News e Comunicazioni

Un mese fa circa lo sciopero degli insegnati di 24 giorni è volto al termine. Di recente il governo ha stabilito che agli insegnati non sarà pagato tutto il salario del mese di luglio, ma solo una parte relativa agli effettivi giorni di lavoro.

Nonostante lo sciopero degli insegnanti si sia tenuto contravvenendo agli ordini del tribunale che lo dichiarò illegale (ma mai uno sciopero è stato legale in Kenya), diverse opinioni sostengono che questa decisione del governo potrebbe essere controproducente sul medio periodo. Infatti decurtando le paghe con atteggiamento vendicativo, intollerante ed insensibile alle problematiche sociali degli insegnati, non giova alla reputazione della nuova amministrazione.

Gli scioperi sono segno di civiltà e democrazia, ogni tentativo di criminalizzarli è una strategia retrograda. In ogni caso però gli insegnati dovrebbero imparare ad essere pazienti, ragionevoli e usare lo sciopero come ultima risorsa di lotta.

Nel complesso c’è da dire che il settore dell’educazione caratterizzato da miriadi di problemi che richiedono sobrie riflessioni e non azioni punitive. La mancanza di insegnati e di risorse di insegnamento adeguate a causa degli scarsi fondi, corsi sovraccarichi e basse paghe sono la ricetta per malcontento ed agitazioni di massa. Dovrebbero quindi essere affrontati con criterio.

Fonte: Daily Nation

Tradotto da Giulia

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Un mese fa circa lo sciopero<\/b> degli insegnati<\/b> di 24 giorni \u00e8 volto al termine. Di recente il governo<\/b> ha stabilito che agli insegnati non sar\u00e0 pagato tutto il salario del mese di luglio, ma solo una parte relativa agli effettivi giorni di lavoro.<\/span>
<\/p>

Nonostante lo sciopero degli insegnanti si sia tenuto contravvenendo agli ordini del tribunale che lo dichiar\u00f2 illegale (ma mai uno sciopero \u00e8 stato legale in Kenya<\/b>), diverse opinioni sostengono che questa decisione del governo potrebbe essere controproducente sul medio periodo. Infatti decurtando le paghe con atteggiamento vendicativo, intollerante ed insensibile alle problematiche sociali degli insegnati, non giova alla reputazione della nuova amministrazione.<\/p>

Gli scioperi sono segno di civilt\u00e0 e democrazia<\/b>, ogni tentativo di criminalizzarli \u00e8 una strategia retrograda. In ogni caso per\u00f2 gli insegnati dovrebbero imparare ad essere pazienti, ragionevoli e usare lo sciopero come ultima risorsa di lotta.<\/p>

Nel complesso c\u2019\u00e8 da dire che il settore dell\u2019educazione caratterizzato da miriadi di problemi che richiedono sobrie riflessioni e non azioni punitive<\/b>. La mancanza di insegnati e di risorse di insegnamento adeguate a causa degli scarsi fondi, corsi sovraccarichi e basse paghe sono la ricetta per malcontento ed agitazioni di massa. Dovrebbero quindi essere affrontati con criterio.<\/p>

Fonte: Daily Nation<\/a><\/p>

Tradotto da Giulia<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

19 agosto 2019

News dal Kenya

Giornata Mondiale dell'Aiuto Umanitario

Dopo avervi raccontato della Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni, oggi vi parliamo di un’altra Giornata importante e che sentiamo molto vicina al nostro lavoro: la Giornata Mondiale dell’Aiuto Umanitario (World … Continua

13 agosto 2019

La Classe 2019 di AIFA

Il racconto sulla nuova avventura ad Alice Italian Food Academy prosegue questa settimana con la presentazione della nuova classe di aspiranti chef kenioti! Le lezioni di cucina italiana sono iniziate … Continua

9 agosto 2019

News dal Kenya

Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni 2019

La Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni ricorre ogni anno il giorno 9 agosto. È stata istituita dalle Nazioni Unite nel 1994 per celebrare le diversità caratteristiche di ciascun popolo indigeno … Continua