News e Comunicazioni

Il primo giorno di dicembre è ricordato da tutti come la Giornata mondiale contro l’AIDS. Una giornata all’insegna della sensibilizzazione su un tema importantissimo quale la diffusione del virus dell’HIV e le morti ad essa correlate. Questa piaga affligge praticamente tutto il mondo, ma ha la sua massima concentrazione nel continente africano e soprattutto nell’area sub-sahariana e soprattutto tra i nuovi nati.

Il motivo di tutto questo risiede nel fatto che seppure i governi, come quello del Kenya, prevedano la distribuzione dei farmaci antiretrovirali per evitare che il virus passi dalla madre al bambino, nella maggior parte dei casi le madri non assumono le medicine, vanificando gli sforzi fatti per proteggere i nascituri.

Ad onor del vero bisogna riconoscere che le stime circa il numero di contagi sono nettamente migliorate rispetto allo scorso decennio, e le cure sviluppate garantiscono un miglioramento della qualità della vita dei pazienti infetti, ma questo non basta.

Le Nazioni Unite hanno iscritto al sesto posto tra gli “Obiettivi del Millennio” la lotta all’HIV/AIDS e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha sfruttato tutti i mezzi mediatici e non a sua disposizione per sensibilizzare la popolazione mondiale a riguardo, incentivando l’uso di metodi contraccettivi e l’educazione alla prevenzione.

Milioni di persone, adulti e bambini rischiano la vita ogni giorno a causa di questa terribile malattia. Nei paesi africani, troppo spesso povertà, mancanza di cibo e acqua si vanno a sommare alla malattia, dichiarando una sentenza di morte. E’ ora che tutto questo finisca, e che ci sia una chance di vita per tutti coloro che ogni giorno lottano per tenere a bada questo morbo, e che ci sia per loro la possibilità di amare ed essere ricambiati.

 

Giulia Buffa

Fonti:

http://www.who.int/hiv/en/

http://www.worldaidsday.org/

http://cdn.blogosfere.it/scienzaesalute/images/fiocco%20rosso-thumb.jpg

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

20 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Un viaggio nella baraccopoli di Korogocho

La baraccopoli di Korogocho è una tra le più grandi e popolose di Nairobi. È qui che siamo approdati più di dieci anni fa nel nostro primo viaggio alla scoperta … Continua

15 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Ai Piedi della Discarica: il Racconto di Arianna

Dandora è uno dei più di 100 slum di Nairobi. Un agglomerato di baracche e strade strette, dove vivono e si muovono migliaia di persone. A soli 7 chilometri dal … Continua

10 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Alla Scoperta di Rombo con Alessandra

“Tanti di loro erano scalzi, la divisa era ormai logorata dal tempo, ma i loro sorrisi e gli occhi illuminati da una luce che solo la savana e le distese … Continua

× Come possiamo aiutarti?