News e Comunicazioni

CREA, è un brand italiano che collabora con artigiani locali africani per creare gioielli ed accessori con materiali di riciclo. Marina Bottelli, manager di della compagnia, racconta che l’idea di fondo è esportare gli standard più elevati di design artigianali africani.

Marina Bottelli e la co-fondatrice Elisabetta Capolino puntano a creare delle relazioni costanti con stilisti che vogliono supportare davvero lo sviluppo dell’Africa, e non semplicemente relazioni a breve termine per una collezione o per una stagione.

Elisabetta Capolino consiglia agli imprenditori di investire nel monitoraggio e nell’espansione delle capacità dei loro impiegati in modo da creare delle relazioni a lungo termine con i loro stakeholder. Non ultimo, dovrebbero cercare di offrire prodotti sempre di alta qualità. “Sono molto rigorosa quando inizio a lavorare con un artigiano. Espondo la mia idea di collaborazione, e non si tratta di beneficenza, ma di business”, aggiunge.

Bottelli ha inoltre notato che gli investitori stranieri dovrebbero documentarsi appropriatamente e comprendere il mercato africano prima di approcciarvisi, ma soprattutto dovrebbero operare in maniera etica. “Devi rispettare il paese che ti ospita: ci sono molti colossi imprenditoriali che entrano sul mercato africano senza aver però alcun tipo di sensibilità nei suoi confronti”.

Fonte: HowWeMadeItInAfrica

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

CREA<\/b>, \u00e8 un brand italiano che collabora con artigiani locali africani per creare gioielli<\/b> ed accessori<\/b> con materiali di riciclo. Marina Bottelli, manager di della compagnia, racconta che l\u2019idea di fondo \u00e8 esportare gli standard pi\u00f9 elevati di design artigianali africani.<\/p>

Marina Bottelli<\/b> e la co-fondatrice Elisabetta Capolino<\/b> puntano a creare delle relazioni costanti con stilisti che vogliono supportare davvero lo sviluppo dell\u2019Africa<\/b>, e non semplicemente relazioni a breve termine per una collezione o per una stagione.<\/p>

Elisabetta Capolino consiglia agli imprenditori di investire nel monitoraggio e nell’espansione delle capacit\u00e0 dei loro impiegati in modo da creare delle relazioni a lungo termine con i loro stakeholder. Non ultimo, dovrebbero cercare di offrire prodotti sempre di alta qualit\u00e0. \u201cSono molto rigorosa quando inizio a lavorare con un artigiano. Espondo la mia idea di collaborazione, e non si tratta di beneficenza, ma di business<\/i>\u201d, aggiunge.<\/p>

Bottelli ha inoltre notato che gli investitori stranieri dovrebbero documentarsi appropriatamente e comprendere il mercato africano prima di approcciarvisi, ma soprattutto dovrebbero operare in maniera etica<\/b>. \u201cDevi rispettare il paese che ti ospita: ci sono molti colossi imprenditoriali che entrano sul mercato africano senza aver per\u00f2 alcun tipo di sensibilit\u00e0 nei suoi confronti<\/i>\u201d.<\/p>

Fonte: HowWeMadeItInAfrica<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

24 settembre 2020

Diamo i Numeri... Grazie a Voi!

SEMBRAVA IMPOSSIBILE, MA GRAZIE A VOI CI STIAMO RIUSCENDO! Da qualche mese abbiamo lanciato il nuovo progetto per aiutare le famiglie che vivono negli slum, ridotte alla fame dalle conseguenze … Continua

15 settembre 2020

News dal Kenya

Le scuole chiuse cancellano i diritti dei bambini

Secondo un recente studio delle Nazioni Unite, nei prossimi dieci anni il numero delle spose bambine nel mondo crescerà di 13 milioni. Questa è solo una delle conseguenze della chiusura … Continua

10 settembre 2020

Il Tuo 5x1000 Può Fare la Differenza

Il 2020 è un anno particolare, anche per la donazione del 5×1000: a causa della pandemia e del lockdown, le scadenze per la presentazione del 730 o del Modello Redditi … Continua

× Come possiamo aiutarti?