News e Comunicazioni

La Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni ricorre ogni anno il giorno 9 agosto. È stata istituita dalle Nazioni Unite nel 1994 per celebrare le diversità caratteristiche di ciascun popolo indigeno e per far riflettere sulle violazioni e sulle ingiustizie che queste popolazioni continuano a subire.

La popolazione Masai, che conosciamo molto bene grazie alla collaborazione con la onlus di Rombo (Kenya) Light of Maasai, sta subendo enormemente le conseguenze del cambiamento climatico e dell’espropriazione delle terre da parte di governi e aziende straniere (se volete saperne di più sulla comunità Masai di Rombo e volete darci una mano attraverso il Sostegno a Distanza, cliccate qui).

Proprio per dare voce a popoli come quello Masai, il tema della giornata dei popoli indigeni di quest’anno è dedicato alle loro lingue. Non solo: l’intero anno 2019 è stato proclamato dall’ONU “Anno delle Lingue Indigene”.

Oggi vogliamo parlarvi un po’ della lingua indigena chiamata Swahili.

Che cos’è lo swahili?

Lo swahili è una lingua bantu, parlata prevalentemente in Africa orientale e in alcune zone centrali e meridionali del continente.

Quante persone parlano swahili?

Al giorno d’oggi lo swahili è parlato come prima lingua da 5 milioni di persone e come seconda lingua da circa 80 milioni di persone. Dato che si tratta di una lingua nata più di 2000 anni fa in funzione del commercio marittimo, è parlata correntemente anche in alcune zone al di fuori del continente africano.

Lo swahili è la lingua ufficiale del Kenya?

Certo, lo swahili è la lingua ufficiale di Kenya, Uganda, Tanzania e Ruanda. Data la sua grande diffusione e parentela con molte altre lingue bantu, viene utilizzata come lingua franca in tutta l’Africa sub-sahariana.

I Masai parlano swahili?

Sebbene la lingua del popolo Masai sia la lingua “Ma”, a scuola i bambini imparano da subito la grammatica e la fonetica dello swahili. Questo vale anche per la comunità Masai di Rombo.

Curiosità: dato che nelle aree in cui si parla swahili, ossia vicino all’equatore, gli orari di alba e tramonto sono sempre gli stessi nell’arco dell’anno (sempre alle 6 del mattino e alle 6 di pomeriggio), le ore vengono contate a partire proprio dall’alba e dal tramonto. Ad esempio, le 8 di sera sono le “due di notte” (due ore dopo il tramonto), mentre le 10 del mattino sono le quattro (quattro ore dopo l’alba).

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua