News e Comunicazioni

Finalmente ci siamo! La nostra pioneer class di Aspiranti Chef di cucina italiana sta concludendo il suo percorso di formazione di tre mesi!

Dopo il ritorno del prof. Cribiù, di Alessia ed Eleonora, Frederik e James hanno portato avanti le lezioni di cucina italiana con costanza e impegno e torneranno in Italia il 4 novembre.  I ragazzi di AIFA riceveranno i primi attestati di frequenza firmati Alice Italian Food Academy alla fine di questo mese.

Siamo felici ed emozionati di questo traguardo e ci auguriamo che AIFA rappresenti per loro un trampolino di lancio per il loro futuro professionale nel campo della ristorazione, come Chef e come Maitre di sala.

Ma adesso cosa accadrà? I ragazzi si confronteranno con uno scenario professionale estremamente difficile.

Più del 60% dei giovani in età da lavoro è disoccupata o opera tra le maglie del lavoro informale e sottopagato; 23 milioni di persone (ossia il 73% degli adulti) in Kenya sopravvivono con uno “stipendio” che va dai 50 centesimi ai 2 dollari al giorno (circa 180 dollari l’anno) e circa 3,5 milioni di persone vivono negli slum, insediamenti informali dove i servizi di base scarseggiano o, addirittura, non esistono.

In questo contesto, la nostra Italian Food Academy si pone come una risposta autentica e concreta per aiutare questi ragazzi a formarsi come professionisti preparati che possono investire su sé stessi e sul loro futuro.

In Kenya il settore turistico è in crescita e rappresenta una grande opportunità per i giovani in cerca di un’occupazione. Competenze serie nel campo della Cucina Italiana sono un plus per chi vuole lavorare in questo campo: non stiamo parlando solo della conoscenza e dell’esecuzione materiale di ricette della tradizione delle nostre regioni, ma anche della conoscenza dei nostri ingredienti e di come utilizzarli, del nostro modo di stilare un menu, impiattare e servire a tavola. Tutte skill fondamentali per affrontare un tirocinio o un colloquio di lavoro in un hotel o un ristorante.

IMG_4365
Gli studenti all’opera nel laboratorio di AIFA.

Ecco qualche altro dato che spiega il contesto in cui operiamo.

I bambini che nascono in questo contesto raramente riescono ad andare a scuola, e quindi a costruire le basi per un futuro lavorativo; in realtà, i minori che non vanno a scuola, già lavorano all’interno della discarica, dove il 55% dei lavoratori sono proprio bambini.

Con Alice for School a Korogocho e Alice for Dandora, siamo riusciti a portare a scuola circa 2.000 bambini, a dare loro un pasto caldo al giorno e una borsa di studio, per proseguire il percorso nelle scuole secondarie.

Con Alice Italian Food Academy, abbiamo alzato la posta: accompagnare i ragazzi in un percorso formativo dopo le secondarie, per aumentare le chance di trovare un’occupazione. La sfida è stata raccolta sia in Italia che in Kenya: dai nostri sponsor, dai collaboratori e dagli stessi studenti, che hanno inaugurato la pioneer class lo scorso agosto.

Ora l’avventura continua: il sito di AIFA è già online e permetterà a molti più studenti keniani di iscriversi all’accademia di cucina; amplieremo il ricettario, già ricco di ben 200 ricette della tradizione italiana; continueremo la collaborazione con l’Istituto Carlo Porta di Milano, per un follow-up completo e soddisfacente sui programmi per i prossimi studenti.

Alla prossima puntata!

 

Potrebbe anche interessarti

24 ottobre 2018

News dal Kenya

#StorieVere

Qualcuno diceva che se un avvenimento non viene raccontato, in realtà non è mai accaduto. Se qualcuno non racconta la tua storia, è come se non avessi mai vissuto. Oggi … Continua

25 settembre 2018

News dal Kenya

I nostri piccoli musicisti incontrano la tradizione colombiana.

Si dice che la musica scorra nelle vene del continente africano e dei suoi abitanti; per nostra esperienza, sappiamo che la musica è un’ispirazione per molti bambini delle baraccopoli di … Continua

6 settembre 2018

AIFA

I nostri supereroi tornano a casa...

Hanno preparato decine di piatti, parlato inglese, italiano e un po’ di swahili, combattuto con il brutto tempo, gli insetti e la corrente ballerina, affrontato lezioni teoriche e pratiche e … Continua