News e Comunicazioni

La musica può ancora salvare il mondo”. Per Nneka, cantante 34enne nigeriana, questa frase non ha mai avuto il valore di uno slogan hippy abusato; l’artista è infatti da tempo in prima linea contro le ingiustizie commesse nella sua Nigeria. Il nuovo lavoro, My Fairy Tales, tra groove, afrobeat e ritmi reggae, è un viaggio di scoperta e di riflessione in cui si affrontano temi politici e sentimentali legati alla sua terra d’origine. Papà nigeriano, mamma tedesca, Nneka si trasferisce a 19 anni da Warri, nel sud della Nigeria, in quel di Amburgo per studiare Antropologia. Nel 2005 il suo esordio Victim of Truth è il primo di una serie di altri tre dischi che le faranno raggiungere notorietà e collaborazioni prestigiose con artisti come Massive Attack, Damian Marley e Lenny Kravitz.

L’artista nigeriana fa anche parte di numerose organizzazioni non governative: ambasciatrice dell’African Woman’s Development Fund (AWDF): “più che fare un arido discorso politico preferisco scrivere una canzone per influenzare la mente delle persone e supportare la causa delle donne africane”, e sostenitrice dell’Occupy Nigeria Movement: “Ci furono numerose proteste, soprattutto a Lagos, che costarono la vita a 16 persone uccise dalla polizia”. 

Corruzione, inquinamento ambientale sono le spine nel fianco della Nigeria ma Nkea non si ferma qui. In tempi non sospetti, l’artista ha sempre denunciato i soprusi e le atrocità dei fondamentalisti islamici: “Se i nostri politici, senza escludere l’attiva azione di noi cittadini, eliminassero i tribalismi e le tensioni religiose, riusciremmo a sconfiggere Boko Haram”. E afferma che più che un leader, la nazione deve trovare la capacità di agire in prima persona, senza delegare sempre il politico di turno.

la Repubblica 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

\u201cLa musica pu\u00f2 ancora salvare il mondo<\/i>\u201d. Per Nneka<\/b>, cantante 34enne nigeriana, questa frase non ha mai avuto il valore di uno slogan hippy <\/span>abusato<\/span>; l\u2019artista \u00e8 infatti da tempo in prima linea contro le ingiustizie commesse nella sua Nigeria<\/b>. Il nuovo lavoro, My Fairy Tales<\/i>, tra groove, afrobeat e ritmi reggae, \u00e8 un viaggio di scoperta e di riflessione in cui si affrontano temi politici e sentimentali legati alla sua terra d\u2019origine. Pap\u00e0 nigeriano, mamma tedesca, Nneka si trasferisce a 19 anni da Warri, nel sud della Nigeria, in quel di Amburgo per studiare Antropologia. Nel 2005 il suo esordio Victim of Truth<\/i> \u00e8 il primo di una serie di altri tre dischi che le faranno raggiungere notoriet\u00e0 e collaborazioni prestigiose con artisti come Massive Attack<\/b>, Damian Marley<\/b> e Lenny Kravitz<\/b>.<\/span><\/p>

L\u2019artista nigeriana fa anche parte di numerose organizzazioni non governative: ambasciatrice dell\u2019African Woman\u2019s Development Fund<\/b> (AWDF): \u201cpi\u00f9 che fare un arido discorso politico preferisco scrivere una canzone per influenzare la mente delle persone e supportare la causa delle donne africane<\/i>\u201d, e sostenitrice dell\u2019Occupy Nigeria Movement<\/b>: \u201cCi furono numerose proteste, soprattutto a Lagos, che costarono la vita a 16 persone uccise dalla polizia<\/i>\u201d. <\/p>

Corruzione, inquinamento ambientale sono le spine nel fianco della Nigeria ma Nkea non si ferma qui. In tempi non sospetti, l\u2019artista ha sempre denunciato i soprusi e le atrocit\u00e0 dei fondamentalisti islamici: \u201cSe i nostri politici, senza escludere l\u2019attiva azione di noi cittadini, eliminassero i tribalismi e le tensioni religiose, riusciremmo a sconfiggere Boko Haram<\/b><\/i>\u201d. E afferma che pi\u00f9 che un leader, la nazione deve trovare la capacit\u00e0 di agire in prima persona, senza delegare sempre il politico di turno.<\/p>

la Repubblica<\/a> 
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

27 novembre 2019

AIFA

22 Novembre 2019: una Giornata Davvero Speciale!

Nella giornata di venerdì 22 novembre, gli studenti della nostra Alice Italian Food Academy hanno gareggiato per aggiudicarsi il Premio Ricette di Bontà 2019 del Cucchiaio d’Argento e hanno ricevuto … Continua

4 novembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Irene

Le scorse settimane vi abbiamo parlato di due nostri studenti di Alice Italian Food Academy, Brian e Rodgers. Oggi vi presentiamo una ragazza davvero in gamba, che sta stupendo tutti … Continua

28 ottobre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Rodgers

Continuiamo a raccontarvi le storie di alcuni dei nostri studenti di Alice Italian Food Academy. Dopo avervi parlato di Brian, cresciuto nel nostro orfanotrofio, oggi vi presentiamo un altro brillante … Continua