News e Comunicazioni

Per prima cosa gli guardai le scarpe. Erano sbrindellate, nel senso che cadevano letteralmente a pezzi. Eppure correva, cavolo quanto correva. Ero in auto con il collega. Gli dissi: quello, guarda quello. Percorremmo il perimetro del campo, con l’occhio al contachilometri. Erano novecento metri, poco di più. Lo bloccammo, si chiamava Mussie: “Fermati e vediamo che sai fare”. Lui corse e noi prendemmo il tempo. Rimanemmo sbalorditi. Il giorno dopo riprovammo. E si presentò anche un nuovo ragazzo. Non parlava italiano: ci chiese, a gesti, posso? Aveva le scarpe ancora più rotte. Si mise a correre. Andava ancora più veloce dell’altro“, raccontano il sovrintendente Francesco Leone e l’assistente capo Francesco Martino, due podisti amatoriali. Sono nate così le nuove vite di Abdul Nageeye, 21 anni, somalo che già a 18 anni ha corso le semifinali con la pettorina della Somalia ai campionati del mondo in Corea del Sud nel 2011, specialità cinquemila metri piani, e di Hitsa Mussie, 24 anni, eritreo.

Il giorno dopo i due poliziotti si presentarono al centro con due borsoni completi di tenute e cronometri comprate a spese loro, ma necessarie per farli correre. I due poliziotti si accorsero subito che c’era qualche problema: “Le comunità di somali ed eritrei erano fortemente in contrasto. Allenarsi insieme poteva diventare un grande problema“. Abdul e Mussie però non si sono fatti scappare l’occasione e hanno subito cominciato ad allenarsi insieme, diventando una famiglia. La prima gara italiana alla quale Abdul e Mussie parteciparono fu il Trofeo del Profugo all’interno del centro. Stravinsero, ma soprattutto le due comunità si avvicinarono e cominciarono a parlarsi.

Una volta arrivati i documenti, sono stati tesserati con una società locale e hanno cominciano a vincere gare in tutta la provincia di Bari. Con il permesso temporaneo dei rifugiati, Mussie ha deciso di andare in Svizzera, alla ricerca di un lavoro, dove si trova oggi. Abdul invece risiede da qualche giorno a Perugia, dove gli è stata assegnata un’abitazione. Sta cercando un lavoro da cameriere o operaio, vorrebbe anche continuare ad allenarsi e la più vicina è a sessanta chilometri, ma di sicuro questa distanza per lui non è un grosso problema.

Fonte: Repubblica.it

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

\”Per prima cosa gli guardai le scarpe. Erano sbrindellate, nel senso che cadevano letteralmente a pezzi. Eppure correva, cavolo quanto correva. Ero in auto con il collega. Gli dissi: quello, guarda quello. Percorremmo il perimetro del campo, con l’occhio al contachilometri. Erano novecento metri, poco di pi\u00f9. Lo bloccammo, si chiamava Mussie: \”Fermati e vediamo che sai fare\”. Lui corse e noi prendemmo il tempo. Rimanemmo sbalorditi. Il giorno dopo riprovammo. E si present\u00f2 anche un nuovo ragazzo. Non parlava italiano: ci chiese, a gesti, posso? Aveva le scarpe ancora pi\u00f9 rotte. Si mise a correre. Andava ancora pi\u00f9 veloce dell’altro<\/i>\”, raccontano il sovrintendente Francesco Leone<\/b> e l\u2019assistente capo Francesco Martino<\/b>, due podisti amatoriali. Sono nate cos\u00ec le nuove vite di Abdul Nageeye<\/b>, 21 anni, somalo<\/b> che gi\u00e0 a 18 anni ha corso le semifinali con la pettorina della Somalia ai campionati del mondo in Corea del Sud nel 2011, specialit\u00e0 cinquemila metri piani, e di Hitsa Mussie<\/b>, 24 anni, eritreo<\/b>.<\/p>

Il giorno dopo i due poliziotti si presentarono al centro con due borsoni completi di tenute e cronometri comprate a spese loro, ma necessarie per farli correre. I due poliziotti si accorsero subito che c\u2019era qualche problema: \”Le comunit\u00e0 di somali ed eritrei erano fortemente in contrasto. Allenarsi insieme poteva diventare un grande problema<\/i>\”. Abdul e Mussie per\u00f2 non si sono fatti scappare l\u2019occasione e hanno subito cominciato ad allenarsi insieme, diventando una famiglia<\/b>. La prima gara italiana alla quale Abdul e Mussie parteciparono fu il Trofeo del Profugo<\/b> all’interno del centro. Stravinsero, ma soprattutto le due comunit\u00e0 si avvicinarono e cominciarono a parlarsi.<\/p>

Una volta arrivati i documenti, sono stati tesserati con una societ\u00e0 locale e hanno cominciano a vincere gare <\/b>in tutta la provincia di Bari<\/b>. Con il permesso temporaneo dei rifugiati, Mussie ha deciso di andare in Svizzera, alla ricerca di un lavoro, dove si trova oggi. Abdul invece risiede da qualche giorno a Perugia, dove gli \u00e8 stata assegnata un’abitazione. Sta cercando un lavoro da cameriere o operaio, vorrebbe anche continuare ad allenarsi e la pi\u00f9 vicina \u00e8 a sessanta chilometri, ma di sicuro questa distanza per lui non \u00e8 un grosso problema.<\/p>

Fonte: Repubblica.it<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

29 gennaio 2020

Vittorio racconta - seconda parte

Continuiamo a raccontarvi quello che ci ha detto Vittorio. In questa ultima parte, ci ha raccontato in modo più approfondito la sua esperienza come nostro sostenitore e cuore pulsante della … Continua

24 gennaio 2020

Interviste: Vittorio De Caprio (sostenitore e genitore a distanza)

Abbiamo fatto una chiacchierata con il nostro sostenitore e genitore a distanza Vittorio De Caprio per saperne di più sul progetto di raccolta fondi che ha portato avanti insieme alla … Continua

20 gennaio 2020

Sostegno a Distanza: la storia di Bashir

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione. 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza!   Questo significa che: potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua