News e Comunicazioni

Dopo avervi raccontato della Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni, oggi vi parliamo di un’altra Giornata importante e che sentiamo molto vicina al nostro lavoro: la Giornata Mondiale dell’Aiuto Umanitario (World Humanitarian Day).

Si celebra ogni anno il 19 agosto ed è stata istituita dall’ONU nel 2009 in ricordo del bombardamento della sede delle Nazioni Unite a Baghdad avvenuto nel 2003 e in cui morirono 22 persone. La giornata è quindi un modo per ricordare e celebrare coloro che ogni giorno aiutano milioni persone in tutto il mondo, rischiando, a volte, la loro vita, per assecondare un grande spirito di solidarietà.

Quest’anno la Giornata dell’Aiuto Umanitario è dedicata alle donne che s’impegnano ad aiutare gli altri. Le Nazioni Unite vogliono, in questo modo, onorare tutte quelle eroine che non sono mai state celebrate, ma che hanno lavorato e stanno ancora lavorando in prima linea, fuori o all’interno della propria comunità, in alcuni dei territori più rischiosi del pianeta, dalle terre devastate dalla guerra in Afghanistan ai paesi colpiti da siccità e carestie dell’Africa sub-sahariana. Secondo le stime dell’ONU, le donne costituiscono una grande parte delle persone che rischiano ogni giorno la vita per salvarne altre e, spesso, sono le prime a intervenire e le ultime ad andarsene.

Vogliamo celebrare anche noi questa giornata così importante salutando i volontari che oggi atterrano a Nairobi per prendere parte ai nostri campi di volontariato nelle baraccopoli e nel nostro orfanotrofio: Jacopo, Laura, Matteo e Sophie daranno una mano al nostro staff nelle scuole e ad Alice Village.

Due delle nostre volontarie con i bambini di Alice Village.

Arianna, Fernando, Giulia, Linda e Sara, invece, fanno rientro in Italia, dopo un’esperienza che sappiamo essere stata significativa e costruttiva: sono tanti, infatti, i ragazzi, le ragazze, le donne e gli uomini che ogni anno decidono di dedicare parte del loro tempo (a volte anche interi mesi) ad aiutare i nostri bambini keniani e le comunità di Nairobi e di Rombo. E sappiamo, per esperienza, che si tratta di un’avventura che arricchisce nel profondo sia i bambini beneficiari dei nostri progetti sia i volontari stessi.

Quindi, GRAZIE DI CUORE a tutti coloro che ogni giorno scelgono di dedicarsi agli altri, in modo spontaneo, disinteressato e costruttivo!

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

9 settembre 2019

AIFA

Lo Staff 2019: Leah Lekanayia

Dopo avervi parlato della Responsabile Didattica del nostro corso, la chef Nadia Gherardi, vi presentiamo la Direttrice del corso AIFA di quest’anno: Leah Lekanayia. Leah è nata in Kenya e … Continua

27 agosto 2019

AIFA

Lo Staff 2019: Nadia Gherardi

Un paio di settimane fa vi abbiamo presentato la nuova classe di Alice Italian Food Academy, che seguirà le lezioni di cucina italiana fino al prossimo novembre. In quell’occasione, vi … Continua

13 agosto 2019

La Classe 2019 di AIFA

Il racconto sulla nuova avventura ad Alice Italian Food Academy prosegue questa settimana con la presentazione della nuova classe di aspiranti chef kenioti! Le lezioni di cucina italiana sono iniziate … Continua