News e Comunicazioni

(AGI) – Roma, 7 ott. – La Primavera araba ma anche l’impegno contro la guerra e per le pari opportunita’ in Africa: il Premio Nobel per la Pace si tinge di rosa con tre donne insignite ex aequo dalla Commissione di Oslo. Si tratta della presidente liberiana Ellen Johnson-Sirleaf, della connazionale pacifista Leymah Gbowee e del ‘volto’ della rivolta yemenita, Tawakkul Karman, premiate per “la loro battaglia non violenta per la sicurezza delle donne e per il loro diritto a partecipare alla costruzione della pace”.
DA MADRE TERESA A SUU KYI, 15 PREMI IN ROSA
“Non e’ possibile conquistare la democrazia e una pace duratura senza che le donne abbiano le stesse opportunita’ degli uomini nel contribuire allo sviluppo a tutti i livelli della societa'”, ha affermato il presidente della Commissione, Thorbjoern Jagland.
“E’ una notizia meravigliosa”, ha commentato il segretario generale Onu, Ban ki-moon, il premio “non avrebbe potuto essere scelto meglio”. Lodi anche dalla cancelliera tedesca, Angela Merkel, che l’ha definito “un ottimo segnale”, e da Amnesty. Il ministro delle Pari Opportunita’, Mara Carfagna, si e’ detta “felicissima”, augurandosi che il Nobel “aiuti a porre fine all’oppressione delle donne”.

BONO ESULTA: JOHNSON-SIRLEAF UNA FORZA DELLA NATURA
“Dedico questo premio a tutti gli attivisti della Primavera araba. E’ il riconoscimento, da parte della comunita’ internazionale, della nostra rivoluzione e della sua inevitabile vittoria”, ha commentato a caldo Tawakkul Kerman, giornalista yemenita di 32 anni, in prima linea nelle proteste contro il regime di Ali Abdullah Saleh: e’ la prima araba a ricevere il Nobel per la Pace. E’ un premio a “tutto il popolo liberiano” e alle “donne liberiane”, ha invece affermato Ellen Johnson-Sirleaf, la “Thatcher africana”, prima donna a guidare uno Stato nel Continente Nero.
CARFAGNA: “FELICISSIMA CHE ANDATO A TRE DONNE”
“E’ il risultato di molti anni di battaglia per la pace e la giustizia. I liberiani devono essere fieri”, ha aggiunto la pasionaria candidata per un secondo mandato alle presidenziali che si svolgeranno martedi’. Il suo rivale, Winston Tubman, ha subito definito il premio “inaccettabile e immeritato”. Insieme alla Johnson-Sirleaf e’ stata premiata la connazionale pacifista Leymah Gbowee, promotrice dello ‘sciopero del sesso’ che ha contribuito a mettere fine alle guerre civili che hanno dilaniato la Liberia per 14 anni. Da tempo si attendeva un riconoscimento al contributo del gentil sesso nel cammino verso la pace: in piu’ di un secolo, solo 15 donne hanno ottenuto il prestigioso premio, tra cui Madre Teresa di Calcutta e Aung San Suu Kyi.

BONINO: “MI AUGURO NUOVO IMPETO PER CAUSA DONNA”
Per la Farnesina e’ “un segnale importante per chi si batte per il riconoscimento dei diritti delle donne e per tutti coloro che lottano per l’emancipazione e per la sicurezza in generale”. L’Italia aveva sostenuto la campagna del Cipsi per il conferimento del premio Nobel alle donne africane.
PREMIO A DONNE ACCOLTO CON GIOIA IN VATICANO

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

18 ottobre 2020

Brosway per le donne e le bambine degli slum

Dall’inizio della pandemia, la nostra associazione ha attraversato momenti di grande difficoltà. Anche oggi, con le scuole chiuse a Nairobi e le famiglie delle baraccopoli ridotte alla fame, non sapremmo … Continua

15 ottobre 2020

Il Diritto al Cibo e il Rinnovato Impegno della Chiesa Valdese

Il cibo come bisogno primario. Come primo mattone per costruire una comunità. Come primo intervento alla base di cure mediche e assistenza al lavoro. Il 16 ottobre si celebra la … Continua

11 ottobre 2020

11 Ottobre: Giornata Internazionale delle Bambine

Dal 2011, l’11 ottobre si celebra la Giornata Internazionale delle Bambine, istituita dall’assemblea generale dell’ONU. Era il 1995 quando per la prima volta nella storia delle Nazioni Unite si parlò di … Continua

Iscriviti alla newsletter
× Come possiamo aiutarti?