News e Comunicazioni

Il 4 marzo scorso il popolo kenyota è andato alle urne per eleggere un nuovo governo, il candidato vincente è stato Uhuru Kenyatta, Il quale in campagna elettorale fece una promessa molto ardita: fornire un computer portatile ad ogni studente  all’inizio della scuola primaria partendo da 6000 scuole ad inizio 2014. Il progetto ha suscitato molto scetticismo da parte degli insegnati, genitori e il pubblico più generale, nonostante ciò Kenyatta si è dimostrato fermo nella sua decisione.

Le critiche mosse finora sono le seguenti.

  • Mancanza di infrastrutture adeguate. Molte scuole in particolare nelle zone rurali, non hanno accesso all’elettricità, alcune scuole vengono spesso dilapidate, per non parlare di quelle dove le lezioni avvengono all’aperto.
  • Mancanza di capacità informatiche. Numerosi insegnanti non sanno usare un computer. Cosa succede in caso di problemi tecnici?
  • Tempismo. Non è il momento giusto per questo tipo di iniziativa, ci sono alter questioni più pressanti da affrontare  prima di buttare via i fondi in questo modo, come la creazioni idi maggiori posti di lavoro, il sistema sanitario, l’assunzione di più insegnati e paghe.

Fonte: Afrinnovator

Tradotto da Giulia

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Il 4 marzo scorso il popolo kenyota \u00e8 andato alle urne per eleggere un nuovo governo<\/b>, il candidato vincente \u00e8 stato Uhuru Kenyatta<\/b>, Il quale in campagna elettorale fece una promessa molto ardita: fornire un computer portatile<\/b> ad ogni studente  all’inizio della scuola primaria partendo da 6000 scuole ad inizio 2014. Il progetto ha suscitato molto scetticismo<\/b> da parte degli insegnati, genitori e il pubblico pi\u00f9 generale, nonostante ci\u00f2 Kenyatta si \u00e8 dimostrato fermo nella sua decisione.<\/span>
<\/p>

Le critiche mosse finora sono le seguenti.<\/p>

  • Mancanza di infrastrutture adeguate. Molte scuole in particolare nelle zone rurali, non hanno accesso all\u2019elettricit\u00e0, alcune scuole vengono spesso dilapidate, per non parlare di quelle dove le lezioni avvengono all\u2019aperto.<\/span>
    <\/li>
  • Mancanza di capacit\u00e0 informatiche. Numerosi insegnanti non sanno usare un computer. Cosa succede in caso di problemi tecnici?<\/span>
    <\/li>
  • Tempismo. Non \u00e8 il momento giusto per questo tipo di iniziativa, ci sono alter questioni pi\u00f9 pressanti da affrontare  prima di buttare via i fondi in questo modo, come la creazioni idi maggiori posti di lavoro, il sistema sanitario, l\u2019assunzione di pi\u00f9 insegnati e paghe.<\/span>
    <\/li><\/ul><\/p>

    Fonte: Afrinnovator<\/a><\/p>

    Tradotto da Giulia<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

12 dicembre 2019

Il Giving Tuesday e il #RegaloPiùBello

Se ci seguite sui social e se ricevete le nostre comunicazioni, vi sarete imbattuti ultimamente in alcune nostre iniziative di raccolta fondi legate al Giving Tuesday. Ma perché questo martedì … Continua

27 novembre 2019

AIFA

22 Novembre 2019: una Giornata Davvero Speciale!

Nella giornata di venerdì 22 novembre, gli studenti della nostra Alice Italian Food Academy hanno gareggiato per aggiudicarsi il Premio Ricette di Bontà 2019 del Cucchiaio d’Argento e hanno ricevuto … Continua

4 novembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Irene

Le scorse settimane vi abbiamo parlato di due nostri studenti di Alice Italian Food Academy, Brian e Rodgers. Oggi vi presentiamo una ragazza davvero in gamba, che sta stupendo tutti … Continua