News e Comunicazioni

 Binyavanga Wainaina, autore kenyota di fama mondiale, definito dalla BBC come uno degli intellettuali più influenti dell’Africa, poche settimane fa ha dichiarato pubblicamente a Nairobi di essere gay. E se nasci nella Rift Valley non è esattamente il background che ti permette un futuro luminoso, ma Binyavanga è impertinente, pieno di energia e mira in alto.

Quando gli si è domandato il motivo della sua dichiarazione, la risposta è stata: “Il mio obiettivo era elevare il livello della conversazione. In Africa del tema parlano la chiesa o le istituzioni islamiche con il loro approccio filonazista, o se ne discute in clandestinità usando luoghi comuni“. Ci sono due fatti importanti che però lo hanno spinto a parlare: in primo luogo, la morte di un amico gay che per 14 anni ha dichiarato di avere un cancro, ma poi si è spento per l’AIDS, e il varo di una legge nigeriana che rende illegali persino gli atteggiamenti riconducibili all’omosessualità. Anche in Uganda, nonostante le promesse del Presidente Museveni meno di due mesi fa, è stata appena varata una legge che infligge l’ergastolo agli omosessuali. 

Il suo è un gesto provocatorio contro l’ipocrisia della Chiesa cattolica, pentecostale e anglicana che in Africa professa amore ma appoggia governi che perseguono e torturano chi ha una sessualità non prevista dalle loro regole. “Ci sono Paesi che si definiscono democratici ma che non rispettano il livello minimo di diritti umani. La Nigeria è un esempio: la crociata contro gli omosessuali è simile a quella sulle armi di distruzione di massa che portò l’America alla guerra in Iraq. Il suo presidente, Goodluck Jonathan, si sta preparando alle elezioni ed è disperato per il fallimento del primo mandato. Doveva garantire la rivoluzione energetica, ma non è riuscito a portare l’elettricità neppure nei villaggi vicini a Lagos. Allora si è inventato la minaccia dei gay, perché nei gruppi di potere all’opposizione ci sono molti gay alto borghesi e clandestini che si sentiranno in pericolo. È una sporca battaglia politica nella quale i gay sono solo un effetto ottico, ciò che conta sono i voti. In Africa vale sempre la regola: ‘t’s always about the next election’ “.

Gli è stato suggerito di proseguire la sua battaglia dagli Stati Uniti o da Londra, ma lui ha preferito tornare in Kenya perché il suo “un gesto politico”. Essere gay in Africa significa venire picchiati ed esclusi dalla vita sociale e la battaglia deve riprendere proprio da lì.

Fonte: Vanity Fair 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

 Binyavanga Wainaina<\/b>, autore kenyota di fama mondiale, definito dalla BBC<\/b> come uno degli intellettuali pi\u00f9 influenti dell\u2019Africa, poche settimane fa ha dichiarato pubblicamente a Nairobi<\/b> di essere gay<\/b>. E se nasci nella Rift Valley non \u00e8 esattamente il background che ti permette un futuro luminoso, ma Binyavanga \u00e8 impertinente, pieno di energia e mira in alto.<\/p>

Quando gli si \u00e8 domandato il motivo della sua dichiarazione, la risposta \u00e8 stata: \”Il mio obiettivo era elevare il livello della conversazione. In Africa del tema parlano la chiesa o le istituzioni islamiche con il loro approccio filonazista, o se ne discute in clandestinit\u00e0 usando luoghi comuni<\/i>\”. Ci sono due fatti importanti che per\u00f2 lo hanno spinto a parlare: in primo luogo, la morte di un amico gay che per 14 anni ha dichiarato di avere un cancro, ma poi si \u00e8 spento per l\u2019AIDS<\/b>, e il varo di una legge nigeriana che rende illegali persino gli atteggiamenti riconducibili all’omosessualit\u00e0. Anche in Uganda<\/b>, nonostante le promesse del Presidente Museveni meno di due mesi fa<\/a>, \u00e8 stata appena varata una legge che infligge l\u2019ergastolo agli omosessuali. <\/p>

Il suo \u00e8 un gesto provocatorio contro l\u2019ipocrisia<\/b> della Chiesa cattolica, pentecostale e anglicana che in Africa professa amore ma appoggia governi che perseguono e torturano chi ha una sessualit\u00e0 non prevista dalle loro regole. \u201cCi sono Paesi che si definiscono democratici ma che non rispettano il livello minimo di diritti umani. La Nigeria<\/b> \u00e8 un esempio: la crociata contro gli omosessuali \u00e8 simile a quella sulle armi di distruzione di massa che port\u00f2 l\u2019America alla guerra in Iraq. Il suo presidente, Goodluck Jonathan<\/b>, si sta preparando alle elezioni ed \u00e8 disperato per il fallimento del primo mandato. Doveva garantire la rivoluzione energetica, ma non \u00e8 riuscito a portare l\u2019elettricit\u00e0 neppure nei villaggi vicini a Lagos. Allora si \u00e8 inventato la minaccia dei gay, perch\u00e9 nei gruppi di potere all’opposizione ci sono molti gay alto borghesi e clandestini che si sentiranno in pericolo. \u00c8 una sporca battaglia politica nella quale i gay sono solo un effetto ottico, ci\u00f2 che conta sono i voti. In Africa vale sempre la regola: ‘t\u2019s always about the next election’ <\/i>\”.<\/p>

Gli \u00e8 stato suggerito di proseguire la sua battaglia dagli Stati Uniti o da Londra, ma lui ha preferito tornare in Kenya<\/b> perch\u00e9 il suo \u201cun gesto politico<\/i>\u201d. Essere gay in Africa significa venire picchiati ed esclusi dalla vita sociale e la battaglia deve riprendere proprio da l\u00ec.<\/p>

Fonte: Vanity Fair<\/a> <\/span><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

12 dicembre 2019

Il Giving Tuesday e il #RegaloPiùBello

Se ci seguite sui social e se ricevete le nostre comunicazioni, vi sarete imbattuti ultimamente in alcune nostre iniziative di raccolta fondi legate al Giving Tuesday. Ma perché questo martedì … Continua

27 novembre 2019

AIFA

22 Novembre 2019: una Giornata Davvero Speciale!

Nella giornata di venerdì 22 novembre, gli studenti della nostra Alice Italian Food Academy hanno gareggiato per aggiudicarsi il Premio Ricette di Bontà 2019 del Cucchiaio d’Argento e hanno ricevuto … Continua

4 novembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Irene

Le scorse settimane vi abbiamo parlato di due nostri studenti di Alice Italian Food Academy, Brian e Rodgers. Oggi vi presentiamo una ragazza davvero in gamba, che sta stupendo tutti … Continua