News e Comunicazioni

Oggi per il Kenya è una giornata molto importante dal punto di vista politico poiché il neo-eletto presidente – Uhuru Kenyatta – presterà giuramento alla nazione durante la cerimonia di insediamento. Ma ricapitoliamo brevemente i fatti delle ultime settimane dal giorno delle elezioni ad oggi.

Dopo una campagna elettorale all’insegna dello scontro pacifico tra i principali contendenti Raila Odinga e Uhuru Kenyatta, il 4 marzo i kenyoti sono stati chiamati alle urne per scegliere il loro nuovo presidente. L’affluenza è stata da record; l’85% degli elettori si è presentato ai seggi blindati in termini di sicurezza per evitare il ripetersi delle violenze avvenute in occasione della sconfitta contestata da Odinga nel 2007. Nonostante, tutte le precauzioni prese, nel paese ci sono state diciassette morti.

Il 9 marzo, dopo cinque giorni di voto e spoglio, Kenyatta, accusato di crimini contro l’umanità in ambito internazionale, si è assicurato una vittoria di misura con il 50,07% del consenso pari a 6.173.433 voti su un totale di 12.338.667, evitando così il ballottaggio con il rivale Odinga.

Dopo l’annuncio delle sua elezione alla guida del paese in occasione del primo discorso ufficiale, Kenyatta ha invitato il rivale sconfitto Odinga ad unirsi a lui per far crescere il Kenya. Quest’ultimo, non riconoscendo il risultato elettorale, ha subito rilanciato la sfida in tribunale, accusando il rivale di “massicce manomissioni”.

Il 30 marzo la Corte Suprema del Kenya ha convalidato la vittoria di Kenyatta, dichiarando che le elezioni si sono svolte in maniera libera trasparente e credibile, rigettando così le denunce di irregolarità. Nonostante Odinga abbia dichiarato di rispettare la decisione della Corte Suprema, nella cittadina di Kisumu, roccaforte di Odinga, sono scaturite violente manifestazioni di protesta che hanno causato la morte di due persone.

La cerimonia di oggi inizierà alle ore 10 del mattino e si terrà nel Kasarani Sport Complex alla presenza delle più alte cariche dello Stato e dei leader di stati africani, quali Uganda, Sud Sudan, Rwanda, Tanzania e Burundi, il presidente del Common Market for Eastern and Southern Africa (COMESA). È inoltre atteso Zhang Baowen, vice presidente del Congresso del Partito Popolare Cinese. Saranno anche presenti rappresentanti di Stati Uniti e Regno Unito.

Verso mezzogiorno si entrerà nel clou della cerimonia. Willy Mutunga, Capo della Giustizia, presenterà il presidente e il vice presidente affinché possano prestare giuramento alla presenza del Chief Registrar, Gladis Boss Shollei. In seguito, il nuovo presidente firmerà il certificato di inaugurazione. Infine il presidente uscente, Kibaki, passerà ufficialmente l’autorità a Kenyatta, il quale poi sarà invitato dal Vice presidente Ruto a tenere il suo messaggio inaugurale alla nazione.

Curiosamente, sebbene Odinga abbia chiesto ai suoi sostenitori di rimanere calmi e dare un pacifico benvenuto a Kenyatta come loro nuovo presidente, la sua richiesta è arrivata in un messaggio dal Sudafrica e non è ancora chiaro se presenzierà alla cerimonia di insediamento.

Giulia

 

Fonti:

http://it.euronews.com/2013/03/09/kenya-elezioni-vince-kenyatta-ma-di-misura-e-tra-le-contestazioni/

http://www.ilmondo.it/esteri/2013-03-09/kenya-elezioni-odinga-annuncia-contestazione-tribunale_214457.shtml

http://www.lastampa.it/2013/03/04/esteri/kenya-scontri-per-le-elezioni-morti-wpJZq42ey2uXvZsrmev2NP/pagina.html

http://www.nation.co.ke/News/politics/Raila-flies-out-ahead-of-Uhuru-swearing-in/-/1064/1741500/-/l4owgkz/-/index.html

http://www.nation.co.ke/News/politics/Cord-leaders-may-skip-Uhuru-fete/-/1064/1742118/-/140ca3kz/-/index.html

http://saharareporters.com/news-page/supreme-court-upholds-uhurus-election-president-daily-nation-kenya

http://africaexpress.corriere.it/2013/03/15/kenyaodinga-vs-kenyatta-dal-voto-alla-battaglia-legale/

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

23 dicembre 2019

News dal Kenya

Il Viaggio di Novembre

Lo scorso novembre è stato un mese pieno di grandi avvenimenti per la nostra associazione. Molti di questi si sono svolti durante il viaggio degli ospiti, genitori a distanza e … Continua

21 dicembre 2019

Sostegno a Distanza: una Storia Speciale

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione: ben 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza! Questo significa che potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua

19 dicembre 2019

L'Anemia Falciforme e i Nostri Piccoli Eroi

Si sente parlare spesso di malattie legate al continente africano, come HIV, malaria e tubercolosi. Ma esiste un’altra malattia di cui nessuno parla e che causa problemi gravi a moltissimi … Continua