News e Comunicazioni

CREA, è un brand italiano che collabora con artigiani locali africani per creare gioielli ed accessori con materiali di riciclo. Marina Bottelli, manager di della compagnia, racconta che l’idea di fondo è esportare gli standard più elevati di design artigianali africani.

Marina Bottelli e la co-fondatrice Elisabetta Capolino puntano a creare delle relazioni costanti con stilisti che vogliono supportare davvero lo sviluppo dell’Africa, e non semplicemente relazioni a breve termine per una collezione o per una stagione.

Elisabetta Capolino consiglia agli imprenditori di investire nel monitoraggio e nell’espansione delle capacità dei loro impiegati in modo da creare delle relazioni a lungo termine con i loro stakeholder. Non ultimo, dovrebbero cercare di offrire prodotti sempre di alta qualità. “Sono molto rigorosa quando inizio a lavorare con un artigiano. Espondo la mia idea di collaborazione, e non si tratta di beneficenza, ma di business”, aggiunge.

Bottelli ha inoltre notato che gli investitori stranieri dovrebbero documentarsi appropriatamente e comprendere il mercato africano prima di approcciarvisi, ma soprattutto dovrebbero operare in maniera etica. “Devi rispettare il paese che ti ospita: ci sono molti colossi imprenditoriali che entrano sul mercato africano senza aver però alcun tipo di sensibilità nei suoi confronti”.

Fonte: HowWeMadeItInAfrica

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

CREA<\/b>, \u00e8 un brand italiano che collabora con artigiani locali africani per creare gioielli<\/b> ed accessori<\/b> con materiali di riciclo. Marina Bottelli, manager di della compagnia, racconta che l\u2019idea di fondo \u00e8 esportare gli standard pi\u00f9 elevati di design artigianali africani.<\/p>

Marina Bottelli<\/b> e la co-fondatrice Elisabetta Capolino<\/b> puntano a creare delle relazioni costanti con stilisti che vogliono supportare davvero lo sviluppo dell\u2019Africa<\/b>, e non semplicemente relazioni a breve termine per una collezione o per una stagione.<\/p>

Elisabetta Capolino consiglia agli imprenditori di investire nel monitoraggio e nell’espansione delle capacit\u00e0 dei loro impiegati in modo da creare delle relazioni a lungo termine con i loro stakeholder. Non ultimo, dovrebbero cercare di offrire prodotti sempre di alta qualit\u00e0. \u201cSono molto rigorosa quando inizio a lavorare con un artigiano. Espondo la mia idea di collaborazione, e non si tratta di beneficenza, ma di business<\/i>\u201d, aggiunge.<\/p>

Bottelli ha inoltre notato che gli investitori stranieri dovrebbero documentarsi appropriatamente e comprendere il mercato africano prima di approcciarvisi, ma soprattutto dovrebbero operare in maniera etica<\/b>. \u201cDevi rispettare il paese che ti ospita: ci sono molti colossi imprenditoriali che entrano sul mercato africano senza aver per\u00f2 alcun tipo di sensibilit\u00e0 nei suoi confronti<\/i>\u201d.<\/p>

Fonte: HowWeMadeItInAfrica<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua