News e Comunicazioni

Solange Lusiku Nsimire ha 40 anni e 6 figli e, nella Repubblica Democratica del Congo combatte ogni giorno per la libertà di Stampa. Nata e cresciuta nella città di Bukavu, dirige il magazine ‘Le Souverain’(il sovrano, inteso nel senso di sovranità popolare). Il suo impegno le è valso molti riconoscimenti trai i quali il premio “Femme de Courage” assegnato dall’ambasciata USA a Kinshasa.

Dopo l’università ha iniziato a lavorare come giornalista per alcune radio locali, mettendosi con il tempo in mostra per la sua passione e carattere indomito. Nel 2007, il vecchio direttore della rivista Le Souverain le ha proposto di prenderne le redini e lei ha accettato. Nella capitale Kinshasa ha cominciato stampando le prime 250 copie poi ha dovuto spostare la stampa in Uganda e Burundi, facendo attenzione a non viaggiare sullo stesso bus delle riviste al momento del rientro nel paese in modo da non avere guai con la polizia alla frontiera.

Il mensile si occupa di tutto: dallo sporto ai temi sociali, alla politica. Quest’ultimo un tema particolarmente spinoso. Infatti gli articoli sono spesso critici nei confronti della classe politica al governo e ha pubblicato numerose inchieste sulla corruzione, ricevendo in cambio molte minacce di morte. Negli ultimi 4 anni a Bukavu sono stati uccisi quattro giornalisti “vogliono zittirmi, ma non ci riusciranno”.

Fonte: Africa missione e Cultura, No. 4 luglio-agosto 2013, p.57

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Solange Lusiku Nsimire<\/b> ha 40 anni e 6 figli e, nella Repubblica Democratica del Congo<\/b> combatte ogni giorno per la libert\u00e0 di Stampa<\/b>. Nata e cresciuta nella citt\u00e0 di Bukavu, dirige il magazine \u2018Le Souverain<\/b><\/i>\u2019(il sovrano, inteso nel senso di sovranit\u00e0 popolare). Il suo impegno le \u00e8 valso molti riconoscimenti trai i quali il premio \u201cFemme de Courage<\/i>\u201d assegnato dall\u2019ambasciata USA a Kinshasa.<\/p>

Dopo l\u2019universit\u00e0 ha iniziato a lavorare come giornalista per alcune radio locali, mettendosi con il tempo in mostra per la sua passione e carattere indomito. Nel 2007, il vecchio direttore della rivista Le Souverain le ha proposto di prenderne le redini e lei ha accettato. Nella capitale Kinshasa ha cominciato stampando le prime 250 copie poi ha dovuto spostare la stampa in Uganda e Burundi, facendo attenzione a non viaggiare sullo stesso bus delle riviste al momento del rientro nel paese in modo da non avere guai con la polizia alla frontiera.<\/p>

Il mensile si occupa di tutto: dallo sporto ai temi sociali, alla politica<\/b>. Quest\u2019ultimo un tema particolarmente spinoso. Infatti gli articoli sono spesso critici nei confronti della classe politica al governo e ha pubblicato numerose inchieste sulla corruzione, ricevendo in cambio molte minacce di morte<\/b>. Negli ultimi 4 anni a Bukavu sono stati uccisi quattro giornalisti \u201cvogliono zittirmi, ma non ci riusciranno<\/i>\u201d.<\/p>

Fonte: Africa missione e Cultura, No. 4 luglio-agosto 2013, p.57<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

24 settembre 2020

Diamo i Numeri... Grazie a Voi!

SEMBRAVA IMPOSSIBILE, MA GRAZIE A VOI CI STIAMO RIUSCENDO! Da qualche mese abbiamo lanciato il nuovo progetto per aiutare le famiglie che vivono negli slum, ridotte alla fame dalle conseguenze … Continua

15 settembre 2020

News dal Kenya

Le scuole chiuse cancellano i diritti dei bambini

Secondo un recente studio delle Nazioni Unite, nei prossimi dieci anni il numero delle spose bambine nel mondo crescerà di 13 milioni. Questa è solo una delle conseguenze della chiusura … Continua

10 settembre 2020

Il Tuo 5x1000 Può Fare la Differenza

Il 2020 è un anno particolare, anche per la donazione del 5×1000: a causa della pandemia e del lockdown, le scadenze per la presentazione del 730 o del Modello Redditi … Continua

× Come possiamo aiutarti?