News e Comunicazioni

Il quinto obiettivo dei Millennium Development Goals consiste nel miglioramento della salute delle madri nel mondo. Nello specifico si intende ridurre di tre quarti il tasso di mortalità materna entro il 2015 e raggiungere l’accesso universale alla salute riproduttiva. A livello globale, tra 1990 e 2010 il tasso di mortalità materna è sceso da 400 decessi a 210 ogni 1,000 nascite. Sebbene però, ci siano stati rilevanti miglioramenti in tutte le regioni mondiali, il progresso verso il raggiungimento dell’obiettivo è molto lento.

In ogni caso, l’accelerazione verso il raggiungimento di questo target è strettamente legato anche al raggiungimento del quarto obiettivo sulla riduzione della mortalità infantile. Infatti, prendersi cura della madre durante la gravidanza e ala nascita del figlio, è fondamentale per salvare la vita sia a lei sia al suo bambino. Le nascite assistite da personale specializzato sono aumentate, ma come abbiamo visto, l’Africa mostra un alto grado di disparità in particolari tra regioni continentali; l’Africa sub-sahariana è la zona nel mondo con la percentuale più elevata.

La disparità nei servizi alla madre persiste ancora tra aree urbane e aree rurali. Se nel 1990 solo il 44% delle madri nelle aree rurali e il 75% delle madri nelle zone urbane erano assistite da personale qualificato, nel 2011 la media di parti monitorati da personale medico è salita a 53% nelle zone rurali e a 84% nelle zone urbane.

Si è osservato che la chiave per la riduzione della mortalità materna e per estensione anche della mortalità infantile, è rappresentata dalla scolarizzazione delle ragazze: il rischio di mortalità materna, infatti, è 2.7 volte più alto tra le ragazze che non hanno ricevuto alcun tipo di istruzione.

Fonte: UN

Giulia

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Il quinto obiettivo dei Millennium Development Goals<\/b> consiste nel miglioramento della salute delle madri nel mondo. Nello specifico si intende ridurre di tre quarti il tasso di mortalit\u00e0 materna<\/b> entro il 2015 e raggiungere l\u2019accesso universale alla salute riproduttiva. A livello globale, tra 1990 e 2010 il tasso di mortalit\u00e0 materna \u00e8 sceso da 400 decessi a 210 ogni 1,000 nascite. Sebbene per\u00f2, ci siano stati rilevanti miglioramenti in tutte le regioni mondiali, il progresso verso il raggiungimento dell\u2019obiettivo \u00e8 molto lento.<\/p>

In ogni caso, l\u2019accelerazione verso il raggiungimento di questo target \u00e8 strettamente legato anche al raggiungimento del quarto obiettivo<\/b> sulla riduzione della mortalit\u00e0 infantile. Infatti, prendersi cura della madre durante la gravidanza e ala nascita del figlio, \u00e8 fondamentale per salvare la vita sia a lei sia al suo bambino. Le nascite assistite da personale specializzato sono aumentate, ma come abbiamo visto<\/b><\/a>, l\u2019Africa mostra un alto grado di disparit\u00e0 in particolari tra regioni continentali; l\u2019Africa sub-sahariana \u00e8 la zona nel mondo con la percentuale pi\u00f9 elevata.<\/p>

La disparit\u00e0<\/b> nei servizi alla madre persiste ancora tra aree urbane e aree rurali. Se nel 1990 solo il 44% delle madri nelle aree rurali e il 75% delle madri nelle zone urbane erano assistite da personale qualificato, nel 2011 la media di parti monitorati da personale medico \u00e8 salita a 53% nelle zone rurali e a 84% nelle zone urbane.<\/p>

Si \u00e8 osservato che la chiave per la riduzione della mortalit\u00e0 materna e per estensione anche della mortalit\u00e0 infantile, \u00e8 rappresentata dalla scolarizzazione delle ragazze<\/b>: il rischio di mortalit\u00e0 materna, infatti, \u00e8 2.7 volte pi\u00f9 alto tra le ragazze che non hanno ricevuto alcun tipo di istruzione.<\/p>

Fonte: UN<\/a><\/p>

Giulia<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

23 dicembre 2019

News dal Kenya

Il Viaggio di Novembre

Lo scorso novembre è stato un mese pieno di grandi avvenimenti per la nostra associazione. Molti di questi si sono svolti durante il viaggio degli ospiti, genitori a distanza e … Continua

21 dicembre 2019

Sostegno a Distanza: una Storia Speciale

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione: ben 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza! Questo significa che potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua

19 dicembre 2019

L'Anemia Falciforme e i Nostri Piccoli Eroi

Si sente parlare spesso di malattie legate al continente africano, come HIV, malaria e tubercolosi. Ma esiste un’altra malattia di cui nessuno parla e che causa problemi gravi a moltissimi … Continua