News e Comunicazioni

Ventisei capi tribù del popolo Himba, un’etnia che vive tra Nabia e Angola, si sono uniti per rivendicare i loro diritti e per difendere il loro territorio dalla costruzione di una diga che andrebbe a distruggere centinaia di tombe tradizionali e luoghi di culto.

«Non permetteremo mai che il nostro fiume venga bloccato, distrutto il nostro ambiente e prese le nostre terre» hanno sottoscritto i capi tribali all’interno di un appello rivolto all’Onu redatto a mano su fogli di quaderno. (Clicca qui, per leggerlo).

Secondo i rappresentanti delle varie tribù presenti sul territorio minacciato, la realizzazione della diga – importante per il reperimento di energia idroelettrica – andrebbe a violare quanto determinato dalla Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti delle popolazioni autoctone, firmata anche dalla Namibia.

L’appello, diffuso dall’organizzazione umanitaria NamRights, è stato presentato sia al governo della Namibia, che alla Commissione africana per i diritti dell’Uomo e dei Popoli.

Inoltre, come riporta il Corriere della Sera, il capo Himba, Hikumine Kapika, ha invitato il rappresentante Onu per i diritti delle popolazioni autoctone, Anaya James, a visitare le comunità coinvolte.

Fonte: Virgilio Go Green

website: http://gogreen.virgilio.it/news/ambiente-energia/namibia-diga-minaccia-tribu-locali-capi-lanciano-appello-all-onu_5813.html

 

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

15 settembre 2020

News dal Kenya

Le scuole chiuse cancellano i diritti dei bambini

Secondo un recente studio delle Nazioni Unite, nei prossimi dieci anni il numero delle spose bambine nel mondo crescerà di 13 milioni. Questa è solo una delle conseguenze della chiusura … Continua

10 settembre 2020

Il Tuo 5x1000 Può Fare la Differenza

Il 2020 è un anno particolare, anche per la donazione del 5×1000: a causa della pandemia e del lockdown, le scadenze per la presentazione del 730 o del Modello Redditi … Continua

9 settembre 2020

News dal Kenya

Supporto Sanitario a Nairobi: a Che Punto Siamo

Dallo scorso marzo ci siamo attivati per affrontare l’emergenza legata al COVID-19 anche da un punto di vista sanitario e medico. Nonostante i casi di Coronavirus e le morti causate … Continua

× Come possiamo aiutarti?