News e Comunicazioni

Secondo un report delle NU rilasciato ieri, in Repubblica Democratica del Congo (RDC) le violenze sessuali rimangono un problema ancora molto serio. Si documenta che tra gennaio 2010 e dicembre 2013 l’ufficio UN Joint Human Rights Office in the DRC (Ufficio congiunto dei diritti Umani delle NU in RDC, UNJHRO – ) sono stati registrati più di 3600 gravi casi di violenze sessuali, che per la maggior parte sono avvenuti in casa, nei campi o quando le donne si stavano dirigendo al mercato a prendere l’acqua.

Nonostante i piccoli progressi nel dare giustizia alle vittime, dallo stesso report emerge che la strada è ancora lunga. “non ci sono scuse per le violenze sessuali, e la sua diffusa impunità crea ancor maggiore ingiustizia. Il governo dovrebbe prendere tutte le misure necessarie per garantire alle vittime accesso alla giustizia e assicurarne la sicurezza”, ha dichiarato il Rappresentante Speciale del Segretario Nazionale del NU in RDC Martin Kobler.

Si sottolinea in particolare che lo stupro viene utilizzato come ‘arma’ per intimidire la popolazione civile (donne 73%, bambini 25% e uomini 2%), punire coloro che percepiti come collaborazionisti dei gruppi armati o dell’esercito nazionale. È riportato anche che i gruppi armati sono responsabili per più della metà degli stupri commessi durante attacchi per controllare territori ricchi di risorse.

Nonostante il rinnovato impegno a degli alti ufficiali, numerosi sono ancora gli ostacoli per ottenere pieno accesso alla giustizia. Gli sforzi limitati delle autorità nel perseguire i carnefici, la corruzione del sistema giudiziario e la mancanza di risorse, contribuiscono all’impunità dei colpevoli degli abusi. Non solo, molte vittime non denunciano le violenze per paura di essere stigmatizzate e rifiutate dalle loro famiglie e dalle loro comunità di appartenenza. Nella pratica però poi, nessuno può permettersi i costi legali e medici legati ad un processo, inoltre temono per la sicurezza dei loro famigliari.

Fonte: Africa NewsAljazeera 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Secondo un report delle NU<\/b> rilasciato ieri, in Repubblica Democratica del Congo<\/b> (RDC<\/b>) le violenze sessuali rimangono un problema ancora molto serio. Si documenta che tra gennaio 2010 e dicembre 2013 l\u2019ufficio UN Joint Human Rights Office in the DRC (Ufficio congiunto dei diritti Umani delle NU in RDC, UNJHRO<\/b> \u2013 ) sono stati registrati pi\u00f9 di 3600 gravi casi di violenze sessuali<\/b>, che per la maggior parte sono avvenuti in casa, nei campi o quando le donne si stavano dirigendo al mercato a prendere l\u2019acqua.<\/p>

Nonostante i piccoli progressi<\/b> nel dare giustizia alle vittime, dallo stesso report emerge che la strada \u00e8 ancora lunga. \u201cnon ci sono scuse per le violenze sessuali, e la sua diffusa impunit\u00e0 crea ancor maggiore ingiustizia. Il governo dovrebbe prendere tutte le misure necessarie per garantire alle vittime accesso alla giustizia e assicurarne la sicurezza<\/i>\u201d, ha dichiarato il Rappresentante Speciale del Segretario Nazionale del NU in RDC Martin Kobler.<\/p>

Si sottolinea in particolare che lo stupro viene utilizzato come \u2018arma<\/i>\u2019 per intimidire la popolazione civile (donne 73%, bambini 25% e uomini 2%<\/b>), punire coloro che percepiti come collaborazionisti dei gruppi armati o dell\u2019esercito nazionale. \u00c8 riportato anche che i gruppi armati sono responsabili per pi\u00f9 della met\u00e0 degli stupri commessi durante attacchi per controllare territori ricchi di risorse.<\/p>

Nonostante il rinnovato impegno a degli alti ufficiali, numerosi sono ancora gli ostacoli per ottenere pieno accesso alla giustizia. Gli sforzi limitati<\/b> delle autorit\u00e0 nel perseguire i carnefici, la corruzione del sistema giudiziario e la mancanza di risorse, contribuiscono all’impunit\u00e0 dei colpevoli degli abusi. Non solo, molte vittime non denunciano le violenze per paura di essere stigmatizzate e rifiutate dalle loro famiglie e dalle loro comunit\u00e0 di appartenenza. Nella pratica per\u00f2 poi, nessuno pu\u00f2 permettersi i costi legali e medici legati ad un processo, inoltre temono per la sicurezza dei loro famigliari.<\/p>

\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n<\/p>

Fonte: Africa News<\/a>, Aljazeera<\/a> <\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 luglio 2020

Sostegno alla Comunità: #FAMIGLIA

Ognuno di noi ha la sua idea di cosa la parola “famiglia” voglia dire e nessuna di queste idee può essere considerata sbagliata o inesatta. Sappiamo che di paese in … Continua

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

× Come possiamo aiutarti?