News e Comunicazioni

Il 23 marzo, a Likoni vicino a Mombasa, Kenya è stata attaccata la chiesa della setta cristiana Joy in Jesus (Gioia in Gesù). L’assalto è avvenuto durante le funzione mattutina, tre terroristi, uno con una maschera sulla faccia, un secondo con un largo cappello calato sulla fronte e un terzo con una sciarpa avvolta sul capo, sono entrati dalla porta principale, mentre un quarto dal retro e hanno sperato indiscriminatamente senza badare a chi uccidevano, donne, bambini o gli uomini. Dopo di chè sono riusciti poi a scappare a piedi, prima dell’arrivo della polizia. 4 i morti e 21 i feriti, tra le vittime anche il pastore della chiesa, Philip Masela.

Gli occhi sono puntati contro gli integralisti islamici somali di Al-Shabaab, gli stessi dell’attacco al Westgate Mall lo scorso settembre, che hanno annunciato di volersi vendicare contro la presenza delle forze armate kenyote inviate in Somalia. L’attacco alla chiesa di Likoni è avvenuto una settimana dopo che la polizia ha sequestrato un importante carico di esplosivi che avrebbero dovuto essere utilizzati dai terroristi per attentati sulla costa. Due sospetti sono stati arrestati ed è aperta la caccia ai loro complici.

Per far fronte alle tensioni religiose e alla crescente radicalizzazione religiosa sulla costa kenyota e nel Nord nel Paese, il Governo ha deciso che tutti i cittadini somali rifugiati presenti sul territorio kenyota devono ritornare nei campi di Kakuma e Dadaab con effetto immediato e chiunque trasgredirà, verrà perseguito. Le autorità pensano che in questo modo potranno controllare meglio le attività dei rifugiati somali tra i quali si mescolano militanti islamici.

Fonti: Africa ExpressReuters 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:4,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:””},{“id”:”3″,”block”:”rte”,”content”:”

Il 23 marzo, a Likoni vicino a Mombasa<\/b>, Kenya \u00e8 stata attaccata la chiesa della setta cristiana Joy in Jesus (Gioia in Ges\u00f9). <\/span>L\u2019assalto \u00e8 avvenuto durante le funzione mattutina, tre terroristi<\/b>, uno con una maschera sulla faccia, un secondo con un largo cappello calato sulla fronte e un terzo con una sciarpa avvolta sul capo, sono entrati dalla porta principale, mentre un quarto dal retro e hanno sperato indiscriminatamente senza badare a chi uccidevano, donne, bambini o gli uomini. Dopo di ch\u00e8 sono riusciti poi a scappare a piedi, prima dell\u2019arrivo della polizia. 4 i <\/span>morti e 21 i feriti, tra le vittime anche il pastore della chiesa, Philip Masela.<\/span><\/p>

Gli occhi sono puntati contro gli integralisti islamici somali di Al-Shabaab,<\/b> gli stessi dell\u2019attacco al Westgate Mall lo scorso settembre, che hanno annunciato di volersi vendicare contro la presenza delle forze armate kenyote inviate in Somalia<\/b>. L\u2019attacco alla chiesa di Likoni \u00e8 avvenuto una settimana dopo che la polizia ha sequestrato un importante carico di esplosivi che avrebbero dovuto essere utilizzati dai terroristi per attentati sulla costa. Due sospetti sono stati arrestati ed \u00e8 aperta la caccia ai loro complici.<\/p>

Per far fronte alle tensioni religiose e alla crescente radicalizzazione religiosa sulla costa kenyota e nel Nord nel Paese, il Governo<\/b> ha deciso che tutti i cittadini somali rifugiati presenti sul territorio kenyota devono ritornare nei campi di Kakuma e Dadaab<\/b> con effetto immediato e chiunque trasgredir\u00e0, verr\u00e0 perseguito. Le autorit\u00e0 pensano che in questo modo potranno controllare meglio le attivit\u00e0 dei rifugiati somali tra i quali si mescolano militanti islamici.<\/span><\/p>

Fonti: Africa Express<\/a>, Reuters<\/a> <\/span><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

27 novembre 2020

Natale con Alice: la Video Intervista a Remo

“Il messaggio è uno solo: aiutate Alice for Children ad aiutare i bambini del Kenya” La nostra campagna di Natale non sarebbe stata possibile senza la preziosa collaborazione di due … Continua

26 novembre 2020

La Borraccia di Alice per il Diritto all'Acqua dei Bambini di Nairobi

26Apriamo un rubinetto nelle nostre case ed eccolo lì, fresco e pulito, il bene più prezioso che il nostro pianeta ci abbia mai regalato. Bene che utilizziamo per lavarci, innaffiare … Continua

25 novembre 2020

Lo Slum Contro la Violenza sulle Donne

Nel mondo, il 35% delle donne ha subito violenze fisiche e/o sessuali da parte di un partner o di un conoscente. Casi di depressione, aborti e HIV sono più frequenti … Continua

× Come possiamo aiutarti?