News e Comunicazioni

Il sindaco di Treviso, Giovanni Manildo, ha concesso la cittadinanza onoraria ai figli del signor Nombo, immigrato del Burkina Faso, nati e cresciuti a Treviso che considerano casa loro dove vanno a scuola e hanno gli amici.

I bambini non possono ricevere la cittadinanza ufficiale a causa della legge sulla cittadinanza incapace di riconoscere l’evoluzione del tessuto sociale multietnico dell’Italia moderna. Il Primo Ministro Letta e il Ministro dell’Integrazione Kyenge hanno identificato la riforma come una priorità, ma a causa delle tensioni politiche probabilmente non ci saranno cambiamenti immediati. Quindi, in assenza di un consenso nazionale, sempre più città – seppur simbolicamente – agiscono indipendentemente. Secondo le stime di UNICEF sono circa 200 i comuni che si sono mossi in questa direzione, tra i quali anche Treviso.

La decisione di Manildo è stata accolta male dal suo predecessore Gentilini – esponente di Lega Nord – che ha affermato “i pazzi non si trovano solo nei manicomi”. L’attuale sindaco sostiene invece che se anche non cambia nulla nell’immediato dal punto di vista legale, questo gesto lancerà un messaggio forte di rispetto nei confronti della popolazione immigrata locale e di invito ad abbandonare la paura, xenofobia e diffidenza. Il Ministro Kyenge è stato invitato a Treviso prendere parte alla cerimonia per accogliere i nuovi cittadini onorari di Treviso. Il signor Nombo dice che l’atmosfera a Treviso sta lentamente cambiando: il razzismo esiste ancora, ma la società civile comincia ad aprirsi di più attraverso l’accoglienza degli immigrati.

Fonte: The Guardian

Giulia

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Il sindaco di Treviso, Giovanni Manildo<\/b>, ha concesso la cittadinanza onoraria<\/b> ai figli del signor Nombo, immigrato del Burkina Faso, nati e cresciuti a Treviso che considerano casa loro dove vanno a scuola e hanno gli amici.<\/p>

I bambini non possono ricevere la cittadinanza ufficiale a causa della legge sulla cittadinanza incapace di riconoscere l’evoluzione del tessuto sociale multietnico dell\u2019Italia moderna. Il Primo Ministro Letta<\/b> e il Ministro dell\u2019Integrazione Kyenge<\/b> hanno identificato la riforma come una priorit\u00e0, ma a causa delle tensioni politiche probabilmente non ci saranno cambiamenti immediati. Quindi, in assenza di un consenso nazionale, sempre pi\u00f9 citt\u00e0 \u2013 seppur simbolicamente \u2013 agiscono indipendentemente. Secondo le stime di UNICEF<\/b> sono circa 200 i comuni che si sono mossi in questa direzione, tra i quali anche Treviso.<\/p>

La decisione di Manildo \u00e8 stata accolta male dal suo predecessore Gentilini \u2013 esponente di Lega Nord \u2013 che ha affermato \u201ci pazzi non si trovano solo nei manicomi<\/i>\u201d. L\u2019attuale sindaco sostiene invece che se anche non cambia nulla nell’immediato dal punto di vista legale, questo gesto lancer\u00e0 un messaggio forte di rispetto<\/b> nei confronti della popolazione immigrata locale e di invito ad abbandonare la paura, xenofobia e diffidenza. Il Ministro Kyenge \u00e8 stato invitato a Treviso prendere parte alla cerimonia per accogliere i nuovi cittadini onorari di Treviso. Il signor Nombo dice che l\u2019atmosfera a Treviso sta lentamente cambiando: il razzismo esiste ancora, ma la societ\u00e0 civile comincia ad aprirsi di pi\u00f9 attraverso l’accoglienza degli immigrati<\/b>.<\/p>

Fonte: The Guardian<\/a><\/p>

Giulia<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?