News e Comunicazioni

Continuiamo il nostro excursus sul terrorismo africano con brevi note sul Mohammed Yusuf, il fondatore di Boko Haram.

Yusuf fu un predicatore nigeriano, nato nel 1970 e morto nel luglio del 2009 in seguito a scontri con le truppe regolari nigeriane.

Secondo quanto riportato da Paul Lubeck, dell’università della California, Yusuf ricevette in giovinezza un’educazione fortemente salafita e questo ha condizionato molto la sua visione ed il suo approccio con la società e la cultura.

Abbiamo già accennato che Yusuf era un predicatore musulmano. Durante i suoi primi interventi non trasparivano le solite posizioni antioccidentali quali la denuncia di una civiltà moralmente decadente, l’uso incondizionato di alcool, etc. I suoi interessi erano le scuole e, più in generale, il sistema educativo occidentale, a suo dire, più travianti dell’alcool o di altre storture occidentali. È interessante notare come proprio da queste scuole era uscita la stragrande maggioranza dei politici nigeriani. Il suo attacco non era, quindi, solo religioso, o, se si vuole, culturale, ma schiettamente politico. Non dobbiamo dimenticare come sia forte in ambito islamico la commistione tra società, politica e religione. Una diretta conseguenza di tutto questo fu la scelta di fondare un gruppo che, attraverso i mezzi usuali del jihad, voleva estendere, almeno in la legge islamica come baluardo verso un’educazione occidentale perversa.

Subito dopo la fondazione di Boko Haram, Yusuf portò la sede operativa nella regione nigeriana di Kanamma, nella quale già operavano gruppi maghrebini legati ad al-Qaida. La scelta fu piuttosto chiara, Boko Haram era una cellula del network terroristico guidato in quegli anni da Osama bin Laden.

La morte di Yusuf avvenne nel luglio  2009 quando, arrestato dalle truppe nigeriane, tentò la fuga e, raggiunto, venne ucciso.

G. Themis

Fonti:

Wikipedia: http://en.wikipedia.org/wiki/Mohammed_Yusuf_(Boko_Haram);

World Observer: http://world-observer.com/tag/ustaz-mohammed-yusuf/;

Global Jihad: http://www.globaljihad.net/view_page.asp?id=2005

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

20 gennaio 2020

Sostegno a Distanza: la storia di Bashir

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione. 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza!   Questo significa che: potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua

23 dicembre 2019

News dal Kenya

Il Viaggio di Novembre

Lo scorso novembre è stato un mese pieno di grandi avvenimenti per la nostra associazione. Molti di questi si sono svolti durante il viaggio degli ospiti, genitori a distanza e … Continua

19 dicembre 2019

L'Anemia Falciforme e i Nostri Piccoli Eroi

Si sente parlare spesso di malattie legate al continente africano, come HIV, malaria e tubercolosi. Ma esiste un’altra malattia di cui nessuno parla e che causa problemi gravi a moltissimi … Continua