News e Comunicazioni

L’Africa occidentale è mobilitata contro la diffusione della febbre emorragica, scatenata in alcuni casi dal virus Ebola. Il Paese più colpito è la Guinea, dove l’ultimo bilancio diffuso dal governo certifica 86 decessi su 137 casi registrati e secondo l’equipe di Medici senza frontiere, il contagio sta procedendo a ritmi allarmanti. “Stiamo fronteggiando il ceppo di Ebola più aggressivo, lo Zaire, che uccide nove persone su dieci”, afferma l’epidemiologo Van Herp.

Scoperto nel 1976 in quello che all’epoca si chiamava Zaire, contro l’Ebola non esistono vaccini, né trattamenti specifici, il virus si trasmette per contatto diretto con sangue, liquidi biologici e tessuti di soggetti infettati, uomini o animali, vivi o morti che siano. Il malato accusa febbre alta, successivamente accompagnata da emorragie, sia esterne che interne, che nel 90% dei casi sono letali. Il professor Muyembe insiste sull’urgenza di trovare un vaccino contro l’Ebola, un virus che si propaga più rapidamente e fa più vittime dell’HIV.

Alcune compagnie aeree stanno cominciando a richiedere un certificato sanitario redatto da un medico del posto prima di consentire ai passeggeri africani, di salire a bordo di qualsiasi velivolo in partenza per l’Europa. “È un atteggiamento vergognoso, perché soltanto i passeggeri di colore? Non mi sembra che Ebola faccia distinzione di genere o di razze“. Protestano alcuni passeggeri. Infatti, Ebola colpisce alla cieca. L’Europa si prepara a ogni evenienza facendo scattare il codice rosso nei principali scali dei voli provenienti dal continente nero. A inizio mese, un volo della Air France proveniente dalla Guinea, è stato bloccato per due ore all’aeroporto Roissy Charles-de-Gaulle, nel timore che a bordo ci fosse un passeggero con il virus dell’Ebola.

Fonti: EuronewsIl Secolo XIX

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

L\u2019Africa occidentale \u00e8 mobilitata contro la diffusione della febbre emorragica, scatenata in alcuni casi dal virus Ebola<\/b>. Il Paese pi\u00f9 colpito \u00e8 la Guinea<\/b>, dove l\u2019ultimo bilancio diffuso dal governo certifica 86 decessi su 137 casi registrati e secondo l\u2019equipe di Medici senza frontiere<\/b>, il contagio sta procedendo a ritmi allarmanti. \u201cStiamo fronteggiando il ceppo di Ebola pi\u00f9 aggressivo, lo Zaire, che uccide nove persone su dieci<\/i>\u201d, afferma l\u2019epidemiologo Van Herp<\/b>.<\/p>

Scoperto nel 1976 in quello che all’epoca si chiamava Zaire<\/b>, contro l\u2019Ebola non esistono vaccini, n\u00e9 trattamenti specifici, il virus si trasmette per contatto diretto con sangue, liquidi biologici e tessuti di soggetti infettati, uomini o animali, vivi o morti che siano. Il malato accusa febbre alta, successivamente accompagnata da emorragie, sia esterne che interne, che nel 90% dei casi sono letali. Il professor Muyembe <\/b>insiste sull\u2019urgenza di trovare un vaccino contro l\u2019Ebola, un virus che si propaga pi\u00f9 rapidamente e fa pi\u00f9 vittime dell\u2019HIV<\/b>.<\/p>

Alcune compagnie aeree<\/b> stanno cominciando a richiedere un certificato sanitario redatto da un medico del posto prima di consentire ai passeggeri africani, di salire a bordo di qualsiasi velivolo in partenza per l\u2019Europa<\/b>. \”\u00c8 un atteggiamento vergognoso, perch\u00e9 soltanto i passeggeri di colore? Non mi sembra che Ebola faccia distinzione di genere o di razze<\/i>\”. Protestano alcuni passeggeri. Infatti, Ebola colpisce alla cieca. L\u2019Europa si prepara a ogni evenienza facendo scattare il codice rosso<\/b> nei principali scali dei voli provenienti dal continente nero. A inizio mese, un volo della Air France proveniente dalla Guinea, \u00e8 stato bloccato per due ore all\u2019aeroporto Roissy Charles-de-Gaulle, nel timore che a bordo ci fosse un passeggero con il virus dell\u2019Ebola.<\/p>

Fonti: Euronews<\/a>, Il Secolo XIX<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

29 luglio 2020

Coronavirus, News dal Kenya

Lettera dagli Slum: l'Appello di Davide

Condividiamo con voi l’appello del nostro coordinatore delle attività a Nairobi, Davide, che sta lavorando sul campo per contrastare l’emergenza alimentare e sociale che affligge la popolazione degli slum di … Continua

22 luglio 2020

News dal Kenya

Scuole chiuse fino a gennaio: il Kenya dimentica i bambini degli slum

“Tenere le scuole chiuse comporta molti più rischi che benefici”. The Economist (dal titolo di un articolo di qualche giorno fa)   Due settimane fa il ministero dell’istruzione keniano ha … Continua

14 luglio 2020

Sostegno alla Comunità: #FAMIGLIA

Ognuno di noi ha la sua idea di cosa la parola “famiglia” voglia dire e nessuna di queste idee può essere considerata sbagliata o inesatta. Sappiamo che di paese in … Continua

× Come possiamo aiutarti?