News e Comunicazioni

Aspettando L’inizio della mostra fotografica del nostro ex volontario Max dal titolo Mal(i) d’Africa Viaggio Fotografico Attraverso i due volti del Kenya”, vorremmo raccontarvi una parte significativa del contesto nel quale le foto sono state scattate e nel quale il programma Alice for Children opera.

Essere un residente in uno slum di Nairobi, Kenya formalmente significa essere esattamente come gli altri abitanti della capitale kenyota, per poi però essere escluso dal  bilancio e dai progetti delle città. Secondo il diritto internazionale gli sgomberi forzati sono illegittimi, dunque le persone che vivono in insediamenti abitativi precari dovrebbero avere diritto a un alloggio adeguato, all’acqua, ai servizi igienici, all’istruzione e all’assistenza sanitaria, esattamente come tutti gli altri, ma poi nella pratica, valgono meno di un pezzo di plastica trovato nella discarica di Dandora.

A prova dello scarso valore dato ai residenti di queste aree urbane, già da maggio 2013 nello slum di Kibera,  le autorità del governo regionale hanno deciso di portare avanti senza il dovuto preavviso o la garanzia di assistenza legale, sgomberi forzati per allargare la sede della ferrovia che attraversa proprio la baraccopoli, che ospita non meno di 200mila persone, che si ritroverebbero dall’oggi al domani indigenti e senza un’alternativa abitativa praticabile. Anche Amnesty International sottolinea: “Ogni persona ha diritto a un alloggio adeguato, che significa non solo un tetto sulla testa ma il diritto a vivere in un luogo in sicurezza, pace e dignità. Tutti i governi hanno l’obbligo di rispettare, proteggere e realizzare questo diritto e non devono compiere i ‘cinque passi’ che comportano uno sgombero forzato.

I ‘Cinque Passi’ nello specifico sono: 1) dite loro che se ne devono andare subito; 2) Fate finta che le case non valgano nulla; 3) Minacciateli; 4) Attaccateli; 5) Portateli in un posto lontano.

E’ chiaro che dietro queste azioni di devastazione tollerate e protette dalla polizia ci sono le mire degli speculatori edilizi che scacciano i poveri dalle aree dove vogliono realizzare condomini e centri commerciali per l’emergente classe media kenyota.

Fonti: Repubblica.itGreen Report

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Aspettando L\u2019inizio della mostra fotografica del nostro ex volontario Max dal titolo \u201cMal(i) d’Africa Viaggio Fotografico Attraverso i due volti del Kenya<\/a><\/b>\u201d, vorremmo raccontarvi una parte significativa del contesto nel quale le foto sono state scattate e nel quale il programma Alice for Children opera.<\/p>

Essere un residente in uno slum di Nairob<\/b>i, Kenya formalmente significa essere esattamente come gli altri abitanti della capitale kenyota, per poi per\u00f2 essere escluso dal  bilancio e dai progetti delle citt\u00e0. Secondo il diritto internazionale gli sgomberi forzati<\/b> sono illegittimi, dunque le persone che vivono in insediamenti abitativi precari dovrebbero avere diritto a un alloggio adeguato, all’acqua, ai servizi igienici, all’istruzione e all’assistenza sanitaria, esattamente come tutti gli altri, ma poi nella pratica, valgono meno di un pezzo di plastica trovato nella discarica di Dandora.<\/p>

A prova dello scarso valore dato ai residenti<\/b> di queste aree urbane, gi\u00e0 da maggio 2013 nello slum di Kibera<\/b>,  le autorit\u00e0<\/b> del governo regionale hanno deciso di portare avanti senza il dovuto preavviso o la garanzia di assistenza legale, sgomberi forzati per allargare la sede della ferrovia che attraversa proprio la baraccopoli, che ospita non meno di 200mila persone, che si ritroverebbero dall’oggi al domani indigenti e senza un\u2019alternativa abitativa praticabile. Anche Amnesty International<\/b> sottolinea: \u201cOgni persona ha diritto a un alloggio adeguato, che significa non solo un tetto sulla testa ma il diritto a vivere in un luogo in sicurezza, pace e dignit\u00e0. Tutti i governi hanno l\u2019obbligo di rispettare, proteggere e realizzare questo diritto e non devono compiere i ‘cinque passi’ che comportano uno sgombero forzato.<\/i>\u201d<\/p>

I \u2018Cinque Passi<\/b>\u2019 nello specifico sono: 1) dite loro che se ne devono andare subito; 2) Fate finta che le case non valgano nulla; 3) Minacciateli; 4) Attaccateli; 5) Portateli in un posto lontano.<\/p>

E\u2019 chiaro che dietro queste azioni di devastazione tollerate e protette dalla polizia ci sono le mire degli speculatori edilizi che scacciano i poveri dalle aree dove vogliono realizzare condomini e centri commerciali per l\u2019emergente classe media kenyota.<\/p>

Fonti: Repubblica.it<\/a>, Green Report<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?