News e Comunicazioni

Marc Goss, un 28enne kenyota che gestisce il “Mara Elephant Project”, ha deciso di portare avanti una guerra ai bracconieri di elefanti utilizzando tecnologie più avanzate in fatto di monitoraggio e protezione: droni e Google Earth.

Quando iniziò a usare i droni, lo stesso Goss pensava che sarebbero serviti solo per mappare il terreno e monitorare bracconieri armati e maasai che talvolta uccidono gli elefanti perché intralciano il pascolo dei loro bovini. Presto si è reso conto però che il ronzio emesso dai droni, simile a quello di uno sciame di api, spaventava  gli elefanti e che quindi avrebbe potuto usarli anche per spingere gli animali lontani dalle zone di pericolo. Il progetto è acquistare dieci nuovi droni Parrot AR e modificarli aggiungendo un meccanismo che rilascia capsaicina, il componente piccante che si trova ad esempio nei peperoncini, nel caso in cui gli elefanti si avvicinino ad aree troppo a rischio, come già succede in Zambia.

Per monitorarne la posizione, Goss e il suo team hanno disposto per ora solo su quindici esemplari dei collari con dispositivi GPS in modo da poter sovrapporre i dati sulle mappe di Google Earth e rintracciarli quindi più velocemente.

L’Africa orientale è la regione chiave nella lotta contro il bracconaggio sia per ragioni ambientalistiche, sia per ragioni puramente economiche: la fauna selvatica aiuta a generare circa $1miliardo all’anno in turismo, ma si è stimato che in tutto il continente sono presenti solo tra 419,000 e 650,000 esemplari che necessitano di maggiore protezione. I droni sono il futuro della tutela: un drone può fare il lavoro di cinquanta ranger.”

Fonte: The Guardian

Giulia

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Marc Goss, un 28enne kenyota che gestisce il \u201cMara Elephant Project<\/b><\/i>\u201d, ha deciso di portare avanti una guerra ai bracconieri di elefanti utilizzando tecnologie pi\u00f9 avanzate in fatto di monitoraggio e protezione: droni e Google Earth<\/b>.<\/p>

Quando inizi\u00f2 a usare i droni, lo stesso Goss pensava che sarebbero serviti solo per mappare<\/b> il terreno e monitorare bracconieri armati e maasai che talvolta uccidono gli elefanti perch\u00e9 intralciano il pascolo dei loro bovini. Presto si \u00e8 reso conto per\u00f2 che il ronzio emesso dai droni, simile a quello di uno sciame di api, spaventava  gli elefanti e che quindi avrebbe potuto usarli anche per spingere gli animali lontani dalle zone di pericolo. Il progetto \u00e8 acquistare dieci nuovi droni Parrot AR e modificarli aggiungendo un meccanismo che rilascia capsaicina, il componente piccante che si trova ad esempio nei peperoncini, nel caso in cui gli elefanti si avvicinino ad aree troppo a rischio, come gi\u00e0 succede in Zambia.<\/p>

Per monitorarne la posizione, Goss e il suo team hanno disposto per ora solo su quindici esemplari dei collari con dispositivi GPS<\/b> in modo da poter sovrapporre i dati sulle mappe di Google Earth<\/b> e rintracciarli quindi pi\u00f9 velocemente.<\/p>

L\u2019Africa orientale<\/b> \u00e8 la regione chiave nella lotta contro il bracconaggio sia per ragioni ambientalistiche, sia per ragioni puramente economiche: la fauna selvatica aiuta a generare circa $1miliardo all’anno in turismo, ma si \u00e8 stimato che in tutto il continente sono presenti solo tra 419,000 e 650,000 esemplari che necessitano di maggiore protezione. \u201c<\/span>I droni sono il futuro della tutela: un drone pu\u00f2 fare il lavoro di cinquanta ranger<\/i>.\u201d<\/span><\/p>

Fonte: The Guardian<\/a><\/p>

Giulia<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

12 dicembre 2019

Il Giving Tuesday e il #RegaloPiùBello

Se ci seguite sui social e se ricevete le nostre comunicazioni, vi sarete imbattuti ultimamente in alcune nostre iniziative di raccolta fondi legate al Giving Tuesday. Ma perché questo martedì … Continua

27 novembre 2019

AIFA

22 Novembre 2019: una Giornata Davvero Speciale!

Nella giornata di venerdì 22 novembre, gli studenti della nostra Alice Italian Food Academy hanno gareggiato per aggiudicarsi il Premio Ricette di Bontà 2019 del Cucchiaio d’Argento e hanno ricevuto … Continua

4 novembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Irene

Le scorse settimane vi abbiamo parlato di due nostri studenti di Alice Italian Food Academy, Brian e Rodgers. Oggi vi presentiamo una ragazza davvero in gamba, che sta stupendo tutti … Continua