News e Comunicazioni

Se ci seguite sui social e se ricevete le nostre comunicazioni, vi sarete imbattuti ultimamente in alcune nostre iniziative di raccolta fondi legate al Giving Tuesday. Ma perché questo martedì è così speciale?

Il Giving Tuesday è nato nel 2012 negli Stati Uniti in risposta al consumismo sfrenato che caratterizza Black Friday e Cyber Monday, nati anch’essi in America e creati per spingere ormai tutto il mondo cosiddetto “sviluppato” a spendere miliardi di dollari in prodotti di qualsiasi tipo.

Il martedì che segue il giorno del ringraziamento è così diventato la “Giornata del Dono”, durante la quale le persone investono il loro denaro non in beni materiali, ma in cause sociali e di bene comune. Grazie all’uso delle piattaforme di crowdfunding e alle molteplici iniziative portate avanti da associazioni, scuole, aziende e singole persone, la giornata del dono è diventata una giornata internazionale celebrata in ogni parte del mondo.

Quest’anno, noi di Alice For Children ci siamo posti una domanda: come rispondere davvero al consumismo sfrenato di Black Friday e Cyber Monday, in cui in Italia, solo in prodotti tecnologici, si spende più di un miliardo di euro?

Abbiamo deciso così di proporre un regalo ad alto tasso solidale e… tecnologico! Grazie a un laboratorio creativo con i nostri volontari e lo staff locale, i bambini del nostro orfanotrofio di Nairobi hanno realizzato uno smartphone in cartone, con il quale hanno scatenato la loro fantasia, disegnando e giocando. Lo smartphone è così diventato il nostro #RegaloPiùBello ed è subito entrato a far parte di un’iniziativa di raccolta fondi, sempre legata al Giving Tuesday e in favore del nostro programma di assistenza sanitaria Alice for Health. Quattro volontari e un genitore a distanza, infatti, hanno creato sulla piattaforma GoFundMe quattro campagne per aiutarci a curare alcune patologie croniche e/o gravi che colpiscono i bambini di Nairobi: anemia falciforme, HIV, ustioni gravi e i cosiddetti “special cases” (21 bambini affetti da diverse patologie quali malaria, malnutrizione, tubercolosi e gravi disabilità). Per ogni campagna, i nostri portavoce ci raccontano la storia di un bambino colpito da una di queste problematiche e curato grazie al nostro programma Alice for Health.

Ma non finisce qui! Donando per una o più delle campagne, non solo si aiuteranno concretamente i bambini bisognosi di cure di Nairobi, ma si riceverà anche lo smartphone di Alice in versione e-card, per fare gli auguri di Natale in modo originale e solidale.

Per accedere alle campagne, cliccate qui.

Oltre a questo, per il terzo anno consecutivo è possibile votare gratuitamente sulla piattaforma legata al Giving Tuesday la causa che vi sta più a cuore. Noi di Alice for Children partecipiamo a questa gara di solidarietà sempre con il progetto Alice for Health per la cura dei nostri bambini. Dopo il 6 gennaio, ultimo giorno per votare, l’associazione che avrà ottenuto più voti riceverà 5.000 euro da investire nel progetto presentato. Altri 2.500 euro saranno assegnati al secondo classificato e 1.000 euro a un fortunato che verrà estratto a sorte.

Per votare il nostro progetto di cura e assistenza medica per i bambini di Nairobi, visitate la pagina dedicata.

Abbiamo chiarito un po’ le idee sull’importanza del Giving Tuesday? Se avete domande, siamo sempre a disposizione!

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

4 agosto 2020

News dal Kenya

Le Conseguenze del Lockdown per le Donne

La pandemia e il lockdown stanno colpendo duramente tutta la popolazione mondiale in termini economici, sanitari e sociali. In tutto il mondo ma soprattutto nei paesi più vulnerabili, donne e … Continua

29 luglio 2020

Coronavirus, News dal Kenya

Lettera dagli Slum: l'Appello di Davide

Condividiamo con voi l’appello del nostro coordinatore delle attività a Nairobi, Davide, che sta lavorando sul campo per contrastare l’emergenza alimentare e sociale che affligge la popolazione degli slum di … Continua

22 luglio 2020

News dal Kenya

Scuole chiuse fino a gennaio: il Kenya dimentica i bambini degli slum

“Tenere le scuole chiuse comporta molti più rischi che benefici”. The Economist (dal titolo di un articolo di qualche giorno fa)   Due settimane fa il ministero dell’istruzione keniano ha … Continua

× Come possiamo aiutarti?