News e Comunicazioni

Il poeta e diplomatico ghanese Kofi Awoonor, 78 anni, una delle personalità letterarie più note di tutta l’Africa, è tra le vittime dell’attacco al Westgate Mall di Nairobi. Il poeta ghanese si trovava a Nairobi per partecipare allo Storymoja Hay Festival, una manifestazione letteraria molto popolare in Kenya. Il festival è stato sospeso dopo la notizia della strage nel centro commerciale.

Era nato nel 1935 quando il Ghana si chiamava ancora Gold Coast. Si era laureato nel 1960 alla University College of Ghana e durante il periodo della formazione universitaria aveva scritto il suo primo libro di poesia intitolato “Rediscovery”, pubblicato nel 1964 che si basava sulla riscoperta della poesia orale africana, come gran parte della sua opera.

Nel 1972 ha conseguito il dottorato presso la Stony Brook University di New York e proprio negli Stati Uniti ha scritto due fra le sue opere più famose: This Earth, this Brother e My Blood.

Tornato in Ghana nel 1975 per dirigere il dipartimento di Inglese presso l’Università di Cape Coast, è stato arrestato con l’accusa di complicità a un golpe contro la giunta militare. Imprigionato senza processo, è stato poi rilasciato. The house by the Sea è il volume che racconta quell’esperienza.

Una volta uscito dal carcere, Awoonor è stato attivo politicamente e ha continuato a scrivere per lo più saggistica. 

Dal 1990 al 1994 Awoonor è stato Ambasciatore del Ghana alle Nazioni Unite, dove ha diretto il comitato contro l’Apartheid. I suoi amici lo chiamavano ‘Prof’ perché era anche uno stimato e amato professore di letteratura inglese e africana presso l’Università del Ghana.

Sono scioccato dall’apprendere della morte del professor Awoonor nell’attentato al centro commerciale di Nairobi: una grave perdita per la cultura africana” ha commentato  in un comunicato il presidente della Repubblica del Ghana, John Dramani Mahama.

Ci stringiamo attorno alla famiglia e a tutto il Ghana in questo triste momento.

Fonti: InternazionaleFocus.it

Giulia

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Il poeta e diplomatico ghanese Kofi Awoonor<\/b>, 78 anni, una delle personalit\u00e0 letterarie pi\u00f9 note di tutta l\u2019Africa, \u00e8 tra le vittime dell\u2019attacco al Westgate Mall<\/b> di Nairobi. Il poeta ghanese si trovava a Nairobi per partecipare allo Storymoja Hay Festival<\/b>, una manifestazione letteraria molto popolare in Kenya. Il festival \u00e8 stato sospeso dopo la notizia della strage nel centro commerciale.<\/p>

Era nato nel 1935 quando il Ghana si chiamava ancora Gold Coast. Si era laureato nel 1960 alla University College of Ghana e durante il periodo della formazione universitaria aveva scritto il suo primo libro di poesia intitolato \u201cRediscovery\u201d, pubblicato nel 1964 che si basava sulla riscoperta della poesia orale africana, come gran parte della sua opera.<\/p>

Nel 1972 ha conseguito il dottorato presso la Stony Brook University di New York e proprio negli Stati Uniti ha scritto due fra le sue opere pi\u00f9 famose: This Earth, this Brother<\/i> e My Blood<\/i>.<\/p>

Tornato in Ghana nel 1975 per dirigere il dipartimento di Inglese presso l’Universit\u00e0 di Cape Coast, \u00e8 stato arrestato con l’accusa di complicit\u00e0 a un golpe contro la giunta militare. Imprigionato senza processo, \u00e8 stato poi rilasciato. The house by the Sea<\/i> \u00e8 il volume che racconta quell’esperienza.<\/p>

Una volta uscito dal carcere, Awoonor \u00e8 stato attivo politicamente e ha continuato a scrivere per lo pi\u00f9 saggistica. <\/p>

Dal 1990 al 1994 Awoonor \u00e8 stato Ambasciatore del Ghana alle Nazioni Unite, dove ha diretto il comitato contro l’Apartheid. I suoi amici lo chiamavano \u2018Prof\u2019 perch\u00e9 era anche uno stimato e amato professore di letteratura inglese e africana presso l’Universit\u00e0 del Ghana.<\/p>

\u201cSono scioccato dall\u2019apprendere della morte del professor Awoonor nell\u2019attentato al centro commerciale di Nairobi: una grave perdita per la cultura africana<\/i>\u201d ha commentato  in un comunicato il presidente della Repubblica del Ghana, John Dramani Mahama.<\/p>

<\/p>

Ci stringiamo attorno alla famiglia e a tutto il Ghana in questo triste momento.<\/p>

<\/p>

Fonti: Internazionale<\/a>, Focus.it<\/a><\/p>

Giulia<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

24 gennaio 2020

Vittorio racconta - prima parte

Abbiamo fatto una chiacchierata con il nostro sostenitore e genitore a distanza Vittorio De Caprio per saperne di più sul progetto di raccolta fondi che ha portato avanti insieme alla … Continua

20 gennaio 2020

Sostegno a Distanza: la storia di Bashir

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione. 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza!   Questo significa che: potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua

23 dicembre 2019

News dal Kenya

Il Viaggio di Novembre

Lo scorso novembre è stato un mese pieno di grandi avvenimenti per la nostra associazione. Molti di questi si sono svolti durante il viaggio degli ospiti, genitori a distanza e … Continua