News e Comunicazioni

Abbiamo visto i tristi numeri dell’insicurezza alimentare in Africa, ma quali sono le iniziative volte ad aiutare le centinaia di migliaia di persone che soffrono di fame e malnutrizione? Dal 2007 Alice for Children è impegnata su questo fronte in Africa, grazie al programma sulla nutrizione portato avanti nei villaggi di Nairobi. 

Il progetto è FOOD 4 LIFE ed è entrato a far parte dei 20 progetti selezionati da Nutri-amo il futuro, l’iniziativa promossa da Fondazione Mediolanum Onlus a sostegno di organizzazioni non profit. Con FOOD 4 LIFE abbiamo la possibilità di ampliare il nostro programma sulla nutrizione e aiutare altri bambini africani che si trovano in condizione di disagio, ma solo sarà il progetto più votato! 

C’è tempo fino al 30 aprile per votare e far votare i vostri amici: scoprite qui come dare le vostre preferenze al futuro dei bambini di Nairobi!

Sul fronte occidentale invece cosa è possible fare? Evitare sprechi e riciclare il ciboSarà la crisi, sarà che dopo le feste ci si ritrova con il frigorifero ancora pieno di cibo e una gran voglia di mettersi a dieta, sarà che il 2015 è stato dichiarato anno europeo contro lo spreco alimentare… saranno queste o altre le ragioni, ma sul web compaiono sempre più articoli e news su come riciclare gli avanzi alimentari. Non mancano siti italiani e internazionali in cui degli esperti sono pronti a dare suggerimenti per non buttare via gli avanzi che spesso ci si ritrova in frigo e in dispensa.

Secondo una recente indagine di Coldiretti, il 51% degli italiani ha ridotto gli sprechi a tavola. E come testimoniano i dati si tratta di scelte ben ponderate e consapevoli.

Il 66% di chi ha diminuito gli sprechi l’ha fatto direttamente “alla fonte”, cioè acquistando meno prodotti al supermercato; il 54% ha aguzzato la fantasia cucinando per il giorno successivo gli avanzi della sera, mentre al 45% è bastato fare attenzione alle date di scadenza. Perché anche la disposizione degli alimenti in frigorifero è una scienza: mettere più in vista i cibi a breve scadenza può evitarci di buttare nella spazzatura soprattutto yogurt, insaccati e carne.

https://www.aliceforchildren.it/wp-content/uploads/2014/04/FoodWaste-aliceforchildren.jpg

Dalla Francia oltre a un sito in cui trovare ricette originali per cucinare gli avanzi (lebruitdufrigo.fr), arriva partagetonfrigo.fr ovvero “condividi il tuo frigorifero”, un sito nato da un’associazione che si occupa della riduzione dei rifiuti e che suggerisce di portare gli avanzi di cibo in un frigorifero comunitario e condiviso come per per esempio il luogo di lavoro.

Dalla Gran Bretagna invece, arriva il consiglio di organizzare meglio i propri acquisti: l’associazione Love Food Hate Waste, “ama il cibo odia i rifiuti”, attraverso il proprio sito offre suggerimenti e indicazioni su come diventare consumatori responsabili.

In USA, da Agosto 2013, esiste l’applicazione per smartphone, Leftover Swap, che dà un destinatario agli avanzi. L’app ideata da due programmatori di San Francisco, Bryan Summersett e Dan Newman, è molto semplice: basta scattare una foto del cibo avanzato, postarla nel database dell’app e aspettare che qualcuno lo richieda!

Insomma il mondo si mobilita contro lo spreco alimentare, speriamo non sia una moda ma una presa di coscienza del fatto che non sprecare il cibo è un dovere che abbiamo nei confronti dell’ambiente, del Pianeta e di chi, non lontano da noi, ogni giorno muore di fame.

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:5,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Abbiamo visto i tristi numeri dell\u2019<\/span>insicurezza alimentare in Africa<\/b><\/a>, ma quali sono le iniziative volte ad aiutare le centinaia di migliaia di persone che soffrono di fame e malnutrizione? Dal 2007 Alice for Children \u00e8 impegnata su questo fronte in Africa, grazie al programma sulla nutrizione portato avanti nei villaggi di Nairobi. <\/span><\/p>

<\/p>

Il progetto \u00e8 <\/span>FOOD 4 LIFE<\/b><\/a> ed \u00e8 entrato a far parte dei 20 progetti selezionati da <\/span>Nutri-amo il futuro<\/b>, l\u2019iniziativa promossa da Fondazione Mediolanum Onlus a sostegno di organizzazioni non profit. Con FOOD 4 LIFE abbiamo la possibilit\u00e0 di ampliare il nostro programma sulla nutrizione e aiutare altri bambini africani che si trovano in condizione di disagio, ma solo sar\u00e0 il progetto pi\u00f9 votato! <\/span><\/p>

<\/p>

C\u2019\u00e8 tempo fino al <\/span>30 aprile<\/b> per votare e far votare i vostri amici: <\/span>scoprite qui<\/a> come dare le vostre preferenze al futuro dei bambini di Nairobi!<\/span><\/p>

<\/p>

Sul fronte occidentale invece cosa \u00e8 possible fare? <\/span>Evitare sprechi e riciclare il cibo<\/b>! <\/span>Sar\u00e0 la crisi, sar\u00e0 che dopo le feste ci si ritrova con il frigorifero ancora pieno di cibo e una gran voglia di mettersi a dieta, sar\u00e0 che il 2015 \u00e8 stato dichiarato <\/span>anno europeo contro lo spreco alimentare<\/strong><\/em>\u2026 saranno queste o altre le ragioni, ma sul web compaiono sempre pi\u00f9 articoli e news su come<\/span> riciclare gli avanzi alimentari<\/strong>. Non mancano siti italiani e internazionali in cui degli esperti sono pronti a dare suggerimenti per non buttare via gli avanzi che spesso ci si ritrova in frigo e in dispensa.<\/span><\/p>

<\/p>

Secondo una recente indagine di <\/span>Coldiretti<\/a>, il 51% degli italiani ha ridotto gli sprechi a tavola. E come testimoniano i dati si tratta di scelte ben ponderate e consapevoli.<\/span><\/p>

<\/p>

Il 66% di chi ha diminuito gli sprechi l\u2019ha fatto direttamente \u201calla fonte\u201d, cio\u00e8 acquistando meno prodotti al supermercato; il 54% ha aguzzato la fantasia cucinando per il giorno successivo gli avanzi della sera, mentre al 45% \u00e8 bastato fare attenzione alle date di scadenza. Perch\u00e9 anche la disposizione degli alimenti in frigorifero \u00e8 una scienza: mettere pi\u00f9 in vista i cibi a breve scadenza pu\u00f2 evitarci di buttare nella spazzatura soprattutto yogurt, insaccati e carne.<\/span><\/p>

<\/p>\n”,”class”:””},{“id”:”3″,”block”:”image”,”source”:”~wp-uploads\/2014\/04\/FoodWaste-aliceforchildren.jpg”,”alt”:”FoodWaste-aliceforchildren”,”link”:”~wp-uploads\/2014\/04\/FoodWaste-aliceforchildren.jpg”,”target”:”_blank”,”class”:””,”scale”:”100%”,”position”:”center”,”store”:{“source”:”~upload\/3-21664c4595072052aff5c62129be3123.jpg”,”width”:600,”height”:401,”mime”:”image\/jpeg”,”size”:227379},”size”:{“width”:600,”height”:401}},{“id”:”4″,”block”:”rte”,”content”:”

Dalla Francia oltre a un sito in cui trovare ricette originali per cucinare gli avanzi (lebruitdufrigo.fr<\/a>), arriva partagetonfrigo.fr<\/a> ovvero \u201ccondividi il tuo frigorifero\u201d, un sito nato da un\u2019associazione che si occupa della riduzione dei rifiuti e che suggerisce di portare gli avanzi di cibo in un frigorifero comunitario e condiviso come per per esempio il luogo di lavoro.<\/p>

Dalla Gran Bretagna invece, arriva il consiglio di organizzare meglio i propri <\/strong>acquisti:<\/strong> l\u2019associazione Love Food Hate Waste<\/a>, \u201cama il cibo odia i rifiuti\u201d, attraverso il proprio sito offre suggerimenti e indicazioni su come diventare consumatori responsabili<\/strong>.<\/p>

In USA, da Agosto 2013, esiste l\u2019applicazione<\/strong> per smartphone, <\/em>Leftover Swap<\/a>, che d\u00e0 un destinatario agli avanzi. L’app ideata da due programmatori di San Francisco, Bryan Summersett e Dan Newman, \u00e8 molto semplice: basta scattare una foto del cibo avanzato, postarla nel database dell’app e aspettare che qualcuno lo richieda!<\/span><\/p>

Insomma il mondo si mobilita contro lo spreco alimentare, speriamo non sia una moda ma una presa di coscienza del fatto che non sprecare il cibo \u00e8 un dovere che abbiamo nei confronti dell\u2019ambiente, del Pianeta e di chi, non lontano da noi, ogni giorno muore di fame.<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

15 settembre 2020

News dal Kenya

Le scuole chiuse cancellano i diritti dei bambini

Secondo un recente studio delle Nazioni Unite, nei prossimi dieci anni il numero delle spose bambine nel mondo crescerà di 13 milioni. Questa è solo una delle conseguenze della chiusura … Continua

10 settembre 2020

Il Tuo 5x1000 Può Fare la Differenza

Il 2020 è un anno particolare, anche per la donazione del 5×1000: a causa della pandemia e del lockdown, le scadenze per la presentazione del 730 o del Modello Redditi … Continua

9 settembre 2020

News dal Kenya

Supporto Sanitario a Nairobi: a Che Punto Siamo

Dallo scorso marzo ci siamo attivati per affrontare l’emergenza legata al COVID-19 anche da un punto di vista sanitario e medico. Nonostante i casi di Coronavirus e le morti causate … Continua

× Come possiamo aiutarti?