News e Comunicazioni

Un report recente pubblicato dalla FAO intitolato Food Wastage Footprint Impacts on Natural Resources ha evidenziato come 1.3 miliardi di tonnellate di rifiuti di cibo non solo sta causando ingenti perdite economiche ma anche danneggiando in maniera significativa le risorse naturali sulle quali l’umanità intera fa affidamento per nutrirsi. Questo report è il primo studio che analizza gli effetti dello spreco di cibo dalla prospettiva ambientalista guardando nello specifico alle conseguenze sul clima, la terra, l’acqua e la biodiversità.

Tra i principali verdetti: ogni anno il cibo prodotto e non mangiato raggiunge un volume pari alla portata d’acqua del fiume Volga ed è responsabile per 3.3. miliardi di tonnellate di gas sera nell’atmosfera.

Lo studio della FAO ha enfatizzato I numerosi benefici che possono essere raggiunti attraverso l’utilizzo di semplici ma attente misure da parte delle famiglie, ristoratori, commercianti, scuole in modo tale che contribuiscano alla sostenibilità ambientale, sicurezza alimentare e crescita economica che potrebbero essere sintetizzate nella campagna di Zero Hunger Think Eat Save – reduce your footprint! (Pensa Mangia Conserva – riduci la tua impronta ecologica! -ed), il cui scopo è coordinare gli sforzi globali per la gestione dei rifiuti.

Viene inoltre aggiunto che il 54% dei rifiuti del mondo viene generato a monte, durante il processo di produzione e stoccaggio, mentre il 46% viene generato a valle con la lavorazione delle materie prime, la distribuzione e consumo del prodotto finito. Nel 2013 uno studio dell’Istituto di Ingegneria Meccanica (IIM) nel Regno Unito, ha stimato che circa il 30-50% di tutto il cibo prodotto nel mondo rimane immangiato. Il Nord America con L’Oceania sono i principali produttori di rifiuti (90Kg all’anno per persona), mentre l’Africa Sub-Sahariana è la zona del mondo che produce meno scarti (5Kg all’anno per persona).

Nei paesi in via di sviluppo, il 40% del cibo prodotto è perso a causa delle inadeguate infrastrutture per la lavorazione, lo stoccaggio e la refrigerazione. In Africa orientale per esempio, le perdite post- raccolto di mais sono stimate tra il 5% e il 35%. Il Ministro dell’agricoltura Kenyota, Sally Kosgey, ha detto che la mancanza di trasporti adeguati verso i mercati e le scarse strutture di stoccaggio hanno causato ingenti perdite di cibo già nelle fattorie di provenienza. Ha poi aggiunto che il dilemma si verifica sia nella stagione delle piogge sia con la siccità ed in entrambi i casi gli agricoltori si vedono ‘derubati’ di importanti quantità di cibo a causa delle strade impraticabili e a causa della mancanza d’acqua per la coltivazione.

Fonti: Afronline, FAO, Irinnews, UNEP

Giulia

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Un report recente pubblicato dalla FAO<\/b> intitolato Food Wastage Footprint Impacts on Natural Resources<\/b> ha evidenziato come 1.3 miliardi di tonnellate di rifiuti di cibo non solo sta causando ingenti perdite economiche ma anche danneggiando in maniera significativa le risorse naturali sulle quali l\u2019umanit\u00e0 intera fa affidamento per nutrirsi. Questo report \u00e8 il primo studio che analizza gli effetti dello spreco di cibo dalla prospettiva ambientalista guardando nello specifico alle conseguenze sul clima, la terra, l\u2019acqua e la biodiversit\u00e0.<\/p>

Tra i principali verdetti: ogni anno il cibo prodotto<\/b> e non mangiato raggiunge un volume pari alla portata d\u2019acqua del fiume Volga ed \u00e8 responsabile per 3.3. miliardi di tonnellate di gas sera nell’atmosfera.<\/p>

Lo studio della FAO ha enfatizzato I numerosi benefici che possono essere raggiunti attraverso l\u2019utilizzo di semplici ma attente misure da parte delle famiglie, ristoratori, commercianti, scuole in modo tale che contribuiscano alla sostenibilit\u00e0 ambientale, sicurezza alimentare e crescita economica che potrebbero essere sintetizzate nella campagna di Zero Hunger Think Eat Save \u2013 reduce your footprint!<\/i> (Pensa Mangia Conserva \u2013 riduci la tua impronta ecologica! -ed), il cui scopo \u00e8 coordinare gli sforzi globali per la gestione dei rifiuti.<\/p>

Viene inoltre aggiunto che il 54% dei rifiuti del mondo viene generato a monte, durante il processo di produzione e stoccaggio, mentre il 46% viene generato a valle con la lavorazione delle materie prime, la distribuzione e consumo del prodotto finito. Nel 2013 uno studio dell\u2019Istituto di Ingegneria Meccanica<\/b> (IIM) nel Regno Unito, ha stimato che circa il 30-50% di tutto il cibo prodotto nel mondo rimane immangiato. Il Nord America con L\u2019Oceania sono i principali produttori di rifiuti (90Kg all’anno per persona), mentre l\u2019Africa Sub-Sahariana \u00e8 la zona del mondo che produce meno scarti (5Kg all’anno per persona).<\/p>

Nei paesi in via di sviluppo, il 40% del cibo prodotto \u00e8 perso a causa delle inadeguate infrastrutture per la lavorazione, lo stoccaggio e la refrigerazione. In Africa orientale per esempio, le perdite post- raccolto di mais sono stimate tra il 5% e il 35%. Il Ministro dell\u2019agricoltura Kenyota<\/b>, Sally Kosgey, ha detto che la mancanza di trasporti adeguati verso i mercati e le scarse strutture di stoccaggio hanno causato ingenti perdite di cibo gi\u00e0 nelle fattorie di provenienza. Ha poi aggiunto che il dilemma si verifica sia nella stagione delle piogge sia con la siccit\u00e0 ed in entrambi i casi gli agricoltori si vedono \u2018derubati\u2019 di importanti quantit\u00e0 di cibo a causa delle strade impraticabili e a causa della mancanza d\u2019acqua per la coltivazione.<\/p>

Fonti: Afronline<\/a>, <\/span>FAO<\/a>, <\/span>Irinnews<\/a>, <\/span>UNEP<\/a><\/b><\/p>

Giulia<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

23 novembre 2020

News dal Kenya

Africa, Kenya, Nairobi: i Diritti delle Donne in Pericolo

In tutto il mondo a causa della pandemia e del lockdown si stanno facendo dei passi indietro nell’affermazione dei diritti delle categorie più vulnerabili della popolazione. Nel continente africano gli … Continua

20 novembre 2020

Natale con Alice for Children: i Nuovi Regali Solidali

Sembra strano in questo momento parlare di Natale, di feste e di un nuovo anno. Sono stati mesi particolari quelli di questo 2020, pieni di difficoltà, preoccupazioni e incertezze, per … Continua

16 novembre 2020

Lavoro Minorile: l'Allarme di Unicef

Nel corso di questi tredici anni all’interno delle baraccopoli di Nairobi, il nostro lavoro si è perfezionato ed è cambiato con il crescere della nostra conoscenza ed esperienza dei problemi … Continua

× Come possiamo aiutarti?