News e Comunicazioni

NAIROBI – Wangari Maathai, morta all’eta’ di 71 anni, e’ stata la prima donna africana a ricevere il Nobel per la pace per la sua lotta contro la deforestazione. Il suo impegno ambientalista e’ stato storico: nota soprattutto la sua attivita’ alla testa del movimento ‘Green Belt’ (cintura verde) che ha piantato oltre 30 milioni di alberi lungo il continente africano contro la desertificazione. Era nata a Nyeri, in Kenia, nel 1940.

Wangari Maathai e’ morta in ospedale, dove era ricoverata per sottoporsi a un trattamento contro il cancro. I media kenyani hanno riportato la notizia, senza fornire altri dettagli. Il movimento Green belt l’ha poi confermata sul suo sito internet: ”E’ con immensa tristezza che la famiglia di Wangari Maathai annuncia la sua morte, avvenuta il 25 settembre dopo una lunga e coraggiosa battaglia contro il cancro”.

Laureata in scienze biologiche ottenne la cattedra di veterinaria all’universita’ di Nairobi: prima donna keniota a raggiungere un incarico cosi’ prestigioso. Nello stesso anno comincio’ a lavorare al Consiglio nazionale delle donne del Kenia e dal 1981 al 1987 ne fu la presidentessa. Attraverso il Consiglio diffuse l’idea di piantare alberi e l’anno dopo tenne a battesimo proprio il ‘Green Belt Movement’, un’organizzazione per la salvaguardia dell’ambiente e il miglioramento della qualita’ della vita delle donne. La crescita del Green Belt Movement fu rapidissima: alla fine degli anni Ottanta erano coinvolte tremila donne.

Dal 1986 le iniziative del movimento furono adottate in altri paesi africani: Tanzania, Uganda, Malawi, Lesotho, Etiopia e Zimbawe. Gli obiettivi principali sono la salvaguardia della biodiversita’ e la creazione posti di lavoro con un occhio particolare alla leadership della figura femminile nelle aree rurali. Negli ultimi 20 anni molti degli obiettivi del Green Belt e di Wangari sono stati raggiunti. In Africa e’ aumentata la consapevolezza della problematica ambientale e sono stati creati migliaia di posti di lavoro.

Alla fine del 1993 le donne del movimento avevano piantato piu’ di 20 milioni di alberi e molte erano diventate ”guardaboschi senza diploma”. Negli anni la Maathai ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali, inclusi il premio ‘Global 500’ del programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, il ‘Goldman Enviromental Award’, il premio ‘Africa per i Leader’ e il premio per ‘Una Societa’ Migliore’. Negli ultimi anni il lavoro di Wangari si e’ focalizzato sulla situazione dei diritti umani in Kenya. Per il suo impegno per un Kenya multietnico e democratico, e’ stata diffamata, perseguita, arrestata e picchiata.

Fonte: www.ansa.it

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

24 settembre 2020

Diamo i Numeri... Grazie a Voi!

SEMBRAVA IMPOSSIBILE, MA GRAZIE A VOI CI STIAMO RIUSCENDO! Da qualche mese abbiamo lanciato il nuovo progetto per aiutare le famiglie che vivono negli slum, ridotte alla fame dalle conseguenze … Continua

15 settembre 2020

News dal Kenya

Le scuole chiuse cancellano i diritti dei bambini

Secondo un recente studio delle Nazioni Unite, nei prossimi dieci anni il numero delle spose bambine nel mondo crescerà di 13 milioni. Questa è solo una delle conseguenze della chiusura … Continua

10 settembre 2020

Il Tuo 5x1000 Può Fare la Differenza

Il 2020 è un anno particolare, anche per la donazione del 5×1000: a causa della pandemia e del lockdown, le scadenze per la presentazione del 730 o del Modello Redditi … Continua

× Come possiamo aiutarti?