News e Comunicazioni

Oggi si celebra la Giornata mondiale dell’acqua, una ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992, per sensibilizzare Stati membri e popolazioni alla salvaguardia delle risorse idriche minacciate da inquinamento e sprechi. Una preoccupazione più che fondata giacché, secondo i dati diffusi dal World Watch Institute, circa 1.2 miliardi di persone, quasi un quinto del mondo vive in aree di scarsità fisica di acqua, mentre un altro 1,6 miliardi deve confrontarsi con la difficoltà di approvvigionarsi di acqua a costi flessibili. Una situazione che è destinata ad aggravarsi, a causa della crescita della popolazione, e le conseguenze del cambiamento climatico, la mancanza di investimenti e la scarsa gestione delle risorse. Si stima che entro il 2025 la popolazione in regioni con assoluta scarsità d’acqua sarà di 1,8 miliardi di persone, mentre vivrà in una situazione di stress idrico quasi la metà della popolazione mondiale che nel frattempo avrà raggiunto quota 9,1 miliardi, mettendo a dura prova risorse idriche, alimentari, energetiche ed industriali.

Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato (qui) della situazione idrica in Kenya e di come è destinata a peggiorare con l’aumento della popolazione se le istituzioni locali non implementano misure di gestione delle risorse più efficaci e aperte a tutti gli abitanti, anche ai più poveri residenti degli slum dove gli allacciamenti d’acqua potabile sono inesistenti e le uniche sorgenti sono fortemente inquinate a causa dei rifiuti che vi vengono riversati dentro (qui).

Cerchiamo di non scordare che senza acqua non c’è vita e che tutti noi, indistintamente dalla zona del mondo nella quale siamo nati e nella quale viviamo, abbiamo il diritto di accedere sempre ad una fonte d’acqua potabile per dissetarci, idratarci e per svolgere attività legate al nostro sostentamento.

Fonte: Panorama

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Oggi si celebra la Giornata mondiale dell’acqua<\/b>, una ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite<\/b> nel 1992, per sensibilizzare Stati membri e popolazioni alla salvaguardia delle risorse idriche minacciate da inquinamento e sprechi. Una preoccupazione pi\u00f9 che fondata giacch\u00e9, secondo i dati diffusi dal World Watch Institute<\/b>, circa 1.2 miliardi di persone, quasi un quinto del mondo vive in aree di scarsit\u00e0 fisica di acqua, mentre un altro 1,6 miliardi deve confrontarsi con la difficolt\u00e0 di approvvigionarsi di acqua a costi flessibili. Una situazione che \u00e8 destinata ad aggravarsi, a causa della crescita della popolazione<\/b>, e le conseguenze del cambiamento climatico, la mancanza di investimenti e la scarsa gestione delle risorse. Si stima che entro il 2025 la popolazione in regioni con assoluta scarsit\u00e0 d’acqua sar\u00e0 di 1,8 miliardi di persone, mentre vivr\u00e0 in una situazione di stress idrico quasi la met\u00e0 della popolazione mondiale che nel frattempo avr\u00e0 raggiunto quota 9,1 miliardi, mettendo a dura prova risorse idriche, alimentari, energetiche ed industriali.<\/span><\/p>

Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato (qui<\/a>) della situazione idrica in Kenya<\/b> e di come \u00e8 destinata a peggiorare con l\u2019aumento della popolazione se le istituzioni locali non implementano misure di gestione delle risorse pi\u00f9 efficaci e aperte a tutti gli abitanti, anche ai pi\u00f9 poveri residenti degli slum dove gli allacciamenti d\u2019acqua potabile sono inesistenti e le uniche sorgenti sono fortemente inquinate a causa dei rifiuti che vi vengono riversati dentro (qui<\/a>).<\/p>

Cerchiamo di non scordare che senza acqua non c\u2019\u00e8 vita<\/b> e che tutti noi, indistintamente dalla zona del mondo nella quale siamo nati e nella quale viviamo, abbiamo il diritto<\/b> di accedere sempre ad una fonte d\u2019acqua potabile per dissetarci, idratarci e per svolgere attivit\u00e0 legate al nostro sostentamento.<\/p>

Fonte: Panorama<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

15 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Ai Piedi della Discarica: il Racconto di Arianna

Dandora è uno dei più di 100 slum di Nairobi. Un agglomerato di baracche e strade strette, dove vivono e si muovono migliaia di persone. A soli 7 chilometri dal … Continua

10 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Alla Scoperta di Rombo con Alessandra

“Tanti di loro erano scalzi, la divisa era ormai logorata dal tempo, ma i loro sorrisi e gli occhi illuminati da una luce che solo la savana e le distese … Continua

3 gennaio 2021

Le Novità del 2021

Il 2020 ha stravolto le vite di tutti noi, in un modo o nell’altro. Alcuni dei piani che avevamo riguardo i nostri progetti in Kenya e in Italia sono rimasti … Continua

× Come possiamo aiutarti?