News e Comunicazioni

Il Robert F. Kennedy Center for Justice and Human Rights ha annunciato che il presidente dell’Uganda Yoweri Kaguta Museveni non firmerà la legge anti gay approvata il 23 dicembre scorso dal Parlamento del Paese africano, perchè “fascista”. È stata proprio la Kennedy a convincere il Presidente Museveni a non firmare il disegno di legge che avrebbe sancito l’ergastolo per gli omosessuali e la prigione per chi non “denuncia persone gay alle autorità”. L’incontro tra i due è avvenuto sabato alla State House di Entebbe, in Uganda, dopo che, un mese fa, la Kennedy aveva espresso al presidente Museveni tutta la sua preoccupazione in una lettera. Alla discussione è intervenuto, via telefono, anche l’arcivescovo Desmond Tutu, Premio Nobel per la Pace, che non ha esitato a paragonare il provvedimento “anti gay” alle leggi che vigevano in Sudafrica durante l’Apartheid. Museveni si è impegnato quindi a non firmare la legge e a riunirsi con il suo partito, il National Resistence Movement, per legiferare piuttosto in difesa della libertà di espressione e di orientamento sessuale.

Molto soddisfatta del no alla legge, Kerry Kennedy commenta “Sono lieta che il presidente Museveni abbia mantenuto la sua promessa di rifiutare ogni legge che contenga anche il minimo accenno alla discriminazione. Chiediamo quindi con fermezza al presidente Museveni di far sì che il prossimo disegno di legge non contenga discriminazioni contro la comunità Lgbtqi e che non metta in pericolo il lavoro legittimo degli attivisti per i diritti umani ugandesi”. 

Il riferimento a SMUG (Sexual Miorities Uganda), l’associazione presieduta dall’attivista ugandese Frank Mugisha, 33 anni, è chiaro. Il giovane si batte da sempre con coraggio per veder riconosciuti nel suo Paese uguali diritti alle persone LGBTQI. Arrestato e picchiato dalla polizia più volte insieme ai suoi compagni di lotta, nel 2011 ha perso l’amico David Kato, anche lui attivista di SMUG, ucciso a martellate nella sua abitazione. Nello stesso anno Mugisha ottenne il premio del RFK Center destinato ai difensori dei diritti umani.

Fonte: il Fatto Quotidiano

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Il Robert F. Kennedy Center for Justice and Human Rights<\/b> ha annunciato che il presidente dell\u2019Uganda Yoweri Kaguta Museveni<\/b> non firmer\u00e0 la legge anti gay<\/b> approvata il 23 dicembre scorso dal Parlamento del Paese africano, perch\u00e8 \u201cfascista<\/i>\u201d. \u00c8 stata proprio la Kennedy a convincere il Presidente Museveni a non firmare il disegno di legge che avrebbe sancito l\u2019ergastolo per gli omosessuali e la prigione per chi non \u201cdenuncia persone gay alle autorit\u00e0<\/i>\u201d. L\u2019incontro tra i due \u00e8 avvenuto sabato alla State House di Entebbe, in Uganda, dopo che, un mese fa, la Kennedy aveva espresso al presidente Museveni tutta la sua preoccupazione in una lettera. Alla discussione \u00e8 intervenuto, via telefono, anche l\u2019arcivescovo Desmond Tutu<\/b>, Premio Nobel per la Pace, che non ha esitato a paragonare il provvedimento \u201canti gay<\/i>\u201d alle leggi che vigevano in Sudafrica durante l\u2019Apartheid. Museveni si \u00e8 impegnato quindi a non firmare la legge e a riunirsi con il suo partito, il National Resistence Movement, per legiferare piuttosto in difesa della libert\u00e0 di espressione e di orientamento sessuale.<\/p>

Molto soddisfatta del no alla legge, Kerry Kennedy<\/b> commenta \u201cSono lieta che il presidente Museveni abbia mantenuto la sua promessa di rifiutare ogni legge che contenga anche il minimo accenno alla discriminazione. Chiediamo quindi con fermezza al presidente Museveni di far s\u00ec che il prossimo disegno di legge non contenga discriminazioni contro la comunit\u00e0 Lgbtqi e che non metta in pericolo il lavoro legittimo degli attivisti per i diritti umani ugandesi<\/i>\u201d. <\/p>

Il riferimento a SMUG (Sexual Miorities Uganda)<\/b>, l\u2019associazione presieduta dall\u2019attivista ugandese Frank Mugisha<\/b>, 33 anni, \u00e8 chiaro. Il giovane si batte da sempre con coraggio per veder riconosciuti nel suo Paese uguali diritti alle persone LGBTQI. Arrestato e picchiato dalla polizia pi\u00f9 volte insieme ai suoi compagni di lotta, nel 2011 ha perso l\u2019amico David Kato, anche lui attivista di SMUG, ucciso a martellate nella sua abitazione. Nello stesso anno Mugisha ottenne il premio del RFK Center destinato ai difensori dei diritti umani.<\/p>

Fonte: il Fatto Quotidiano<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua