News e Comunicazioni

In Africa, le sostanze chimiche sono usate in diversi settori economici quali: sanità, agricoltura, infrastrutture, estrazioni minerarie, istruzione, ricerca e sviluppo industriale, ma se non maneggiate in totale sicurezza, rappresentano rischi seri per la salute umana e per l’ambiente.

Una categoria particolarmente pericolosa sono gli Inquinanti organici Persistenti (in inglese: POPs), contenenti sostanze chimiche tossiche che a differenza di altri inquinanti sono più resistenti alla decomposizione. Tra questi POPs i più comuni sono i pesticidi DDT, i quali a causa di tubature obsolete e corrose fuoriescono entrando involontariamente in contatto con le categorie sociali più vulnerabili, quali bambini, donne incinte e anziani. Ma non solo: anche i minatori o chi ricicla componenti informatici è a contatto con sostanze tossiche perché non indossano appropriate uniformi protettive. Ad esempio, in Kenya ogni anno il 7% dei contadini soffre di avvelenamento da pesticidi.

Altra fonte di avvelenamento è l’esposizione al mercurio nella catena alimentare. I pescatori, infatti, pescano in acque altamente inquinate e contaminate e questo causa problemi ai reni, al sistema cardiovascolare e al sistema immunitario.

Non va dimenticato inoltre che anche la crescita industriale e dell’industria petrolifera in particolare, ha aumentato i rischi per la salute associati con l’esposizione ai rifiuti tossici. Dato che altri paesi africani quali Ghana, Kenya, Tanzania e Uganda, sono entrati in questo tipo di produzione, è necessaria una gestione più chiara e rigorosa dei rifiuti basata sulle convenzioni internazionali (Convenzione di Basilea, Convenzione di Stoccolma e Convenzione di Bamako). Ulteriori policy da implementare sono: aumentare l’informazione governativa e comunitaria relativa ai pericoli per la salute umana e partecipare ai negoziati internazionali riguardanti la convenzione sul mercurio.

Africa Environment Outlook 3

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

In Africa<\/b>, le sostanze chimiche sono usate in diversi settori economici quali: sanit\u00e0, agricoltura, infrastrutture, estrazioni minerarie, istruzione, ricerca e sviluppo industriale, ma se non maneggiate in totale sicurezza, rappresentano rischi seri per la salute umana e per l\u2019ambiente.<\/p>

Una categoria particolarmente pericolosa sono gli Inquinanti organici Persistenti<\/i> (in inglese: POPs), contenenti sostanze chimiche tossiche che a differenza di altri inquinanti sono pi\u00f9 resistenti alla decomposizione. Tra questi POPs i pi\u00f9 comuni sono i pesticidi DDT<\/b>, i quali a causa di tubature obsolete e corrose fuoriescono entrando involontariamente in contatto con le categorie sociali pi\u00f9 vulnerabili, quali bambini, donne incinte e anziani. Ma non solo: anche i minatori o chi ricicla componenti informatici \u00e8 a contatto con sostanze tossiche perch\u00e9 non indossano appropriate uniformi protettive. Ad esempio, in Kenya<\/b> ogni anno il 7% dei contadini soffre di avvelenamento da pesticidi.<\/p>

Altra fonte di avvelenamento \u00e8 l\u2019esposizione al mercurio<\/b> nella catena alimentare. I pescatori, infatti, pescano in acque altamente inquinate e contaminate e questo causa problemi ai reni, al sistema cardiovascolare e al sistema immunitario.<\/p>

Non va dimenticato inoltre che anche la crescita industriale e dell\u2019industria petrolifera<\/b> in particolare, ha aumentato i rischi per la salute associati con l\u2019esposizione ai rifiuti tossici. Dato che altri paesi africani quali Ghana, Kenya, Tanzania e Uganda, sono entrati in questo tipo di produzione, \u00e8 necessaria una gestione pi\u00f9 chiara e rigorosa dei rifiuti basata sulle convenzioni internazionali<\/b> (Convenzione di Basilea, Convenzione di Stoccolma e Convenzione di Bamako). Ulteriori policy da implementare sono: aumentare l\u2019informazione governativa e comunitaria relativa ai pericoli per la salute umana e partecipare ai negoziati internazionali riguardanti la convenzione sul mercurio.<\/span><\/p>

Africa Environment Outlook 3<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 dicembre 2020

Caterina e il Diritto allo Studio dei Nostri Bambini

“Il mio è un desiderio: sarebbe bellissimo che questi bimbi vivessero davvero protetti, che vivessero come bambini, nella leggerezza dell’infanzia”. Quando per la prima volta nel 2007 abbiamo visitato la … Continua

30 novembre 2020

L'HIV non è Ancora Sconfitto

1,7 milioni di nuovi infetti, 690 mila morti e 38 milioni di persone che convivono con il virus. Non stiamo parlando di Covid-19 o di una nuova pandemia mondiale, ma … Continua

30 novembre 2020

Il 25 Novembre nello Slum

Il 2020 è stato un anno pieno di difficoltà, anche per la nostra associazione. Tuttavia, non solo non ci siamo fermati davanti ai mille ostacoli che abbiamo incontrato, ma abbiamo … Continua

× Come possiamo aiutarti?