News e Comunicazioni

Il tema della 33esima edizione del Festival del Cinema Africano di Verona, conclusosi il 24 novembre 2013, è kALEIDOsCOPE. Guardare l’Africa attraverso il ‘caleidoscopio’ del suo cinema diventa un nuovo approccio per conoscere meglio questo continente, immagini e immaginari diversi che rimandano ad uno sguardo nuovo sul mondo e sull’umanità.

La sensazione che si vive immergendosi nel cinema in Africa, è quella di un territorio sempre più dilatato nello spazio e nel tempo, che vive la frammentarietà e la fragilità di un presente che arranca nel trovare la strada di un’evoluzione articolata e positiva dalle proprie radici e che leghi passato e presente in una prospettiva nuova per il futuro. In questo contesto il ruolo del cinema rilancia sfide nuove e, riflettendo la propria immagine nello specchio dello schermo cinematografico crea un gioco di luci ed ombre, di storie che tessono sogno e realtà, di sguardi introspettivi ed estroversi… di un caleidoscopio appunto.

Di seguito la lista dei vincitori nelle principali sezioni:

Miglior lungometraggio: Les Enfants de Troumaron (Harrikrisna & Sharvan Aneden)

Miglior cortometraggio: Quand Ils dorment (Maryam Touzani)

Miglior documentario: Espoir Voyage (Michel K. Gonzo)

La sezione Premio studenti 2013 è stata vinta da Little One (Darrell Roodt), storia di una bambina di 6 anni che subisce violenze e viene abbandonata a morire in un campo nelle vicinanze di Johannesburg, viene però trovata e portata all’ospedale da una donna con la quale diventa poi amica.

Fonte; MuseoAfricano

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:5,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:3,”block”:”layout”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Il tema della 33esima edizione del Festival del Cinema Africano di Verona<\/b>, conclusosi il 24 novembre 2013, \u00e8 kALEIDOsCOPE<\/b>. Guardare l’Africa attraverso il \u2018caleidoscopio\u2019 del suo cinema diventa un nuovo approccio per conoscere meglio questo continente, immagini e immaginari diversi che rimandano ad uno sguardo nuovo sul mondo e sull’umanit\u00e0.<\/p>

La sensazione che si vive immergendosi nel cinema in Africa<\/b>, \u00e8 quella di un territorio sempre pi\u00f9 dilatato nello spazio e nel tempo, che vive la frammentariet\u00e0 e la fragilit\u00e0 di un presente che arranca nel trovare la strada di un’evoluzione articolata e positiva dalle proprie radici e che leghi passato e presente in una prospettiva nuova per il futuro. In questo contesto il ruolo del cinema rilancia sfide nuove e, riflettendo la propria immagine nello specchio dello schermo cinematografico crea un gioco di luci ed ombre, di storie che tessono sogno e realt\u00e0, di sguardi introspettivi ed estroversi… di un caleidoscopio appunto.<\/p>

Di seguito la lista dei vincitori nelle principali sezion<\/b>i:<\/p>

Miglior lungometraggio<\/b>: Les Enfants de Troumaron (Harrikrisna & Sharvan Aneden)<\/p>

Miglior cortometraggio<\/b>: Quand Ils dorment (Maryam Touzani)<\/p>

Miglior documentario<\/b>: Espoir Voyage (Michel K. Gonzo)<\/p>

La sezione Premio studenti 2013 \u00e8 stata vinta da Little One (Darrell Roodt)<\/b>, storia di una bambina di 6 anni che subisce violenze e viene abbandonata a morire in un campo nelle vicinanze di Johannesburg, viene per\u00f2 trovata e portata all’ospedale da una donna con la quale diventa poi amica.<\/p>

Fonte; MuseoAfricano<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua