News e Comunicazioni

La mappa

Nel marzo dello scorso anno i governi di Kenya, Etiopia e Sud Sudan si sono trovati nella città keniota Lamu sull’Oceano Indiano per lanciare la costruzione di un porto e un nuovo oleodotto per convogliare il petrolio dei tre paesi e dargli uno sbocco sul mare. Il tempo previsto per la costruzione è di 11 mesi e il costo complessivo dell’investimento si aggira sui 16 miliardi di dollari.

Certo, il petrolio non è la forma migliore per preservare l’ambiente africano, tuttavia, date le condizioni di estrema povertà, i governi sostengono la loro scelta dicendo che con gli utili derivanti dall’esportazione del combustibile si potrebbero salvare dall’indigenza milioni di persone.

Questo, però, solo se si troverà un modo efficiente di portare il petrolio sul mercato. Attualmente, infatti, è ancora molto costoso venderlo all’estero per paesi come l’Etiopia e il Sud Sudan che non hanno uno sbocco sul mare.

Un solo oleodotto, da Lamu via Lokichar, servirebbe proprio a questo e sarebbe l’opzione più economica.

Tuttavia, nonostante gli accordi, poco è successo dopo l’incontro a Lamu fra i delegati dei tre paesi.

Il Sud Sudan ha vagliato anche altre opzioni. Ha proposto all’Etiopia di costruire un oleodotto verso il Gibuti tagliando fuori il Kenya. Questo cementerebbe l’amicizia tra i due paesi e rafforzerebbe la sua posizione nei confronti del nord del paese, con il quale è in guerra. Tuttavia, questa scelta sarebbe più costosa rispetto a quella keniota.

L’opzione di Lamu risulterebbe la più vantaggiosa per tutti i paesi coinvolti, ma la difficoltà di lavorare insieme potrebbe far fallire il progetto.

Fonti: Emergency, Economist

 

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

24 settembre 2020

Diamo i Numeri... Grazie a Voi!

SEMBRAVA IMPOSSIBILE, MA GRAZIE A VOI CI STIAMO RIUSCENDO! Da qualche mese abbiamo lanciato il nuovo progetto per aiutare le famiglie che vivono negli slum, ridotte alla fame dalle conseguenze … Continua

15 settembre 2020

News dal Kenya

Le scuole chiuse cancellano i diritti dei bambini

Secondo un recente studio delle Nazioni Unite, nei prossimi dieci anni il numero delle spose bambine nel mondo crescerà di 13 milioni. Questa è solo una delle conseguenze della chiusura … Continua

10 settembre 2020

Il Tuo 5x1000 Può Fare la Differenza

Il 2020 è un anno particolare, anche per la donazione del 5×1000: a causa della pandemia e del lockdown, le scadenze per la presentazione del 730 o del Modello Redditi … Continua

× Come possiamo aiutarti?