News e Comunicazioni

Il Mozambico è sempre più terra di conquista di investitori stranieri. Le piccole comunità agrarie, con l’incubo di soccombere alla miseria, si vedono espropriare i loro campi. Quest’incubo non sembra però tenere sveglia di notte la classe politica mozambicana.

Brasile e Giappone sono giunte nel paese con lo scopo di trasformare il Nordest del paese in un’immensa industria dell’agro-alimentare. Il progetto si chiama ‘ProSavana’ e ha come obiettivo di trasformare un’area di 145mila km² in un territorio interessato alla monocoltura da esportazione. Tale progetto avrà effetto su tutta la popolazione mozambicana che vive lungo il corridoio di Nacala che include i distretti delle province di Niassa, Zambesia e Nampula.

Nonostante, per Costituzione la terra appartenga allo Stato e dunque non possa essere venduta, nella pratica avviene il contrario con un frenetico avanzamento del settore privato straniero. Il timore è che questa forma di land-grabbing metta a rischio l’autonomia delle famiglie contadine, espropriandole dei campi e aumentandone l’insicurezza alimentare. La gente però non ce la fa ad accettare tutto in silenzio e ha deciso di unire gli sforzi per difendere terra e risorse naturali contro ProSavana.

Fonte: La Repubblica

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Il <\/span>Mozambico <\/b>\u00e8 sempre pi\u00f9 terra di conquista di investitori stranieri. Le piccole comunit\u00e0 agrarie, con l’incubo di soccombere alla miseria, si vedono espropriare i loro campi<\/b>. Quest’incubo non sembra per\u00f2 tenere sveglia di notte la classe politica mozambicana.<\/span><\/p>

Brasile<\/b> e Giappone<\/b> sono giunte nel paese con lo scopo di trasformare il Nordest del paese in un’immensa industria dell’agro-alimentare. Il progetto si chiama \u2018ProSavana<\/b>\u2019 e ha come obiettivo di trasformare un’area di 145mila km\u00b2 in un territorio interessato alla monocoltura da esportazione. Tale progetto avr\u00e0 effetto su tutta la popolazione mozambicana che vive lungo il corridoio di Nacala che include i distretti delle province di Niassa, Zambesia e Nampula.<\/p>

Nonostante, per Costituzione la terra appartenga allo Stato e dunque non possa essere venduta, nella pratica avviene il contrario con un frenetico avanzamento del settore privato straniero. Il timore \u00e8 che questa forma di land-grabbing metta a rischio l’autonomia delle famiglie contadine, espropriandole dei campi e aumentandone l’insicurezza alimentare<\/b>. La gente per\u00f2 non ce la fa ad accettare tutto in silenzio e ha deciso di unire gli sforzi per difendere terra e risorse naturali contro ProSavana.<\/p>

Fonte: La Repubblica<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 dicembre 2020

Caterina e il Diritto allo Studio dei Nostri Bambini

“Il mio è un desiderio: sarebbe bellissimo che questi bimbi vivessero davvero protetti, che vivessero come bambini, nella leggerezza dell’infanzia”. Quando per la prima volta nel 2007 abbiamo visitato la … Continua

30 novembre 2020

L'HIV non è Ancora Sconfitto

1,7 milioni di nuovi infetti, 690 mila morti e 38 milioni di persone che convivono con il virus. Non stiamo parlando di Covid-19 o di una nuova pandemia mondiale, ma … Continua

30 novembre 2020

Il 25 Novembre nello Slum

Il 2020 è stato un anno pieno di difficoltà, anche per la nostra associazione. Tuttavia, non solo non ci siamo fermati davanti ai mille ostacoli che abbiamo incontrato, ma abbiamo … Continua

× Come possiamo aiutarti?