Contesto
e sicurezza



PRINCIPALI INFORMAZIONI SUL PAESE

Il Kenya è un paese dell’Africa Orientale, appartenente al Corno d’Africa, e confina con Etiopia, Uganda, Somalia, Sud Sudan e Tanzania. Ha una popolazione di circa 44 milioni di abitanti, di cui circa 4 milioni a Nairobi, la capitale del Paese. Il Kenya è ancora diviso in tribù, ce ne sono più di 70, e le più conosciute sono i Kikuyu, i Luo, i Luya e i Maasai. Ogni tribù ha una propria lingua, o un sottogruppo di una lingua tribale, ma le due lingue ufficiali sono lo Swahili e l’inglese. Le religioni principali sono il protestantesimo, il cattolicesimo e l’islamismo.

Il Kenya ha un clima tropicale, può essere molto umido e caldo lungo la costa, anche se alcuni venti marini mitigano la regione durante quasi tutto l’anno. Il paese è invece più temperato all’interno, in particolare a Nairobi che si trova ad un’altitudine di 1700m. La stagione delle piogge va da marzo a maggio e da novembre a dicembre, anche se la quantità e l’intensità delle piogge varia di anno in anno.

SICUREZZA

Spesso una delle preoccupazioni maggiori prima di partire per un’esperienza di volontariato internazionale è proprio la sicurezza. Quali pericoli posso correre? C’è qualcuno a cui rivolgermi in caso di necessità? C’è qualcuno che mi spiega i rischi del contesto dove andrò ad operare? È rischioso per me essere lì?

Queste sono solo alcune delle numerose domande che ognuno di noi si pone quando decide di intraprendere questa strada.

I nostri progetti sono monitorati costantemente sia dallo staff locale che dallo staff di Milano che effettua periodici viaggi in Kenya, per avere un controllo continuo sui progetti e garantirne la sicurezza. Grazie a questo sistema, l’associazione è in grado di garantire professionalità, sicurezza e qualità in progetti che hanno un impatto sociale a lungo termine.

La sicurezza dei volontari è una delle massime priorità di Alice for Children. Il nostro staff, prima in Italia e poi in Kenya, ti fornirà un percorso formativo sul contesto in cui opererai durante la tua esperienza di volontariato internazionale. Questo ti permetterà di vivere al meglio, con maggiore consapevolezza, e soprattutto in sicurezza, la tua esperienza. Affidati al nostro staff per ogni dubbio su comportamenti da tenere o da evitare.

In Kenya il livello di criminalità resta abbastanza alto, senza che ci sia una particolare distinzione tra kenyoti e stranieri. È sempre necessario stare attenti ai propri effetti personali ed è sempre consigliato girare con una fotocopia del proprio documento di identità, e lasciare l’originale in un luogo sicuro, come Alice VIllage. Il nostro staff saprà sempre indirizzarvi riguardo le situazioni da evitare e i luoghi dove è meglio non recarsi da soli o in determinati momenti.

Alcune aree del Kenya sono soggette ad influenze islamiche e possono essere teatro di azioni violente, ma esse si trovano principalmente sulla costa e nelle zone vicine al confine con la Somalia. Nairobi è lontana da queste aree, ma essendo la capitale del paese può sempre rappresentare un target. I nostri progetti sono situati lontani dal centro e dalle aree di maggiore interesse. L’importante resta comunque avere consapevolezza della situazione, ma anche del fatto che l’associazione sarà la prima a valutare il da farsi e prendere la decisione più sicura e appropriata in caso di necessità.

Per maggiori informazioni sulle condizioni di sicurezza in Kenya, potete sempre visitare il sito del Ministero degli Esteri “Viaggiare Sicuri”, pagina che viene aggiornata costantemente dalla Farnesina.

I nostri progetti, pur essendo inseriti in realtà dalle forti problematiche, hanno la garanzia di essere portati avanti insieme a partner che ci garantiscono la creazione di un ambiente sicuro per i volontari, anche e soprattutto grazie alla diffusa presenza di staff locale, che conosce alla perfezione quelle realtà.

È necessario tenere presente che negli slum il tasso di incidenza di alcune malattie, come per esempio l’HIV e AIDS è maggiore che in altre aree della città e del paese, a causa delle scarse condizioni igieniche e il difficile accesso alle cure sanitarie.

Alice Village, il progetto dove risiederai, è un compound che si trova alla periferia di Nairobi, lontana dai centri di interesse e sensibili della città, in un’area residenziale, ed è uno spazio sicuro, protetto e sempre sorvegliato dai guardiani, al cui interno vivono circa cento bambini e una quarantina di persone del nostro staff.

In generale, per la propria sicurezza è sempre opportuno evitare comportamenti irresponsabili che ti possano mettere in una situazione di pericolo, come metterti visibilmente in mostra o muoverti nello slum non accompagnato. Non agire inconsapevolmente o in modo contrario ai consigli e regole dello staff sarà il modo migliore per garantire la tua stessa sicurezza. Durante la formazione, il nostro staff ti fornirà una spiegazione esaustiva anche su alcune regole di comportamento legate alla cultura del paese, come ad esempio l’uso di sacchetti di plastica o la regolamentazione del fumo nei luoghi pubblici.

Al momento della tua partenza, ti consigliamo poi di registrarti presso il sito della Farnesina “Dove siamo nel mondo”, una piattaforma che raccoglie i dati personali forniti in modo spontaneo dei cittadini italiani che si trovano temporaneamente all’estero.

Questo è un altro link a cui puoi trovare informazioni utili e informazioni sul contesto del Paese.

In ogni caso, affidarsi allo staff locale e seguire le loro indicazioni è dunque la prima regola da seguire per vivere in massima sicurezza la tua esperienza.