo e alloggio, subendo spesso abusi sessuali senza diritto di protesta.

PanoramaUNla Repubblica

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Per oltre 400 anni pi\u00f9 di 15milioni di uomini, donne e bambini sono stati vittime della tratta transatlantica degli schiavi, un capitolo molto buio della storia dell\u2019umanit\u00e0. Oggi 25 Marzo si celebra la Giornata Internazionale in Ricordo delle vittime della Schiavit\u00f9 e della Tratta Transatlantica degli Schiavi<\/b>, per ricordare coloro che hanno sofferto e sono morti a causa di questo sistema brutale. Quest\u2019oggi viene inaugurato anche un monumento memoriale dell\u2019artista di origine haitiana Rodney Leon<\/b> intitolato \u2018L\u2019Arca del non Ritorno<\/i>\u2019, una struttura triangolare costituita da pannelli di marmo bianco, appoggiata su un supporto in acciaio.<\/p>

Si stima che un terzo dei circa 15milioni di persone deportate attraverso a tratta transatlantica erano donne<\/b>. Dunque, il tema di quest\u2019anno \u00e8 \u201cWomen and Slavery<\/i>\u201d (Donne e Schiavit\u00f9 \u2013), un testamento alla loro forza e resistenza ad un sistema che le voleva come degli oggetti<\/b> senza cultura, senza radici e senza identit\u00e0, ma \u00e8 anche un omaggio a quelle donne che hanno lottato fieramente contro il sistema della schiavit\u00f9 per la loro libert\u00e0 pagando spesso a duro prezzo, ma le loro storie sono rimaste relativamente sconosciute. Queste non solo hanno dovuto sopportare le dure condizioni del lavoro forzato, ma anche forme estreme di discriminazione e sfruttamento<\/b> a causa del loro genere e del coloro della loro pelle.<\/p>

Non bisogna dimenticare per\u00f2 che nonostante l\u2019art. 5 della Carta dei Diritti dell’Uomo<\/b> vieti espressamente il traffico di esseri umani, esso miete ogni anno circa 700.000 vittime e in alcuni paesi la schiavit\u00f9 \u00e8 ancora accettata, come ad esempio la Mauritania<\/b>, dove il 20% della popolazione \u00e8 propriet\u00e0 del padrone.  O lungo tutta la costa dell\u2019Africa Orientale dove \u00e8 ancora attivo il sistema chiamato con il <\/span>termine Swahili <\/b>\u2018<\/span>Aya<\/i>\u2019, che trasforma bambine o giovani donne provenienti dalle campagne in schiave propriet\u00e0 di famiglie di citt\u00e0, per le quali devono lavorare senza orario, o diritti ad una paga minima, cibo e alloggio, subendo spesso abusi sessuali senza diritto di protesta.<\/span><\/p>

Panorama<\/a>, UN<\/a>, la Repubblica<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua