News e Comunicazioni

Dove vanno i soldi della cooperazione allo sviluppo? La risposta più adeguata, almeno secondo un autorevole rapporto internazionale, sarebbe boh. E’ poco trasparente infatti la gestione  dei fondi da parte della Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri secondo l’Aid Transparency Index, indicatore ideato dalla campagna ‘Publish What You Fund’, che pubblica ogni un rapporto che valuta appunto la trasparenza dell’aiuto allo sviluppo dei 67 principali donatori di tutto il mondo, sia pubblici che privati.

Ebbene, gli aiuti pubblici allo sviluppo del nostro paese si sono meritati nel 2013 il poco lusinghiero voto di “very poor” – in una scala che va da very good, seguito da good, fair, poor, a very poor – quanto a quantità e utilità delle informazioni rese pubbliche dai donatori. L’Italia figura così al 60mo posto su 67 donatori analizzati; peggio di noi fanno solo Lituania, Cipro, Bulgaria, Ungheria, Malta, Grecia e Cina.

Le cause di risultati così miseri sono la scarsa disponibilità di dati e informazioni accessibili e comparabili ai cittadini su come vengono impiegate le risorse pubbliche all’estero, e il fatto che le comunicazioni che si reperiscono dal sito di Cooperazione Italiana spesso sono espresse in un linguaggio tecnico o vengono ritenute insufficienti per garantire standard di trasparenza. I pochi dati pubblici, inoltre, non sono disponibili in formato “aperto” (per esempio in  excel o csv), mentre vengono promossi solo attraverso il web (36%) o addirittura non pubblicati (64%). Per questo, il nostro paese ha un punteggio 9.98% dell’indice di trasparenza sulla quantità e utilità delle informazioni sulla destinazione delle risorse (la sufficienza è il 40%).

Fonte: Vita.it

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Dove vanno i soldi della cooperazione allo sviluppo?<\/b> La risposta pi\u00f9 adeguata, almeno secondo un autorevole rapporto internazionale, sarebbe boh<\/i>. E\u2019 poco trasparente infatti la gestione  dei fondi da parte della Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri secondo l\u2019Aid Transparency Index<\/b>, indicatore ideato dalla campagna \u2018Publish What You Fund<\/b>\u2019, che pubblica ogni un rapporto che valuta appunto la trasparenza dell\u2019aiuto allo sviluppo dei 67 principali donatori di tutto il mondo, sia pubblici che privati.<\/p>

Ebbene, gli aiuti pubblici allo sviluppo del nostro paese si sono meritati nel 2013 il poco lusinghiero voto di \u201cvery poor<\/i><\/b>\u201d – in una scala che va da very good, seguito da good, fair, poor, a very poor – quanto a quantit\u00e0 e utilit\u00e0 delle informazioni rese pubbliche dai donatori. L\u2019Italia<\/b> figura cos\u00ec al 60mo posto su 67 donatori analizzati; peggio di noi fanno solo Lituania, Cipro, Bulgaria, Ungheria, Malta, Grecia e Cina.<\/p>

Le cause<\/b> di risultati cos\u00ec miseri sono la scarsa disponibilit\u00e0 di dati e informazioni accessibili e comparabili ai cittadini su come vengono impiegate le risorse pubbliche all\u2019estero, e il fatto che le comunicazioni che si reperiscono dal sito di Cooperazione Italiana spesso sono espresse in un linguaggio tecnico o vengono ritenute insufficienti per garantire standard di trasparenza. I pochi dati pubblici, inoltre, non sono disponibili in formato \”aperto\” (per esempio in  excel o csv), mentre vengono promossi solo attraverso il web (36%) o addirittura non pubblicati (64%). Per questo, il nostro paese ha un punteggio 9.98% dell\u2019indice di trasparenza sulla quantit\u00e0 e utilit\u00e0 delle informazioni sulla destinazione delle risorse (la sufficienza \u00e8 il 40%).<\/p>

Fonte: Vita.it<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

29 luglio 2020

Coronavirus, News dal Kenya

Lettera dagli Slum: l'Appello di Davide

Condividiamo con voi l’appello del nostro coordinatore delle attività a Nairobi, Davide, che sta lavorando sul campo per contrastare l’emergenza alimentare e sociale che affligge la popolazione degli slum di … Continua

22 luglio 2020

News dal Kenya

Scuole chiuse fino a gennaio: il Kenya dimentica i bambini degli slum

“Tenere le scuole chiuse comporta molti più rischi che benefici”. The Economist (dal titolo di un articolo di qualche giorno fa)   Due settimane fa il ministero dell’istruzione keniano ha … Continua

14 luglio 2020

Sostegno alla Comunità: #FAMIGLIA

Ognuno di noi ha la sua idea di cosa la parola “famiglia” voglia dire e nessuna di queste idee può essere considerata sbagliata o inesatta. Sappiamo che di paese in … Continua

× Come possiamo aiutarti?