News e Comunicazioni

Per tradizione in Africa la famiglia, o più esattamente la comunità famigliare nota come “lignaggio”, svolge funzioni produttive e politiche, oltre che riproduttive, e i rapporti di parentela organizzano e determinano ogni aspetto dell’esistenza. Di conseguenze al capofamiglia sono affidate tutte le decisioni, comprese quelle relative al matrimonio, la futura residenza della coppia e la scelta dei coniugi stessi che ritengono più convenienti senza tenere conto della loro volontà. Nella zona costiera del Kenya è in uso un detto Swahili che illustra con chiarezza questo modo di intendere il matrimonio: “Piacersi, tra uomo e donna, è affar loro; sposarsi è affare delle loro famiglie”. Per questo motivo, sono incoraggiate le nozze tra cugini incrociati in modo tale da evitare unioni con persone di altre etnie. Inoltre, non manca la pratica della poliginia che consente e talvolta impone ai maschi di avere più di una moglie. Infatti l’uomo ha il dovere di sposare le vedove di un fratello o cugino, e dato che nella cultura africana procreare è considerato essenziale, in caso di sterilità l’uomo può sostituire la moglie e prenderne un’altra fertile.

In generale quindi, la donna viene considerata in rapporto al carico di lavoro ed alla capacità procreativa e viene riconosciuta a livello sociale solo dopo aver avuto il primo figlio, mentre solo dopo la menopausa acquista autorità all’interno della famiglia. La vita della donna può essere rappresentata da un quadrato in cui ad ogni vertice corrisponde una mansione svolta quali: occuparsi della casa, educazione figli, assistenza anziani e lavoro nei campi.

La situazione della donna in Kenya spesso è considerata più difficile rispetto ad altre nazioni africane. Infatti la nazione è frammentata in numerose tribù che ancora seguono una gerarchia sociale che discrimina completamente  la donna. Ad esempio, l’età media di una giovane sposa è di circa 13 anni che spesso viene unita a uomini con il triplo della sua età anagrafica che la tiene in condizioni di schiavitù detenendone i diritti di rappresentanza legale e di picchiarla per insegnarle il suo posto nella società. Tutte le donne quindi hanno un solo vero ostacolo: la mentalità dei loro uomini. Infatti, nonostante la legge garantisca il diritto alla proprietà privata e alla non discriminazione all’interno del nucleo familiare, nessuno uomo ha mostrato l’inclinazione a mettere le donne sul loro stesso livello, come dimostrato da Soipan Tuya, avvocato attivista per i diritti delle donne in Kenya.

L’emancipazione  femminile in Africa è dunque un cammino ancora in salita. Sebbene la tradizione per ora continui ad avere un peso considerevole sulla mentalità, negli ultimi anni si sono cominciati a vedere i primi segni più significativi di apertura alle donne nella sfera pubblica. Questi, però, sono ancora pochi, molto altro ancora deve essere fatto per quella che è l’invisibile spina dorsale del continente.

Giulia

Fonti:

http://www.svipop.org/dossierArticolo.php?idArt=29

http://www.svipop.org/dossierArchivio.php?idCat=10

http://www.italianitalianinelmondo.com/2010/notizie.php?id=695&s=4

http://thefielder.net/29/10/2012/kenya-e-le-donne-una-difficile-coesistenza/#.UYIvbbU0ySo[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:”1″,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”Per tradizione in Africa la famiglia, o pi\u00f9 esattamente la comunit\u00e0 famigliare nota come \”lignaggio\”, svolge funzioni produttive e politiche, oltre che riproduttive, e i rapporti di parentela organizzano e determinano ogni aspetto dell\u2019esistenza. Di conseguenze al capofamiglia sono affidate tutte le decisioni, comprese quelle relative al matrimonio, la futura residenza della coppia e la scelta dei coniugi stessi che ritengono pi\u00f9 convenienti senza tenere conto della loro volont\u00e0. Nella zona costiera del Kenya \u00e8 in uso un detto Swahili che illustra con chiarezza questo modo di intendere il matrimonio: \”Piacersi, tra uomo e donna, \u00e8 affar loro; sposarsi \u00e8 affare delle loro famiglie\”. Per questo motivo, sono incoraggiate le nozze tra cugini incrociati in modo tale da evitare unioni con persone di altre etnie. Inoltre, non manca la pratica della poliginia che consente e talvolta impone ai maschi di avere pi\u00f9 di una moglie. Infatti l\u2019uomo ha il dovere di sposare le vedove di un fratello o cugino, e dato che nella cultura africana procreare \u00e8 considerato essenziale, in caso di sterilit\u00e0 l\u2019uomo pu\u00f2 sostituire la moglie e prenderne un\u2019altra fertile.\r\n\r\nIn generale quindi, la donna viene considerata in rapporto al carico di lavoro ed alla capacit\u00e0 procreativa e viene riconosciuta a livello sociale solo dopo aver avuto il primo figlio, mentre solo dopo la menopausa acquista autorit\u00e0 all’interno della famiglia. La vita della donna pu\u00f2 essere rappresentata da un quadrato in cui ad ogni vertice corrisponde una mansione svolta quali: occuparsi della casa, educazione figli, assistenza anziani e lavoro nei campi.\r\n\r\nLa situazione della donna in Kenya spesso \u00e8 considerata pi\u00f9 difficile rispetto ad altre nazioni africane. Infatti la nazione \u00e8 frammentata in numerose trib\u00f9 che ancora seguono una gerarchia sociale che discrimina completamente \u00a0la donna. Ad esempio, l\u2019et\u00e0 media di una giovane sposa \u00e8 di circa 13 anni che spesso viene unita a uomini con il triplo della sua et\u00e0 anagrafica che la tiene in condizioni di schiavit\u00f9 detenendone i diritti di rappresentanza legale e di picchiarla per insegnarle il suo posto nella societ\u00e0. Tutte le donne quindi hanno un solo vero ostacolo: la mentalit\u00e0 dei loro uomini. Infatti, nonostante la legge garantisca il diritto alla propriet\u00e0 privata e alla non discriminazione all\u2019interno del nucleo familiare, nessuno uomo ha mostrato l\u2019inclinazione a mettere le donne sul loro stesso livello, come dimostrato da Soipan Tuya, avvocato attivista per i diritti delle donne in Kenya.\r\n\r\nL\u2019emancipazione \u00a0femminile in Africa \u00e8 dunque un cammino ancora in salita. Sebbene la tradizione per ora continui ad avere un peso considerevole sulla mentalit\u00e0, negli ultimi anni si sono cominciati a vedere i primi segni pi\u00f9 significativi di apertura alle donne nella sfera pubblica. Questi, per\u00f2, sono ancora pochi, molto altro ancora deve essere fatto per quella che \u00e8 l’invisibile spina dorsale del continente.\r\n\r\n\"\"<\/a>\r\n\r\nGiulia\r\n\r\nFonti:\r\n\r\nhttp:\/\/www.svipop.org\/dossierArticolo.php?idArt=29<\/a>\r\n\r\nhttp:\/\/www.svipop.org\/dossierArchivio.php?idCat=10<\/a>\r\n\r\nhttp:\/\/www.italianitalianinelmondo.com\/2010\/notizie.php?id=695&s=4<\/a>\r\n\r\nhttp:\/\/thefielder.net\/29\/10\/2012\/kenya-e-le-donne-una-difficile-coesistenza\/#.UYIvbbU0ySo<\/a>“}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua