News e Comunicazioni

In base ai dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la tubercolosi (TB) è una malattia curabile, ma gli sforzi attuali per raggiungere tutti coloro che ne sono affetti non sono ancora sufficienti. Le stime mostrano che su circa 9 milioni di malati ogni anno, un terzo si trovano nei paesi più poveri e vulnerabili dove il sistema sanitario locale non riesce a raggiungerli. L’OMS invita i partner internazionali a collaborare e trovare un modo per raggiungere quel ‘terzo’ dei malati che non ha accesso alle cure. Nonostante il quadro sia poco roseo però, bisogna dire che negli ultimi vent’anni la mortalità per TB è calata del 45% in tutto il mondo grazie all’introduzione di nuovi farmaci e nuovi strumenti di diagnosi più immediati. Questo trend ha però creato l’illusione – soprattutto nei paesi avanzati – che la malattia fosse debellata definitivamente.

Per l’Africa sub-sahariana la percentuale di HIV-positivi che hanno “ospitato” anche il micobatterio della tubercolosi raggiunge il 70%. E la tubercolosi è ormai diventata la prima di causa di morte per i malati di HIV/AIDS del continente africano, dove il numero di malati di tubercolosi si è duplicato nell’ultimo decennio proprio per gli effetti debilitanti che l’immunosoppressione indotta dall’HIV ha sull’organismo dei malati. “Nei contesti dove assistiamo tanti malati di HIV/AIDS il rischio di una diffusione a macchia d’olio della tubercolosi resistente ai farmaci è terrificante” – dice Liesbet Ohler, medico di Medici Senza Frontiere nella baraccopoli di Mathare, Nairobi.

Negli ultimi anni, è stata scoperta una nuova forma di TB resistente ai farmaci, ancora più terribile e pericolosa della precedente forma di TB resistente ai farmaci, scoperta in Kenya negli ultimi anni ’90. E più letale: ha un tasso di mortalità del quasi 100% sugli infetti. Per questi motivi la Comunità internazionale deve incrementare gli sforzi per trovare una cura accessibile a tutti i malati nel mondo.

Fonti: OMS, Medici Senza Frontiere.1, Medici Senza Frontiere.2 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

In base ai dati dell\u2019Organizzazione Mondiale della Sanit\u00e0 (OMS)<\/b>, la tubercolosi (TB)<\/b> \u00e8 una malattia curabile, ma gli sforzi attuali per raggiungere tutti coloro che ne sono affetti non sono ancora sufficienti. Le stime mostrano che su circa 9 milioni di malati ogni anno, un terzo si trovano nei paesi pi\u00f9 poveri e vulnerabili dove il sistema sanitario locale non riesce a raggiungerli. L\u2019OMS invita i partner internazionali a collaborare e trovare un modo per raggiungere quel \u2018terzo\u2019<\/b> dei malati che non ha accesso alle cure. Nonostante il quadro sia poco roseo per\u00f2, bisogna dire che negli ultimi vent’anni la mortalit\u00e0 per TB \u00e8 calata del 45% in tutto il mondo grazie all’introduzione di nuovi farmaci e nuovi strumenti di diagnosi pi\u00f9 immediati. Questo trend ha per\u00f2 creato l\u2019illusione<\/b> \u2013 soprattutto nei paesi avanzati \u2013 che la malattia fosse debellata definitivamente.<\/p>

Per l\u2019Africa sub-sahariana<\/b> la percentuale di HIV-positivi che hanno \u201cospitato\u201d anche il micobatterio della tubercolosi raggiunge il 70%. E la tubercolosi \u00e8 ormai diventata la prima di causa di morte per i malati di HIV\/AIDS<\/b> del continente africano, dove il numero di malati di tubercolosi si \u00e8 duplicato nell’ultimo decennio proprio per gli effetti debilitanti che l’immunosoppressione indotta dall’HIV ha sull’organismo dei malati. \u201cNei contesti dove assistiamo tanti malati di HIV\/AIDS il rischio di una diffusione a macchia d\u2019olio della tubercolosi resistente ai farmaci \u00e8 terrificante<\/i>\u201d \u2013 dice Liesbet Ohler, medico di Medici Senza Frontiere<\/b> nella baraccopoli di Mathare, Nairobi<\/b>.<\/p>

Negli ultimi anni, \u00e8 stata scoperta una nuova forma di TB<\/b> resistente ai farmaci, ancora pi\u00f9 terribile e pericolosa della precedente forma di TB resistente ai farmaci, scoperta in Kenya negli ultimi anni \u201990. E pi\u00f9 letale: ha un tasso di mortalit\u00e0 del quasi 100% sugli infetti. Per questi motivi la Comunit\u00e0 internazionale deve incrementare gli sforzi per trovare una cura accessibile a tutti i malati nel mondo.<\/p>

Fonti: OMS<\/a>, Medici Senza Frontiere.1<\/a>, Medici Senza Frontiere.2<\/a> <\/span><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

19 agosto 2019

News dal Kenya

Giornata Mondiale dell'Aiuto Umanitario

Dopo avervi raccontato della Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni, oggi vi parliamo di un’altra Giornata importante e che sentiamo molto vicina al nostro lavoro: la Giornata Mondiale dell’Aiuto Umanitario (World … Continua

13 agosto 2019

La Classe 2019 di AIFA

Il racconto sulla nuova avventura ad Alice Italian Food Academy prosegue questa settimana con la presentazione della nuova classe di aspiranti chef kenioti! Le lezioni di cucina italiana sono iniziate … Continua

9 agosto 2019

News dal Kenya

Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni 2019

La Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni ricorre ogni anno il giorno 9 agosto. È stata istituita dalle Nazioni Unite nel 1994 per celebrare le diversità caratteristiche di ciascun popolo indigeno … Continua