News e Comunicazioni

Hanno preparato decine di piatti, parlato inglese, italiano e un po’ di swahili, combattuto con il brutto tempo, gli insetti e la corrente ballerina, affrontato lezioni teoriche e pratiche e lavorato all’organizzazione di un’inaugurazione. Sono tre dei nostri supereroi che, si dà il caso, siano anche chef: il prof. Luca Cribiù, Alessia ed Eleonora.

Da quando ve li abbiamo presentati su questo blog sono passati dei mesi e, in particolare, è trascorso questo mese di agosto, durante il quale i nostri sono stati impegnati nella Alice Italian Food Academy come insegnanti e chef. Sicuramente il bagaglio di esperienza, il ruolo e la differenza d’età (non ce ne voglia il nostro professore) hanno portato loro a vivere questa avventura in modi differenti, con premesse e magari risultati diversi; tuttavia, sappiamo che il primo viaggio a Nairobi, in un contesto come quello in cui sono implementati i nostri progetti, è sempre una grande scoperta e un connubio di emozioni contrastanti, indipendentemente dal nostro background e dalle nostre aspettative.

37882337_1959166574104605_1018812920315772928_n
Alessia ed Eleonora al Baby Care Center.

Con la collaborazione di Frederick (rimasto a Utawala per continuare il lavoro), James e dello staff keniano, Luca, Alessia ed Eleonora hanno insegnato agli studenti di AIFA più di un centinaio di ricette, tra primi, secondi, pizze, pane, dolci, contorni e piatti unici; hanno mostrato ai nostri futuri chef l’utilizzo di macchine e strumenti specifici e illustrato loro la composizione di un tipico menu italiano. Grazie al lavoro di questi splendidi insegnanti, i ragazzi che stanno frequentando l’accademia hanno potuto assaggiare ingredienti tipici della nostra tradizione e imparare a combinarli per creare piatti classici o innovativi; questi studenti hanno imparato non solo a preparare i piatti, ma anche a presentarli nel migliore dei modi, a servire ai tavoli e a illustrare il menu in lingua italiana.

39186502_1992705920750670_1559017766319554560_n
Il prof. Cribiù con alcuni studenti di AIFA.

 

Il lavoro del prof. Cribiù è stato fondamentale per l’avvio dei primi corsi di AIFA: grazie alla sua esperienza come professore dell’Istituto Carlo Porta di Milano, al suo entusiasmo e alla sua professionalità, gli studenti hanno avuto una vera e propria figura di riferimento all’interno dell’accademia, che li ha preparati anche dal punto di vista della disciplina e dell’educazione. Per Alessia ed Eleonora quella ad AIFA è stata un’esperienza a tutto tondo e con dei risultati molteplici: la loro avventura all’interno della scuola di cucina, riconosciuta dal Carlo Porta come parte del programma “Alternanza scuola-lavoro”, è stata una vera e propria esperienza lavorativa, sia come chef che come insegnanti di cucina. Le ragazze, Frederick e gli studenti keniani, che hanno in comune non solo la passione per la cucina ma anche l’età, hanno costruito un rapporto, non solo di collaborazione lavorativa, ma anche di conoscenza e fiducia reciproca.

Il prof Cribiù, Alessia ed Eleonora hanno fatto ritorno in Italia la scorsa settimana e, tra non molto, ricominceranno il loro percorso di lavoro e studio all’interno del Carlo Porta di Milano.

Vogliamo ringraziare davvero tantissimo sia loro che Frederick per tutta l’energia e l’impegno che hanno messo in questo progetto; senza di loro, l’inizio dell’avventura della nostra Italian Food Academy non sarebbe stato lo stesso.

GRAZIE CHEF! GRAZIE SUPEREROI!

39234781_1993217264032869_5436253961835249664_n

Potrebbe anche interessarti

24 ottobre 2018

News dal Kenya

#StorieVere

Qualcuno diceva che se un avvenimento non viene raccontato, in realtà non è mai accaduto. Se qualcuno non racconta la tua storia, è come se non avessi mai vissuto. Oggi … Continua

19 ottobre 2018

AIFA

AIFA: l'avventura continua.

Finalmente ci siamo! La nostra pioneer class di Aspiranti Chef di cucina italiana sta concludendo il suo percorso di formazione di tre mesi! Dopo il ritorno del prof. Cribiù, di … Continua

25 settembre 2018

News dal Kenya

I nostri piccoli musicisti incontrano la tradizione colombiana.

Si dice che la musica scorra nelle vene del continente africano e dei suoi abitanti; per nostra esperienza, sappiamo che la musica è un’ispirazione per molti bambini delle baraccopoli di … Continua