News e Comunicazioni

Oggi, 5 giugno, si celebra la Giornata Mondiale dell’Ambiente, un’occasione importante per riflettere sull’impatto dell’uomo sul Pianeta.

Il tema del 2013 scelto dalle Nazioni Unite è «Pensa, mangia, preserva»: un modo per riflettere su ciò che si mangia ed evitare gli sprechi alimentari.

Nei Paesi occidentali ogni ann0 (dati Unep e Fao) si sprecano 222 milioni di tonnellate di cibo, pari quasi alla produzione di cibo nell’Africa sub-sahariana. Questo, mentre 868 milioni di persone a livello globale soffrono la fame, in particolare in Africa.

“Si tratta di una vera e propria emergenza anche sul fronte ambientale, che governi e istituzioni di tutto il mondo devono affrontare con decisione – dice Riccardo Valentini, premio Nobel per la Pace nel 2007 e direttore della divisione impatti sul clima presso il Centro Euromediterraneo sui Cambiamenti Climatici -. Acqua, energia e ettari di terreno vengono utilizzati per produrre cibi che vengono poi gettati, con costi enormi per la salute del Pianeta. È ormai necessario rivedere radicalmente i comportamenti e le abitudini di consumo di buona parte degli abitanti della Terra, in particolare nel mondo Occidentale”.

E l’Italia non è esente da questo fenomeno: lo spreco di cibo nel nostro paese raggiunge un valore di 15 miliardi di euro e produce circa 4 milioni di tonnellate di CO2, energia sufficiente ad alimentare i consumi energetici della popolazione italiana in un anno.

“Il pianeta non può aspettare: oltre un miliardo di tonnellate di cibo gettato ogni anno potrebbe sfamare per quattro volte tutte le persone malnutrite, con effetti immediati nella lotta contro la fame e grandi benefici anche per la salute della Terra – afferma Danielle Nierenberg, esperta di agricoltura sostenibile e fondatrice del FoodTank: the Food Think Tank -. Ciascuno di noi può fare la sua parte, adottando nella vita quotidiana piccoli accorgimenti in grado di ridurre gli sprechi”.

 [content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:”1″,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”\"\"<\/a>Oggi, 5 giugno, si celebra la Giornata Mondiale dell\u2019Ambiente<\/strong>, un\u2019occasione importante per riflettere sull’impatto dell\u2019uomo sul Pianeta.\r\n\r\nIl tema del 2013 scelto dalle Nazioni Unite<\/strong> \u00e8 \u00abPensa, mangia, preserva\u00bb: un modo per riflettere su ci\u00f2 che si mangia ed evitare gli sprechi alimentari<\/a>.\r\n\r\nNei Paesi occidentali ogni ann0 (dati Unep e Fao<\/a>) si sprecano 222 milioni di tonnellate di cibo, pari quasi alla produzione di cibo nell’Africa sub-sahariana<\/strong>. Questo, mentre 868 milioni di persone a livello globale soffrono la fame, in particolare in Africa.\r\n\r\n\u201cSi tratta di una vera e propria emergenza anche sul fronte ambientale, che governi e istituzioni di tutto il mondo devono affrontare con decisione – dice\u00a0Riccardo Valentini<\/strong>, premio Nobel per la Pace nel 2007 e direttore della divisione impatti sul clima presso il Centro Euromediterraneo sui Cambiamenti Climatici -. Acqua, energia e ettari di terreno vengono utilizzati per produrre cibi che vengono poi gettati, con costi enormi per la salute del Pianeta. \u00c8 ormai necessario rivedere radicalmente i comportamenti e le abitudini di consumo di buona parte degli abitanti della Terra, in particolare nel mondo Occidentale\u201d.\r\n\r\nE l’Italia non \u00e8 esente da questo fenomeno: lo spreco di cibo nel nostro paese raggiunge un valore di 15 miliardi di euro e produce\u00a0circa 4 milioni di tonnellate<\/strong> di CO2<\/strong>, energia sufficiente ad alimentare i consumi energetici della popolazione italiana in un anno.\r\n\r\n\”Il pianeta non pu\u00f2 aspettare: oltre un miliardo di tonnellate di cibo gettato ogni anno potrebbe sfamare per quattro volte tutte le persone malnutrite, con effetti immediati nella lotta contro la fame e grandi benefici anche per la salute della Terra – afferma Danielle Nierenberg<\/strong>, esperta di agricoltura sostenibile e fondatrice del FoodTank: the Food Think Tank -. Ciascuno di noi pu\u00f2 fare la sua parte, adottando nella vita quotidiana piccoli accorgimenti in grado di ridurre gli sprechi\”.\r\n\r\n “}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

9 settembre 2019

AIFA

Lo Staff 2019: Leah Lekanayia

Dopo avervi parlato della Responsabile Didattica del nostro corso, la chef Nadia Gherardi, vi presentiamo la Direttrice del corso AIFA di quest’anno: Leah Lekanayia. Leah è nata in Kenya e … Continua

27 agosto 2019

AIFA

Lo Staff 2019: Nadia Gherardi

Un paio di settimane fa vi abbiamo presentato la nuova classe di Alice Italian Food Academy, che seguirà le lezioni di cucina italiana fino al prossimo novembre. In quell’occasione, vi … Continua

19 agosto 2019

News dal Kenya

Giornata Mondiale dell'Aiuto Umanitario

Dopo avervi raccontato della Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni, oggi vi parliamo di un’altra Giornata importante e che sentiamo molto vicina al nostro lavoro: la Giornata Mondiale dell’Aiuto Umanitario (World … Continua